Home Vaielettrico risponde Ricarica domiciliare: una corsa ad ostacoli in condominio

Ricarica domiciliare: una corsa ad ostacoli in condominio

7
condominio

La ricarica domiciliare in condominio resta un rebus. A meno che non si viva in una casa monofamiliare, raggiungere la meta di una wallbox in garage è sempre una corsa ad ostacoli, uno slalom fra norme tecniche, sicurezza e diritto condominiale come ci confermano le mail di Gianluca e Napoleone. Inviate i vostri quesiti a info@vaielettrico.it.

PHOENIX CONTACT

Quattro condomini d’accordo. Ma per pagare?

condominio

 

punto interrogativoVorrei installare una wallbox in una palazzina di 4 appartamenti, mi farebbe molto piacere ricevere i vostri consigli. La colonnina verrà installata all’interno della proprietà, in prossimità dei parcheggi non coperti, per tanto sarà esposta alle intemperie, la potenza di ricarica potrà essere di 4/5 KW(il contatore è 15 KW trifase).
Visto che wallbox verrà utilizzata da più persone c’è la possibilità di quantificare il consumo di ciascun condomino? In che modo? Quale modello mi consigliate?
Magari avete già fatto un articolo che parla di questo argomento ma io non sono riuscito a trovarlo. Gianluca

Come alimento il mio box sotterraneo?

La wallbox Prism Solar integrata all’impianto fotovoltaicoD
Vorrei rivolgervi un quesito per una situazione in cui si trovano molti che vivono in città nei condomìni. Abito infatti in un grosso condominio di circa 250 appartamenti con altrettanti box interrati nel giardino. Il box non é collegato al contatore di casa.
Se volessi acquistare un’auto elettrica e ricaricarla nel mio box dovrei portare un cavo dal mio contatore o richiedere l’installazione di una nuova utenza nello stesso.
Temo che tutte e due le soluzioni siano notevolmente costose e non so se otterrei il permesso dal mio condominio di farlo.
La distanza precisa tra il mio contatore domestico e il box non la so perché non so quale percorso farebbe fare al cavo l”eventuale installatore. In linea d’aria saranno 150/180 metri che, nel percorso potrebbero diventare facilmente 300. Interpellerò un elettricista che potrà dirmi la lunghezza del cavo con una approssimazione di 10/20 metri.

Costa più il collegamento della wallbox

condominio
Wallbox montate in serie nell’autorimessa condominiale
Ho interpellato Plenitude per una nuova utenza; mi hanno detto 25,00 euro per contributo fisso,  circa 120 euro per ogni kw richiesto (minimo 2,3), 187 euro per i primi 200 metri, 90 euro per ogni 100 m. Una spesa non quantificabile per il progetto e il permesso del condominio per far passare i cavi nelle parti comuni.
Rimane la spesa della wallbox dagli 800 ai 2500 euro, un estintore e la comunicazione ai pompieri. Resta però così la spesa fissa per l’utenza anche se non dovessi consumare nulla.
Siccome  nel mio condominio ci sono circa 250 box, forse, si potrebbero dividere alcune spese facendolo assieme. Ma più persone si debbono mettere assieme, più le difficoltà aumentano perché ognuno dice la sua; e i cavi, aumentando la potenza richiesta, debbono essere di sezione maggiorore.

Una soluzione ci sarebbe: ls wallbox condivisa

Un’altra soluzione ci sarebbe. Alcune ditte installano colonnine di ricarica gratuitamente nei condonini, ma poi il difficile é trovare gli spazi, gestire i turni e avere il permesso dal condominio per l’operazione. Quì poi i costi delle ricariche sarebbero notevolmente più alti perchè queste ditte devono fare reddito.
Un’ altra soluzione sarebbe, siccome ho 5 box, far installare una wallbox  da una di queste ditte, lasciare il box aperto (alla mercé dei vandali) dando la possibilità a chi vuole, di ricaricare la sua auto. Il rischio sarebbe di trovare occupato il posto quando devo caricare io. Problema di lana caprina.
Alla luce dei fatti credo che non se ne farà nulla perché la faccenda é troppo costosa e di difficile realizzazione. Napoleone

Cambiamo le regole, o non ne usciamo più

punto interrogativoRisposta- Caro Napoleone, rispondo prima a lei che ci propone un caso di scuola, un vero e proprio rompicapo che però riguarda decine di migliaia di utenti elettrici.

La capisco perfettamente perché sono più o meno nella sue stesse condizioni. Da più di un anno possiedo un garage in un condominio con autorimessa sotterranea a 4 piani che tra l’altro mi è stato venduto con l’espressa “possibilità di ricaricare l’auto elettrica“. In realtà l’amministratore sta cercando una soluzione tecnica comune che ottenga il consenso della maggioranza dei condomini, senza ancora aver risolto il problema.

condominio

Penso che senza una legge ad hoc che chiarisca definitivamente le regole tecniche e la normativa prevenzione incendi dei Vigili del Fuoco e senza una riforma radicale del diritto condominiale non ne verremo mai a capo. Posso solo suggerirle di interpellare ChargeGuru, una società di consulenza specializzata in soluzioni di ricarica domestica chiavi in mano. Qui il loro sito. Ma non è detto che riescano a risolvere il suo problema poichè la confusione è tanta che ogni caso fa storia a sè. La community di Vaielettrico, innoltre, può contare su un buon numero di tecnici installatori o automobilisti elettrici che hanno già vissuto le stesse vicissitudini. Speriamo che qualcuno si faccia vivo con buoni consigli.

Una wallbox per più condomini: paga chi consuma

Veniamo al quesito di Gianluca. Quasi tutti i principali produttori di wallbox hanno a listino caricatori concepiti per l’utilizzo condiviso. Sono abbinati a una carta RFID che serve ad identificare l’utilizzatore, attivare la ricarica, contabilizzare il prelievo così da suddividere proporzionalmente il costo in bolletta sul POD condominiale. Sicuramente offrono questa soluzione aziende italiane come Silla Industries, Daze Technology, PlusEV Charge, Scame o aziende straniere come Wallbox Chargers, Circontrol, ABB e molte altre. Tutte hanno una versione per esterni che resiste agli agenti atmosferici.

– Iscriviti a Newsletter e canale YouTube di Vaielettrico –

Apri commenti

7 COMMENTI

  1. per forza una wallbox ? una auto si ricarica normalmente anche da presa normale 230 volts , basta avere un buon impianto in regola e con buona messa a terra ( e almeno una notte a disposizione )
    direi che a parte tesla e altri macchinoni con 60 – 80 kw si riesce a caricare 25 – 30 kw in 10 ore , cioe’ il pieno per spring , zoe, peugeot 208 , opel corsa , mg quasi il pieno e fate un po voi .

    • Ciao, non per te che sei ferrato, ma per chi leggesse e fosse meno esperto

      preciso che “buon impianto” può talora significare sostituire il cablaggio già “in regola” con uno leggermente maggiorato come sezione per avere ancora più margine di sicurezza e meno dispersioni di corrente

      Niente di difficile o costoso, a meno che l’impianto non sia recente e con dati tecnici dei cavi già noti, basta un rapido check di un elettricista

      – più sicurezza, considerando che anche se si va a prelevare una potenza modesta (per esempio caricando a 10A sono 2,3 kw, potenza pari a quella di un ascigacapelli), lo si fa per molte ore consecutive; un caso di sezione risiscata (e/o vecchio di un paio di decenni se la casa non è nuova, con riduzione per età della sua portata nominale) nelle canaline potrebbe avere una lenta deriva termica che lo porta a scaldarsi

      – meno dispersioni di corrente, specie se il cavo fa un percorso lungo sino al garage, perche se il cavo scalda o anche solo si intiepidisce, sta sottraendo un po’ di energia erogata dal contatore e che non finirà nella batteria

      Lo stesso discorso, di sovradimensionare, si può valutare per la presa nel muro, se ne era parlato qui, nell’articolo e nei commenti:

      https://www.vaielettrico.it/caricare-con-la-schuko-spedendo-poco-si-puo-fare-di-meglio/

  2. Quando ho scritto in merito alle medesime problematiche, quì i vari commentatori soliti, mi hanno risposto: “la mobilità elettrica non si fermerà perché tu non puoi”… Oppure con gente che ” e ma io nella mia villa ho fatto pure il 110 gratis”.
    Poi mi ritrovo lettere come questa, dove si parla di decine di migliaia di casi simili, io farei milioni vista l’urbanistica italiana.

    Questo è tra i principali motivi del la bassa duffusione dell’auto elettrica in Italia dopo prezzo e salti mortali per ricaricare.
    Qui si dovrebbero concentrare gli sforzi dei burocrati: la semplificazione: basterebbe che il condomino faccia fare perizia e progetto da professionista abilitato, verifica vigili del fuoco (quando fanno le cpi neanche vanno in loco oramai), cablaggio e aggiornamento tecnico della parte dell’immobile interessata a spese del condomino (quando necessario) e ovviamente comunicazione all’amministratore.

    Invece bisogna fare i salti mortali.

    • Suvvia per il 2035 c’è ancora tempo utile per risolvere questi tecnicismi burocratici, anche se stiamo in Italia

    • si da noi è così per tutto non solo per la ricarica è tutto molto molto complicato quasi impossibile in tempi ragionevoli per qualsiasi stupidata occorrono anni

    • “Qui si dovrebbero concentrare gli sforzi dei burocrati” Non sembra che questo governo abbia sposato la causa della transizione energetica per l’abbandono delle fonti non rinnovabili.
      Mancando la volontà a livello centrale, ed essendocene invece una opposta ben radicata a livello media e conseguentemente a livello disinformati/disinteressati, rassegniamoci a fare la nuova Cuba europea (a patto di avere la loro stessa sanità, però).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome