Home Turismo elettrico Turismo elettrico: A Manerba e S. Felice dove si naviga solo in...

Turismo elettrico: A Manerba e S. Felice dove si naviga solo in elettrico

0
CONDIVIDI

Vietati i motori a scoppio. Solo barche elettriche al Parco Lacuale della Rocca di Manerba. Siamo sulla costa ovest del Lago di Garda dove è nata Nautica Felice Barchelettriche Sans Filis che offre escursioni a pieno contatto con la natura.

La navigazione solo elettrica la conosciamo in alcuni laghi alpini di Austria e Germania mentre nel ramo trentino del Garda sono vietati tutti i motori (guarda) anche ad emissioni zero perché  puntano sulla vela. Nel  comune di Manerba, siamo in provincia di Brescia, permettono la navigazione nel Parco Lacuale della Rocca esclusivamente ai mezzi elettrici. Un’opportunità che ha colto al volto Stefania Turra, del Comune di San Felice, di Nautica Felice Barchelettriche San Filis

+razie all’incontro con Michele Solari di Barche Elettriche (guarda).

L’idea nasce con la barca da pesca Penelope

Approdo della barca elettrica a Manerba
La barca elettrica pronta a partire

L’idea è nata tre anni fa, ci racconta Stefania, “con Penelope, la mia prima barchetta da pesca alla quale ho voluto montare un motore elettrico”. Un’esperienza personale poi trascritta in un business plan grazie alla collaborazione con l’Hotel San Filis che ha offerto il servizio ai clienti. “Da quest’anno il noleggio è aperto a tutti, soprattutto a coloro che amano una navigazione silenziosa, slow e rispettosa dell’ambiente”.

Lagon 55  con autonomia da 7 ore a 4 nodi

Una barca facile da guidare

Vediamo alcuni dati della barca. Si tratta di una Lagon 55 offerta da  Barchelettriche (guarda). La propulsione è affidata ad un motore fuoribordo Torqeedo 4.0 da 4 kW alimentato da un pacco batterie piombo gel da 48 V e 150 Ah. La velocità è sui 4 nodi per un’autonomia di 7 ore. Un elemento interessante è la buona accessibilità che garantisce ospitalità alle persone diversamente abili e il trasporto di passeggini e bici. E’ lunga 5,5 metri e larga 2,2; omologata sia per mare sia per acque interne e porta 10 passeggeri.

L’itinerario slow sulle isole del Garda 

L'area del Parco di Manerba
L’itinerario del Parco di Manerba

Noleggiare la barca significa scoprire le meraviglie naturalistiche del parco lacuale della Rocca di Manerba. Una navigazione ad alto contenuto emozionale ma ad  emissioni zero nel Golfo di San Felice Manerba con le bellissime isole del Garda a iniziare da quella  di San Biagio conosciuta anche come l’isola dei Conigli per la presenza di una popolosa comunità di questi mammiferi che hanno trovato casa in questo piccolo lembo di terra. A poca distanza si scopre lo Scoglio dall’Altare così battezzato perché una volta veniva celebrata una messa per i pescatori di tutto il Garda, funzione religiosa in barca. Il Parco Lacuale si estende per 84,8 ettari di specchio d’acqua più i 116,2 ettari di territorio costiero. Consigliata la visita al museo archeologico che racconta di tracce neolitiche proprio sul lago abitato nelle palafitte.

A Manerba si spendono dai 90 ai 250 euro

Il bel panorama dalla barca

Quanto si spende? Ecco il tariffario presentato da Stefania: “Il prezzo varia dai 90 euro per due ore, poi 120/150 per la mezza giornata e 220/250 per  quella intera. C’è un’oscillazione stagionale,  sono prezzi finiti perché si evita di pagare il  carburante”. Inoltre il prezzo si divide per più persone, quindi per mezza giornata si possono spendere 12/15 euro a persona.

Modello  green di gestione del territorio

Manerba è uno dei modelli di turismo responsabile ed ecologico da imitare in altri siti: “Solo le nostre barche elettriche hanno l’autorizzazione per entrate nel parco. Merito della lungimiranza dell’amministrazione comunale di Manerba del Garda e alla collaborazione di Michele Solari di Barchelettriche“. In questo modo si gode il paesaggio nel rispetto dell’ambiente. “Ho voluto iniziare l’attività  perché ero e sono stanca di vedere la devastazione e il poco rispetto che vivo ogni anno sul Lago di Garda“.  La coscienza ambientale c’è: “Mi ha poi supportato Benaco Charter di Andrea Speri nella scelta della barca elettrica ovvero Lagon 55 di Barchelettriche“.

Servono colonnine

La barca elettrica nel parco di Manerba
La Lagon 55 di Barchelettriche a Manerba e San Felice dove servono colonnine

Bene l’iniziativa, ma c’è tanto da fare: “Purtroppo mancano ancora le colonnine per la ricarica nei porti pubblici del Lago, fattore che ostacola lo sviluppo della nautica elettrica“. Stefania ha trovato la soluzione: “Abbiamo avviato una collaborazione con l’Hotel “Sogno” di San Felice che ci fornisce l’attracco, l’assistenza e la possibilità di ricarica nel suo molo. La facilità della gestione sta nel fatto che i clienti apprezzano la velocità slow delle barche e quindi, difficilmente causano danni allo scafo. Abbiamo il limite dell’autonomia se si vuole aumentare la velocità, per questo in determinate condizioni meteo preferiamo lasciare all’ormeggio le barche“. Vanno bene gli affari, ma prima la sicurezza.

Info e prenotazioni

Se volete prenotare un’escursione nel parco in barca elettrica basta telefonare a Stefania, questo il suo numero (anche via whatsapp) +39 347 2563585. Oppure un contatto nella pagina Facebook (link). Oltre l’escursione naturalistica vengono proposti pic nic e aperitivi in barca con i prodotti tipici.

LEGGI ANCHE: Tutti gli itinerari turistici di Vai Elettrico