Home Auto Anche in elettrico il futuro è tutto un Suv

Anche in elettrico il futuro è tutto un Suv

2
CONDIVIDI
Il prototipo del futuro Mercedes EQ, il Suv elettrico atteso per il prossimo anno

Solo Suv, nient’altro che Suv. Chi si aspettava che con l’avvento dei motori elettrici le Case progettassero soprattutto citycar, rimarrà deluso. In arrivo ci sono tanti Suv, tendenza confermata anche dal Salone di Detroit 2018.

Ci sono motivi tecnici e di mercato, alla base di questo orientamento. Le batterie sono ancora pesanti e probabilmente è meno complicato ammortizzarle in una macchina da due tonnellate piuttosto che in un’utilitaria da 11-12 quintali. Ma c’è anche una ragione commerciale, fortissima: elettriche o no, le auto vanno vendute e in tutto il mondo negli ultimi anni si è assistito a un’inarrestabile avanzata nelle quote di mercato degli Sport utility vehicle. Vediamo allora che cosa c’è in preparazione.

I tedeschi scaldano i motori

Fanno sempre così, magari non arrivano per primi, ma quando arrivano…Il dieselgate ha spinto il gruppo Volkswagen ad accelerare i programmi sull’elettrico e il primo frutto si vedrà già nella seconda parte dell’anno, quando nelle concessionarie Audi arriverà il Suv e-Tron Quattro, con dimensioni che lo collocano a metà tra la Q5 e la Q7 e un prezzo di partenza che dovrebbe essere superiore agli 80 mila euro. Le prestazioni attese sono notevoli: un’accelerazione da 0 a 100 in 4,6 secondi e una velocità autolimitata a 210 all’ora, con un’autonomia di 500 km. garantita da una batteria da 95 kWh.

Il concept Audi e-Tron Quattro

La Volkswagen risponderà due anni dopo, nel 2020, con un Suv-coupée di dimensioni più contenute e dai prezzi più abbordabili, per ora identificato con il nome di Crozz, parte di una famiglia di EV: costruito sulla piattaforma MEB– concepita per le auto a emissioni zero del gruppo di Wolfsburg – sarà spinto da 2 motori elettrici posizionati sugli assi; insieme garantiscono 306 cavalli di potenza complessiva, scaricati a terra dalle 4 ruote motrici. La batteria da 83 kWh (che si ricaricano all’80% in mezz’ora se collegate a colonnine da 150 kW) garantiscono un’autonomia di circa 500 km secondo il ciclo di omologazione Nedc. Quindi con una percorrenza reale di circa 350 km.

Il prototipo della Volkswagen Crozz, in arrivo nel 2020

In attesa che anche BMW chiarisca i suoi progetti, non poteva mancare la Mercedes al gran ballo dei Suv elettrici. Lacuna che la Casa di Stoccarda colmerà già il prossimo anno con la EQ C, vettura di cui è già stato mostrato il bellissimo concept, con dimensioni tutto sommato abbastanza contenute (è lunga 466 cm.), che la metterebbero in concorrenza diretta più con la Crozz che con la Audi e-Tron Quattro . L’autonomia dovrebbe essere di circa 500 chilometri Nedc, anche qui pari a circa 350 chilometri reali. Ancora non sono stati resi noti i dati tecnici, ma si sa che la vettura prosegue nella fase finale dei collaudi, come riportato ripetutamente da diversi siti americani.

Due immagini del concept della Mercedes EQ C

La Ford rispolvera il glorioso nome Mach 1

E gli americani? Chi ha già scoperto le sue carte è la Ford, che al Salone di Detroit di metà gennaio ha annunciato il prossimo arrivo di un super-Suv che porterà il glorioso nome di Mach 1. Ovvero della muscle-car che la Casa di Deaborn ricavò dalla Mustang e che fu prodotta dal 1969, quasi mezzo secolo fa (guarda questa scheda) . L’idea è quella di entrare in concorrenza diretta con la Tesla Model X e con gli altri Suv che i costruttori europei e del Far East metteranno in produzione, in gran parte descritti in questo articolo. Si parla di un’autonomia di 550 km. e di prestazioni, visto il nome, ovviamente sportiveggianti, con una sfida lanciata già dal video-teaser che trovate qui sotto.

 

Arriva Lexus, Nissan insiste

Si pensava che la Toyota, con il suo brand di lusso Lexus, tenesse dritta la barra sull’ibrido, dopo essere stata la prima Casa nel lontano 1997 a introdurre il doppio motore, elettrico e benzina. Ora però la Casa giapponese ha rivelato che di qui al 2025 entrambi i suoi marchi avranno solo modelli disponibili in versione elettrificata (ibridi, quindi) o pura elettrica. E l’antipasto di questa conversione arriverà con la Lexus  LF-1 Limitless.

La Lexus LF1, qui e sotto

In cui la definizione Limitless (senza limiti) indica il fatto che questa macchine potrebbe ospitare propulsori fuel cell, ibridi, plug-in hybrid, benzina o, appunto, solo elettrici. Più che a un Suv, le linee fanno pensare a un cross-over, ovvero a un incrocio tra una station wagon e quel che una volta si definiva un fuoristrada. Automobili che piacciono molto agli americani (e non solo).

 

 

 

 

2 COMMENTI

  1. Bene, molto bene, nei prossimi due anni ne vedremo “delle belle”. Nel senso che usciranno dell’EV molto belle. Per esempio a me la Mercedes EQ-C piace moltissimo. Poi sono convinto che con le batterie da almeno 60 kw le percorrenze diventino più che accettabili.
    Grazie per le preziose informazioni a chi, come me, sta decidendo di acquistare la seconda EV in famiglia e non sa se fare l’acquisto subito od attendere ancora un momento.

Comments are closed.