Home Tecnologia & Industria Un tettuccio solare by Hyundai: ne vale la pena?

Un tettuccio solare by Hyundai: ne vale la pena?

1
CONDIVIDI

Un tettuccio solare by Hyundai, su un modello (la Sonata) che al momento non è in vendita in Europa. Ma basta a riaccendere il dibattito: ne vale la pena?

Aggiunge solo 3,6 km al giorno

Premessa: la Sonata non è un’elettrica pura, è un’ibrida. E non è che I pannelli solari montati sul tettuccio aggiungano un’autonomia strabiliante. Il costruttore parla di 1.300 km all’anno, con una media di 6 ore giornaliere di irraggiamento. Il sito Cleantechnica ha fatto i conti (qui): fanno 3,6 km al giorno, non proprio un’enormità.

Hyundai Sonata
Il tetto a pannelli solari della Hyundai Sonata

Diciamo da casa al supermercato, ma meglio di niente. Anche se la Toyota con il suo prototipo svelato a inizio luglio parla di cifre ben diverse: lì si lavora a 56 km di “autonomia solare”, in partnership con due specialisti come Nedo e Sharp. In quel caso si tratta di un’auto solo-elettrica, mentre questa Sonata è appunto un’ibrida in cui il motore elettrico normalmente è ricaricato dal motore endotermico. Oltre all’aiutino che arriva dal tetto.

Il sogno di produrre quel che si consuma

Si tratta del primo roof a pannelli solari entrato in produzione su una Hyundai. Ma la Casa coreana sta lavorando a un nuovo tetto solare, molto più performante e semi trasparente. E comunque l’idea che le vetture producano col solare parte dell’energia che consumano continua comunque ad intrigare aziende blasonate (come Toyota e Hyundai, appunto) e start up.

Toyota solare
Il prototipo della Toyota elettrica con tetto solare

Ricordiamo che l’anno prossimo in Svezia, nella fabbrica ex Saab, entrerà in produzione la Sion, una citycar interamente ricoperta di pannelli solari. L’ha ideata dalla start-up tedesca, Sono Motors, che sostiene di avere già in casa più di 10 mila ordini (qui l’articolo). Mentre a un’auto ‘solare’ assai più costosa, la Lightyear One, lavora anche un’azienda olandese, nata come spin-off di un programma di ricerca universitario (leggi qui). Ma è ovvio che il successo di queste soluzioni dipenderà in gran parte dal rapporto spesa-resa. Ne riparleremo.

 

 

 

1 COMMENTO

  1. La sion penso che con i suoi pannelli riesca a dare una trentina di chilometri, in stato ottimale.
    Farebbe al caso mio, faccio 40 chilometri al giorno tra andare e tornare dal lavoro, lascio tutto il giorno la macchina sotto il sole, quando ho caricato le batterie che danno circa 250 km di autonomia vado avanti per un mese.

Comments are closed.