Home Auto il mio anno elettrico 2/ Una famiglia, due EV: e-Up e Zoe

il mio anno elettrico 2/ Una famiglia, due EV: e-Up e Zoe

37
CONDIVIDI
Il romagnolo Enrico Golfieri con la moglie e le due elettriche di famiglia, una Zoe e una e-Up.
Il mio anno elettrico 2 /Oggi è Enrico a raccogliere l’invito a raccontare il 2020 con l’auto a batterie. Le elettriche in famiglia sono addirittura due. La mail per condividere la propria esperienza, nel bene e nel male, è info@vaielettrico.it
                                              di Enrico Golfieri
Io e la mia famiglia abbiamo acquistato l’anno scorso ad agosto una  Renault Zoe con batteria da 40 kW. La vettura la usa quasi esclusivamente mia moglie per tragitto casa-lavoro e per le commesse quotidiane nelle città vicine in un raggio di circa 60/70 Km.

Il mio anno elettrico / “Spendo in media due euro e mezzo per fare 100 km”

il mio anno elettrico
La wall-box (con copertura) usata per la ricarica a casa.

Ad oggi ha percorso circa 10.000Km con un consumo medio di circa 13,2Kw x 100 Km (utilizzando sia il condizionatore che il riscaldamento). La ricarica la effettuiamo prevalentemente a casa poiché ho acquistato una wallbox da 7,2Kw. Generalmente quando la batteria scende al 70% ricarichiamo e questo avviene circa 2 volte a settimana. Avendo sia i pannelli fotovoltaici sia un contratto di energia verde, col costo del Kwh a 0,0266€ ho stimato per 100Km un costo medio di circa 2,5€ (forse anche meno). Spesso ci capita di ricaricare al centro commerciale Esp di Ravenna, che mette a disposizione dei clienti 8 colonnine gratuitamente a servizio dei clienti con auto elettriche.

Il mio anno elettrico / I più e i meno

Posso solo dire che mia moglie è super contenta di non fare più benzina (al mese circa 90€). Ma anche per la facilità di guida col cambio automatico e per la silenziosità quando è in moto. Come al solito, era molto titubante ad acquistare un auto totalmente elettrica, ma dopo il primo mese aveva già cambiato idea.E adesso sicuramente non tornerebbe più all’auto endotermica. Che cosa non mi convince ancora? Sicuramente ci sono ancora poche colonnine  sopratutto in autostrada sono assenti. E questo costringe ad uscire e cercarne una nelle vicinanze, magari gratuita in qualche centro commerciale o ristorante. Altra cosa che al momento mi dà fastidio (so che i costi d’investimento sono elevati) è il costo di ricarica alle colonnine Enel o di altre aziende molto onerosi (più di 0,4€ per kW). Sono veramente tanti pensando che a casa ne spendiamo meno delle metà.
—-  Leggi anche /il mio anno elettrico Il mio anno elettrico: il bilancio di Gianmarco, numeri alla mano, dopo i primi nove mesi con la Tesla Model 3  —-

“E ora una e-Up per mia figlia”

il mio anno elettricoChe cosa mi convince? Sicuramente la silenziosità, la facilità di guida, ma sopratutto il concept alla base della mobilità elettrica la possibilità di andare dove si vuole senza inquinare l’ambiente. Unico neo sono ancora i prezzi molto elevati per l’acquisto, anche se una buona mano ce l’ha data il governo con gli incentivi. Altra cosa che fa piacere è il parcheggio gratis, poter entrare nella ZTL e avere il bollo gratis per tre anni e anche l’assicurazione ha dei costi più ridotti. Siamo stati talmente contenti della scelta che quest’anno abbiamo acquistato anche una e-Up Volkswagen per mia figlia neopatentata. L’abbiamo neanche da un mese e quindi non sono ancora in grado di poter fare una recensione completa. Ma per quel che l’abbiamo utilizzata, sia io che mia figlia, siamo molto contenti, anche grazie alla ricca dotazione di optional di serie presenti.
il mio anno elettrico— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —
Apri commenti

37 COMMENTI

  1. Anch’io ho un impianto FV ma senza batteria d’accumulo . Caricando la macchina di notte, non utilizzerei l’energia prodotta di giorno. Quindi la ricarica non sarebbe gratis. E’ giusto? O C’è qualcosa che ancora non ho capito bene?

    • Quello che dici è vero in questo caso devi trovarti un fornitore di energia elettrica che abbia il costo della fascia F3 più basso possibile

  2. Purtroppo, la notizia è confermata dal prezzo apparso ieri sul sito Renault: la versione intens motore 100 kW ha un prezzo a partire da 38.000 euro….

  3. Intanto grazie mille, quanto costerebbe più o meno un pieno di ricarica a casa? Sento pareri discordanti…. Comunque mi aspettavo di più dagli incentivi ho visto che a noi darebbero max 6000€ considerando che non abbiamo auto da rottamare, sono rimasto deluso. La Renault adesso dovrebbe aumentare il prezzo della Zoe perché le batterie non sono più a noleggio, è una notizia vera? Grazie mille per le informazioni. Buona giornata

  4. Scusa Enrico, ho appena acquistato casa con un impianto fotovoltaico da 3,5 kW, potrei tirare una linea x wallwall box dedicata alla ricarica dell’auto? Secondo te mi può bastare?
    Grazie

    • Io ho un impianto FV da 3Kwh e un contratto della luce di 3Kwh in caso ho un forno una lavatrice una asciugatrice e il fornello ad induzione, la wallbox Zappy è intelligente e gestisci i carichi della casa e quelli dell’auto e del FV, alla ricarica gli viene sempre assegnata la potenza residua di quello che si consuma in casa. Non ho fatto nessuna linea diretta con l’impianto poichè tantissime volte le ricarica delle EV la faccio alla notte.

  5. Passato a E Niro, fatto anche primo viaggio Ferrara / Milano senza problemi. In casa abbiamo anche un’auto a gpl, ma adesso questa è quella che usiamo maggiormente. Unico problema i rapporti con il condominio. Ho dovuto installare un nuovo contatore perché non mi hanno fatto collegare al contatore condominiale anche se ampiamente dimensionato (trifase per alimentazione ascensore) e non era possibile alimentare la wallbox nel box di proprietà con il mio contatore. Questo purtroppo farà salire i vosti di ricarica. Chiaro che l’uso di un’auto ev dipende dall’utilizzo prevalente. Noi raramente facciamo viaggi oltre i 300 km e mai per lavoro

    • Buongiorno a tutti, dovrebbe arrivarmi a giorni la vw e-up ordinata vari mesi fa. Ho un garage vicino casa, ma con contatore separato da 3 kw e ho fatto intallare una presa cee (blu) perché ho sentito che la schuko potrebbe surriscaldare; é stata una buona scelta? Se uso un adattatore cee/schuko, mi carica a 3 o a 2,3 kw? In un secondo tempo se necessario pensavo di prendere una wall box portatile da 3,7 kw, servirà? Buon 2021

      • LA vw E-Up ha in dotazione un cavo per la ricarica domestica con presa schuko e alimentatore incorporato, la stessa concessionaria in officina ricaricava la macchina solo con la presa schuko, sicuramente se hai installato la presa industriale hai aumentato la sicurezza però ricaricando con la wallbox non so dirti quanto tempo ci voglia con la presa schuko, la wallbox potrebbe anche non servirti, appena ne entri in possesso vedrai come si comporta poi potrai prendere una decisione ragionata

  6. Scrivo non per un commento, bensì per una domanda al sig. Enrico Golfieri.
    La wallbox da 7,2Kw l’ha acquistata dalla Renault contestualmente alla Zoe o da altro rivenditore? Glielo chiedo perchè sto per acquistare l’auto e vorrei qualche informazione a riguardo.
    Grazie

      • Esperienza da possessore ZOE .
        Cosa ho fatto x alimentare la ZOE!!!!
        CASA SINGOLA
        IMP.FOTOV.CON SCAMBIO SUL POSTO 5.5 KW.
        CONTRATTO ENERG. 4.5 KW.
        Acquistato un cavo di ricarica tipo wallbox “intelligente” ma di quelli “portatili” che eroga 10A (2.2-2.5 kw) -15 A (3.2-3.5 kw).
        1°cosa ho dovuto tirare una linea dedicata con cavi da 4mm ( in casa abbiamo 2.5 mm) dal contatore al DIFFERENZIALE/MAGNETOTERMICO dedicato.
        2 scatole Ip 65 ( 1 con Diff/magn) e ( 1 con presa skuco).
        Il tutto in sicurezza dimensioni cavi/differz.magnet/ scatole IP 65.
        Faccio presente che la “WALLBOX” non si attivava con la semplice presa di casa!!! Probabilmente sentiva i cavi sotto dimensionati oppure un un’impianto non adeguato.
        Provato anche in altre case lo stesso problema.
        Provato in officina partito subito.
        Questo per dire che se hai una buona “wallbox” dovrebbe funzionare solo con un un’impianto ben dimensionato.
        Passiamo alla Ricarica:
        3.5KW dedicati alla ricarica altrimenti ci metti una vita a ricaricare!!!!
        ZOE da 55 KW carica residua 20% sono 45 KW: 3.5 KW = 13 ore circa.
        Fatto richiesta aumento 6 KW totali altrimenti fai fatica a gestire p.cottura/lavatrice/asciugatrice/condizionatori ecc nonostante si abbia il fotovoltaico che per 4 mesi invernali rende veramente poco.
        Spero di essere stato d’aiuto e Vi dico che la prossima auto “crisi permettendo” sarà 100% elettrica.
        Saluti.

    • Il computer di bordo della Zoe ti dice esattamente quanti KWh hai consumato per fare 100km

      Prendi il costo della tua bolletta della luce e lo dividi per i Kwh fatturati, avrai così un costo medio del Kwh e lo moltiplichi per il consumo dei Kwh/100Km fornito dal computer di bordo così sai quanto costa fare 100Km con l’auto elettrica. Poi sta a te ricercare sul mercato il fornitore che ti fa l’offerta migliore per l’energia elettrica, io uso ENNE energia

      • Così facendo, però il conto viene falsato dai costi fissi che si pagano indipendentemente dai kWh consumati.
        Facendo i conti con la bolletta dettagliata, mi risultano 0,16€ al kWh, con il mio fornitore.
        Complimenti per le sue auto, anche noi abbiamo acquistato una e-up e ne siamo molto soddisfatti.
        Saluti e buon anno a tutti

        • Se consideriamo solo il costo della materia prima quello che afferma è sicuramente vero però il prezzo che paghiamo comprende anche i costi fissi. Lo stesso vale anche per la benzina a causa delle accise dove queste sono addirittura più alte del costo della materia

  7. Salve, anche io sono tentato di acquistare una EV, però sono propenso ad aspettare ancora qualche anno: arrivo da un veicolo a GPL e mi trovo da dio per ora (autonomia e rifornimento). Avrei una domanda per voi alla quale non riesco a darmi risposta: ok il green (macchina gpl e a casa ho un impianto fotovoltaico, sono molto attento al tema) ma su larga scala come faremo ad alimentare ed a ricaricare tutti i veicoli elettrici ? Considerando che già buona parte dell’energia la importiamo da Francia e Svizzera.
    Saluti

    • Luca, la sua è una domanda ricorrente: l’importazione di energia dall’estero non deriva da mancanza di capacità produttiva ma da un complesso equilibrio di costi-disponibilità momntanei. E riguarda una quota del 5-10% dei consumi. peraltro esportiamo più del 3%. la capacità produttiva istallata in Italia è del 15% circa superiore al fabbisogno. Consideri che negli ultimi 20 anni i consumi sono diminuiti di più del 10%. Alimentare tutto il parco auto italiano con l’elettricità richiederebbe un aumento dei consumi molto inferore al 30%

      • Ma questi numeri da dove li prendi? Meno del trenta per cento di aumento per alimentare cosa? Tutto il parco auto attuale convertito in elettrico? Se è così, a naso c’è qualcosa che non mi convince.
        Se no, ho capito male qualcosa.
        Insomma è stato fatto un calcolo sulla base dei carburanti venduti ed è stato convertito il potenziale energetico in quello elettrico?
        Se così fosse sarebbe fantastico.

        • Prova a calcolare la percorrenza media annua del parco auto italiana, moltiplicala per il consumo medio in kWh di un’auto elettrica. Otterrai un totale di circa 100 TWh. Confrontalo con il consumo totale annuo di energia elettrica in Italia (circa 320 TWh) e hai la risposta. Non “a naso” ma precisa precisa.

        • Tenga presente che ci sono luoghi comuni contro i veicoli elettrici che vanno avanti da decenni. spesso in base a dati vecchi di decenni. I memi , specie se sono propagati in maniera interessata, sono duri a morire…

    • Luca,
      Ci riusciremo senz’altro in un solo e semplice modo: un miracolo.
      Battute a parte l’aumento della mobilità elettrica farà senz’altro crescere la potenza termica installata per la generazione elettrica di base. Chi dice il contrario sogna o non sa di che parla o è in malafede.
      Ma ciò non è una bocciatura, anzi uno stimolo nell’investire sulle infrastrutture energetiche avanzate e aumentare sempre di più la densità di potenza in modo tale che semplificare l’efficienza del settore.

      • Io ho un impianto fotovoltaico e ricarico x il 90 % al anno con l’impianto, l’auto lho presa perché quando il mio impianto produce troppo la tensione sale e x 10 minuti non produco più, ero andato dal Enel che mi avevano aumentato la portata, ma dopo un po ha ricominciato a succedere, ho la convinzione che l’enel lo faccia apposta perché altrimenti si produce troppa corrente, e loro devono sttosfruttate le loro centrali con perdite economiche

        • L’impedenza di rete nella tua zona è troppo elevata. l’Enel non c’entra. Puoi chiedere l’abbassamento della tensione di qualche punto percentuale. O rivedere l’impianto, perché potrebbe esserci un errore bel dimensionamento dei cavi sino al punto di immissione.

    • Graziano, se non se ne intente non è colpa sua, ma eviti di divulgare notizie false. Quello che accorcia la vita delle batterie è ricaricarle sempre oltre l’80%

      • Non e’ vero ne l’una ne l’altra cosa. SFUMATAMENTE, lasciare le batterie sempre piene a tappo senza usarle mai puo’ accorciargli la vita ma non e’ il caso, ovviamente, di una batteria utilizzata quotidianamente. Sono in ogni caso problematiche archeozoiche che non erano molto vere nemmeno dieci anni fa, per le batterie automotive, con bms evoluti. Non sono cellulari. Le batterie non sono uguali ed ovviamente i sistemi di controllo ed equilibratura non hanno niente a che vedere.
        Via su….

        • Si riferisce al mio consiglio di non ricaricare di frequente la batteria oltre l’80%? Non ho le competenze tecniche per poterlo garantire: mi limito a riferire quello che suggeriscono le case auto e i costruttori di batterie. Come esprienza personale posso solo dire che dopo aver raggiunto il 75-80% della carica tutte le auto rallentano vistosamente la velocità di assorbimento dell’energia. Il che mi sembra confermare quel che dicono i costruttori, e cioè che aumenti lo stress per le celle. Ripeto, il consiglio è di non ricaricarle abitualmente fino al 100%, senza escludere di farlo quando è indispensabile.

  8. Ciao Enrico, l’auto in che mese del 2019 l’hai comprata? Posso chiederti quanto l’hai pagata la Zoe?
    L’auto precedente alla Zoe, dopo quanti km e quanti anni di possesso l’hai venduta?

    • Ciao Enzo la zoe l’ho comprata ad agosto 2019 l’abbiamo pagata 16700€ con il noleggio della batteria a 39€/mese non abbiamo permutato nessuna auto.

      La E-Up l’abbiamo acquistata a novembre 2020 permutando una panda del 2004 che aveva 100000 km la E-Up l’abbiamo pagata 14000€

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome