Home Nautica E-LEKTRA, la barca italo svizzera tutta in carbonio

E-LEKTRA, la barca italo svizzera tutta in carbonio

0
CONDIVIDI
L'amministratore delegato di Be Positive

Si chiama E-LEKTRA la barca elettrica che stanno costruendo gli svizzeri di BE Positive (guarda). Tanto carbonio e tanta tecnologia a bordo. Sarà presentata al Salone di Parigi, scopriamo l’anteprima.

Abbiamo visto e toccato l’elica, provato il sistema elettronico che governa lo yacht mentre per lo scafo  siamo fermi al rendering. “Stiamo lavorando la presentazione è prevista per dicembre a Parigi”. Armando Villa, amministratore della società con sede a Chiasso, da appuntamento al Salon Nautic per il prodotto finito.

E-LEKTRA va leggera

Una simulazione di E-LEKTRA

In attesa del sipario francese ecco alcuni dati:  8 metri per 2,3 di larghezza, peso complessivo tra i 1150 e 1550 kg. La propulsione sarà assicurata da un motore elettrico fuoribordo con potenza variabile, dai 10 ai 30 kW. Le batterie sono al litio con una capacità di 66 kWh. Per quanto riguarda la velocità, varia dai 7 ai 15 nodi a seconda della motorizzazione scelta e dal numero di persone imbarcate. Per l’autonomia l’azienda assicura dalle 4 alle 6 ore a velocità di crociera.

I motori della  Garda Energy

L'elica della barcaI motori sono prodotti dal marchio italiano Garda Energy. “La possibilità di installare più motori permette al cliente di scegliere le prestazioni più legate al suo uso. Il sistema trim  assicura la a navigazione su bassi fondali” . Le eliche sono prodotte da Progetto Elica  e “sono state studiate per dare il massimo rendimento a velocità di crociera, sono  realizzate in bronzo per una maggiore resistenza all’usura e agli urti”.

Batterie di  MG Energy System

Le batterie sono prodotte da MG Energy System: “E’possibile installare fino a quattro pacchi di batterie a 48 volt per una potenza totale di 66 kilowatt – sottolinea Villa-. Le forniamo in funzione dei motori installati e delle prestazioni e dell’autonomia richiesta dal cliente”. Il sistema di controllo BMS ed il caricabatterie sono a firma Victron Energy come ci racconta Armando: “Il caricabatterie da 48 V 50 Ah  si può collegare alla classica presa da banchina a 230 V . Inoltre è possibile montare un ulteriore caricabatterie in parallelo a quello fornito di serie per ridurre i tempi di ricarica”.

Il software calcola consumi e velocità

Il software è della BE Positive. Il monitor da 12 pollici Raymarine offre oltre la classica funzione di plotter cartografico, GPS ed ecoscandaglio fornisce  i dati sulla potenza erogata, la tensione delle batterie, la corrente utilizzata e l’autonomia disponibile. Si imposta  la rotta e si calcola il tempo necessario per raggiungere la meta ad una determinata velocità. Dati che si possono leggere anche nella App da installare nello smartphone.

E-LEKTRA è sportiva 

A Be Positive puntano su una barca scattante, dinamica, sportiva: “Il progetto ha l’obiettivo di mettere in acqua uno scafo capace di opporre la minore resistenza possibile all’avanzamento in acqua ed evitare la formazione di onde” sottolinea l’amministratore Villa. “L’utilizzo del carbonio ci ha permesso di realizzare uno scafo molto leggero, abbiamo ridotto le misure per garantire il trasporto stradale e la navigazione nei canali”. Un’altra caratteristica  sottolineata dai padri di Elektra è la possibilità di fare a meno dell’antivegetativa, come spiega Villa: “La parte della carena a contatto con l’acqua dolce o salata è trattata con nanotecnologie EVOpdi. Si evita l’inquinamento”.

Prezzo da definire, ma aggressivo

Gestione a distanza del sistema di navigazione
Controllo da remoto del sistema disegnato da BE Positive

Il prezzo? Per il momento il manager evita di sbilanciarsi. “Cercheremo di proporre un prezzo aggressivo per entrare con forza nel mercato, ma stiamo ancora lavorando e lo comunicheremo alla presentazione di Parigi”. I modelli sono poi diversi, si prevede anche il cabinato destinato a 5/6 persone con divanetto e due prendisole. Si punta anche sulle barche da lavoro destinate al trasporto e al noleggio con 8/10 passeggeri. Una nicchia che promette bene.

LEGGI ANCHE: A Venezia gran successo per il fuoribordo di Mitek