Home Auto Una 911 elettrica? La Porsche: “NEIN”

Una 911 elettrica? La Porsche: “NEIN”

12
CONDIVIDI
Tre Porsche 911 Turbo S in prova sulla pista dell'aeroporto di Sidney, chiuso causa Covid.

Una 911 elettrica? La Porsche risponde con un secco “Nein”. A pronunciarlo è il direttore di produzione Ignor Reimold, in u’intervista sul sito della Casa tedesca.

Una 911 elettrica? No, i motori caldi avranno vita lunga

  • I motori a combustione saranno ancora prodotti nel 2050?
Albrecht Reimold, responsabile di Produzione e Logistica della Porsche.

Sulla base di tutto ciò che ho visto finora, la risposta è un chiaro sì. In Porsche abbiamo adottato anni fa una strategia di prodotto chiara e sostenibile. Si basa sui tre pilastri dei motori a combustione a basso consumo di carburante, dei modelli ibridi a basse emissioni e dei veicoli solo elettrici. Le tecnologie a basse emissioni giocano un ruolo sempre più importante. I motori a combustione hanno ancora molto potenziale anche quando si tratta di soddisfare normative ambientali più severe.- 

  • Anche alla Porsche?

Anche e soprattutto in Porsche. Entro cinque anni, la metà di tutte le nuove vetture avrà un motore elettrico, che sia un veicolo ibrido o una sportiva solo elettrica. Stiamo assumendo un ruolo pionieristico in questa tecnologia. Tuttavia, diversi mercarti si stanno sviluppando in modi molto diversi rispetto alla mobilità elettrica e al modo in cui si espandono le relative infrastrutture. Quindi stiamo anche lavorando a soluzioni innovative come i combustibili sintetici prodotti in modo sostenibile. Questi saranno pronti per il mercato nei prossimi cinque anni. Secondo gli esperti, questi e-fuel potranno far risparmiare milioni di tonnellate di emissioni di carbonio ogni anno”.

una 911 elettrica

  • Che cosa significa questo per la futura gamma di prodotti?

Che la Porsche diventerà più elettrica, ma non del tutto. La 911 non sarà disponibile con una trazione completamente elettrica. Nei prossimi cinque anni investiremo circa 15 miliardi di euro in mobilità elettrica, produzione sostenibile e trasformazione digitale. Le più grandi sfide del nostro tempo sono anche opportunità. La Strategia Porsche 2030 afferma che diventeremo ancora più sostenibili e che prendiamo sul serio la nostra responsabilità nei confronti della società. L’entusiasmo è uno dei nostri driver più potenti. Porsche continuerà ad essere il marchio per chi insegue i suoi sogni“.

Il secondo modello elettrico Porsche, la Taycan Cross Turismo.
  • Perché la sostenibilità è così importante per voi adesso?

La sostenibilità è una componente chiave della nostra strategia. È importante per noi avere una visione olistica di questo problema – dal punto di vista economico, ecologico e sociale. Il nostro approccio si basa su sei campi di azione, tra cui decarbonizzazione, diversità e catene di approvvigionamento trasparenti. Incorporeremo questi campi in tutte le nostre attività future. In concreto sosteniamo gli obiettivi climatici di Parigi e, ad esempio, stiamo lavorando per rendere la produzione in tutti i nostri siti carbon neutral. Questo è stato il caso di Zuffenhausen dall’inizio dello scorso anno e la fabbrica di Lipsia seguirà quest’anno“.

una 911 elettrica
Un’altra immagine della Porsche 911 Turbo S.

— Leggi anche / Il grande capo della Porsche: “Noi e Tesla su strade diverse”

12 COMMENTI

  1. Nostalgici. Ed in Porsche farebbero bene a chiarirsi le idee. Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.

  2. La 911 è marketing.

    Con i 2 metri e 45 di interesse della 911 e questa densità gravimetrica c’è poco da fare.
    Vedremo una Porsche sportiva, 911 o come si chiamerà, varcata la soglia dei 500 Wh/kg.

    911, un numero estraneo alle vittorie nel mondiale rally costruttori, quanto piloti.
    Neppure nel 1972, al Monte, quando doveva stravincere.
    Scesa la notte sul Col de Turini, nella tempesta di neve, la vecchia Fulvia HF con un Drago al volante batté tutte le 911 e le Alpine A110.

    In pista, per vincere la 24 ore di Le Mans, Porsche ha dovuto rigirare il flat six a sbalzo portandolo dove doveva essere. La RSR ottenne finalmente il bilanciamento che è sempre mancato alla 911, liberando lo spazio per mettere un diffusore adeguato.

    Una vettura sportiva diventa un mito quando vince le corse non quando le perde.
    Diversamente è marketing.
    E in Italia, dove da sempre i veri miti si mettono da parte, lo sappiamo bene.

    https://www.youtube.com/watch?v=e-figt9YYeE
    https://www.youtube.com/watch?v=CuaBHNKycvI
    https://www.youtube.com/watch?v=dTH4EysaCuo
    https://www.youtube.com/watch?v=wvcykpq0KYg
    https://www.youtube.com/watch?v=ud0swuSDpBw

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome