Home Auto Tesla supera bene il trimestre maledetto del Covid

Tesla supera bene il trimestre maledetto del Covid

0
CONDIVIDI

Tesla supera tutto sommato bene il trimestre maledetto, contrassegnato da lockdown, fabbriche e store fermi per lungo tempo. Consegnate 90 mila auto.

Tesla supera anche la prova dello stop produttivo: nell’auto è il titolo di Borsa più valutato al mondo

Tesla ha fatto addirittura meglio del trimestre precedente, quando le immatricolazioni (con il mercato cinese ai minimi sempre per il Corona Virus) si erano fermate a quota 88 mila. Siamo lontani dal record delle 112 mila vetture consegnate nell’ultimo trimestre del 2019, ma si tratta comunque di un buon dato.

Produzione e consegne 2° trimestre 2020

tesla supera

Tesla supera

Non a caso la Borsa di Wall Street ha premiato il titolo Tesla con un altro balzo in avanti del 7,95%: siamo a 1208.66 dollari, con 89.03 guadagnati in una sola seduta. Il che conferma la Casa di Elon Musk al primo posto al mondo tra tutte i costruttori di auto quanto a valore di Borsa, con una capitalizzazione ben superiore ai 210 miliardi di dollari. Superata anche Toyota, che vale circa 203 miliardi. Forbes (qui l’articolo) segnala che Tesla “adesso vale anche di più dei suoi concorrenti messi insieme” Ovvero Fiat Chrysler (20 miliardi di dollari), Ford (24 miliardi), Ferrari (32 miliardi), General Motors (36 miliardi), BMW (41 miliardi), Honda (46 miliardi) e Volkswagen (74 miliardi).

Musk sprona i suoi “per vincere tutti assieme”

Naturalmente la tenuta nel trimestre terribile è stata aiuta anche dalle prime consegne del Model Y, che vengono conteggiate assieme a quelle del Model 3. Adesso l’attenzione del mondo finanziario è concentrata sui risultati finanziari della prima metà dell’anno, che verranno resi noti nelle prossime settimane.

Tesla supera
Elon Musk ha scritto ai dipendenti Tesla

In una mail inviata nei giorni scorsi idi dipendenti, rivelata dal sito americano Electrek, il patron Elon Musk aveva esortato tutti al massimo impegno per cercare di costruire e consegnare il numero massimo possibile di auto. Facendo intravvedere la possibilità di chiudere con un risultato positivo anche il trimestre aprile-giugno. “Please go all out to ensure victory!”, aveva poi scritto Musk in un messaggio successivo. Un’esortazione a vincere tutti assieme che sarebbe impensabile in una fabbrica italiana. Insomma, Tesla supera anche la prova del Covid-19, a quanto pare. Un’altra brutta notizia per i suoi detrattori, che restano tanti in tutto il mondo.

— Leggi anche /   Tesla 2020: bene i conti del primo trimestre, male le parole (di Musk)