Home Auto Maurizio e la Citroen e-C4 in panne, atto secondo

Maurizio e la Citroen e-C4 in panne, atto secondo

32
CONDIVIDI
La Citroen e e-C4 usata per i test di ricarica nel garage del nostro lettore.

Maurizio e la sua Citroen e-C4 in panne, ferma ormai da un mese: ecco un aggiornamento fornito dal diretto interessato. Ovviamente siamo a disposizione per pubblicare il punto di vista della Casa francese, se vorrà inviarcelo. E non intendiamo, sulla base di un singolo caso, dare giudizi negativi su un modello. Resta il fatto che, come dimostrato anche con auto di altre marche, le elettriche si guastano meno, ma quando succede ripararle diventa complicato.

Maurizio e la Citroen: ricarichi e il sistema va in allarme

                           di Maurizio Campedelli

“Salve a tutti sono Maurizio, quello della C4E della provincia di Modena e vi aggiorno sul mio caso. Il 19 maggio vengo contattato dalla Concessionaria in quanto il tecnico inviato da Citroen vuole venire a testare la mia macchina con i suoi strumenti e con la mia wall box. Cosa chiesta da me a Febbraio, quando avvenne il primo problema. Il tecnico, molto preparato, si collega e, dopo un’ora di ricarica, il “sistema va il allarme”, nel senso che si interrompe la ricarica. Viene ricontrollato tutto e si far ripartire la ricarica“. 

maurizio e la CitroenDopo una mezz’ora, si ripresenta di nuovo il problema. I lavori vengono interrotti per l’oscurità (siamo nel mio garage di casa e sono le ore 20.00 circa), e i tecnici (ce n’è uno anche della Concessionaria), ripartono dicendomi che l’indomani mi avrebbero fatto sapere se riuscivano a trovare una C4E 11kW uguale alla mia“.

maurizio e la citroenMaurizio e la Citroen: o risolvi o mi cambi l’auto

Il giorno dopo vengo chiamato alle 10.00 (ero al lavoro), per chiedermi se era possibile rifare i test con una vettura uguale alla mia che avevano trovato. Ovviamente dò la mia disponibilità e facciamo le prove : la macchina si ricarica. Arriva mezzogiorno e si va a mangiare: i due tecnici ne approfittano per andare a pranzo e fare un giro per scaricare la batteria. Alle 14 circa ritornano e si riprende la ricarica: funziona nuovamente e la macchina si ricarica. Ci sono miliardi di spiegazioni tecniche ma, dalla prova e controprova, è abbastanza facile e logico capire che il problema è nella mia macchina. Il Tecnico mi dice che ci rivedremo con altri strumenti per analizzare la MIA WALL BOX che peraltro è la stessa che Citroen offre con la C4E. Replico che la Citroen non può più utilizzare il mio garage e la mia auto per fare ricerca e sviluppo sulle auto elettriche!. Possono venire quanto vogliono, ma dandomi un’auto uguale alla mia, che però si ricarichi come quella che hanno portato oggi. La mia se la devono tenere.

Il concessionario si attiene a qual che dice la Citroen

Maurizio e la CitroenLa mia storia sta assumendo colorazioni a dir poco fantascientifiche. A mente rilassata, ho proposto al tecnico. ma di mia iniziativa, di parlare con Citroen e di farmi avere una vettura stampa come la mia. Tutti sanno che le Case auto hanno vetture che dedicano alle prove per i giornali e per le personalità. E mi risulta difficilissimo credere che Citroen non ne abbia una da dare a un cliente che sta facendo da cavia. Io l’auto l’ho pagata tutta. Vi terrò aggiornati su questa storia, che sinceramente, ha dell’inverosimile. Ho chiesto ad alta voce sia alla Concessionaria (storica di Bologna per marchi prestigiosi e per famiglia), di chiedere il cambio della vettura. Ma loro si trincerano dietro alla frase: “dobbiamo fare quello che dice la casa madre”, ovvero nulla“.


maurizio e la Citroen— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratis alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

Apri commenti

32 COMMENTI

  1. Buonasera, volevo, non essendo un tecnico, semplicemente condividere la mia esperienza. Nel mesi di maggio del 2020 ho deciso di acquistare e regalare a mia moglie una opel corsa e con il caricatore di bordo a 7,4 kw, aggiungo che da febbraio ho anche una volkswhagen ID da 58 kw. A lungo ho caricato la macchina a casa usando il caricatore c.d. millesimale a 2,3 kw e alle colonnine da 22 kw e qualche volta a quella da 50 kw. Bene, la vettura si è sempre caricata senza nessun problema, fino a quando non ho deciso di installare a casa una wall box di enel X da 7.4 kw. Premetto che ho un impianto fotovoltaico da 3 kw e una potenza dell’impianto elettrico da 7kw. Bene dopo aver installato la box mentre ricaricavo regolarmente la ID3 con caricatore di bordo da 11kw, quando collegavo la Corsa, dopo una trentina di secondi la wall andava in blocco interrompendo la carica. Ho sostituito in garanzia la box pensando che il problema fosse della colonnina ma anche con la nuova il problema è continuato. Quindi macchina portata in officina e dopo circa due settimane di tentativi e call con tecnici francesi della Peugeot e tecnico opel a casa, finalmente hanno effettuato un aggiornamento software alla vettura che come per magia adesso si collega regolarmente anche alla wall box casalinga. Questo per dire e non ho capito se è stato fatto un aggiornamento della vettura, che spesso i problemi che si vengono a creare con l’elettrico e le soluzioni possono essere dietro l’angolo considerando che è un mondo completamente nuovo al quale si affacciano le case automobilistiche pe rprime e noi utenti a seguire.

  2. Mi spiace per il sig. Maurizio, la sostituzione dell’auto dopo un mese di fermo a mio avviso sarebbe opportuna ma le elettriche sono particolarmente costose e forse questo frena le case costruttrici. Intanto l’assicurazione persa di un mese chi gliela rimborsa? Se sta usando un’auto termica nel frattempo, chi si fa’ carico delle maggiori spese per il carburante? Per non parlare del danno da stress che l’incognita di una soluzione in tempi ragionevoli sta producendo. Ha la mia solidarietà tanto più che con la mia Skoda Enyaq sto vivendo una situazione simile da una settimana, per ora sono più fortunato di lei ma mi è già stato detto che se la casa madre non risponde al concessionario loro non sanno proprio come fare ripartire l’auto…..

  3. Salve, io ho una Model3 che fin’ora va benissimo e corrisponde alla tecnologia che credo al top di Tesla. Vedo in alcuni articoli che sia Citroen, sia Vw hanno già alcuni problemi che forse ha avuto anche Musk all’inizio sulle sue macchine: e ciò mi sembra giusto, le case europee sono indietro dieci anni alle Tesla (se non altro per il Supercharger…), arriveranno al loro livello ma adesso devono pagare lo scotto dell’inesperienza: stupisce, come ha detto l’articolista, che la Citroen non approfitti dei problemi per acquisire questa esperienza.

  4. Ho avuto una Citroen c3 picasso del 2010 benzina gpl , ha cominciato andare a tre cilindri,lo portatata in concessionario di pavia, hanno cambiato le candele, la bobina e la centralina..ma la macchina era come prima ..alla fine hanno dato la colpa del impianto elettrico… torta finta..dalla diaperazione ho preso una KIA CEED 1400 GPL..mi trovo BENISSIMO..mai piu citroen

  5. Il servizio clienti Citroen è pessimo, ti racconto l mia esperienza.
    C4 Picasso diesel con 5 anni di vita e <40000km. Da tempo il sistema keyless fa le bizze , apre l'auto ma premendo star/stopp non succede nulla, dopo diversi tentativi (e bestemmie) si avvia. Ripetednosi spesso questa condizione nei giorni seguenti, porto l'auto in officina a novembre 2020. Te la faccio breve, non avevano parti di ricambio e mi ridanno l'auto solo a fine aprile dopo averla smontata tutta e cambiato diverse centraline e cablaggi (a costo zero perché ancora in garanzia) , nel frattempo mi hanno lasciato a piedi per 5 mesi e non mi hanno mai degnato di una telefonata, ho dovuto anche far intervenire il legale per poter ottenere qualcosa in cambio (1 anno di estinzione garanzia e 2 miseri tagliandi) . Non acquisterò mai più una Citroen , non per l'auto che mi soddisfa pienamente, ma per l'attenzione che non hanno per il cliente. Roba da terzo mondo, non è stata colpa dell'officina (che ha avuto la mia auto sul ponte per 5 mesi) molto bravi e di fiducia, ma proprio per colpa della casa madre che non mandava i pezzi.

  6. DA SEMPRE NEL CAMPO DEL AUTO IL CLIENTE PERDE E NON CE LEGGE CHE PROTEGGI I CLIENTI E ORA CHE SI FA UNA LEGGE CHE PROTEGGI I CLIENTI
    SE L AUTO DIFITOSA HO IL DIRITTO DI RIMPRENDERE I MIEI SOLDI O UNA VITTURA NUOVA

  7. In un caso come questo non è sufficiente un esposto in procura fatto presso un comando dei Carabinieri a causa dei tempi lunghi di risposta. Meglio un ottimo avvocato con esperienza. Inizia con una lettera e poi li porta lui davanti sl giudice, così oltre a pagare tutto con gli interessi, versano anche migliaia di euro in spese legali. Fossi in lei contatterei immediatamente l’avvocato, domani mattina.

  8. C3 Picasso nuova dopo 20mila km rumore insopportabile da una biella difettata di fabbrica, responsabile reparto tecnico Citroen che fa una relazione esaustiva sul problema NON dipendente da me e chiede sostituzione completa del motore e del cambio, Citroen Parigi che dice di no, mia denuncia con avvocato presso i carabinieri che dice di sì, morale della favola: dopo 25 giorni auto tornata con motore e cambio COMPLETAMENTE NUOVI DI FABBRICA!
    È ora di finirla con le angherie di questi cosiddetti grandi marchi!

  9. Io all’ inizio di aprile ho pagato con bonifico un’auto usata ad un grosso concessionario toyota del nord Italia. Non mi hanno mai consegnato l’auto. Con lettera dell’avvocato ho rescisso il contratto. Il danaro non me l’hanno ancora reso, ma hanno rimesso l’auto in vendita. È ora di mettere ordine nel settore

    • Le auto moderne so o tutte dei plasticoni. A me con le mie bmw e 36 a combustione.. Non è mai successo nulla. I meccanici le vedevano con il binocolo. Questa è la differenza. Auto anno 90 e auto odierne… Non vi invidio. Poi i francesi e risaputo che non sono il massimo nel progettare impianti elettrici che funzionino sulle auto anonime che producono.

  10. Vada dai carabinieri e li denunci, e vada continuamente alla Citroen, così facendo una volta mi sono fatto mettere un nuovo motore ad un furgone Iveco che in 10 gg perdeva tutto l’olio motore!

  11. Scandaloso.
    Un problema tecnico deve essere risolto nel più breve tempo.possibile permettendo al cliente di godere giustamente del suo mezzo e del suo tempo.
    Non esiterei un’attimo per una prima lettera legale di contestazione.

    • Salve, stanno facendo di tutto per spingermi ad una azione legale perchè loro i legali li hanno e li pagano anche se non fanno nulla, io, invece, sono una persona normale e tranquilla e un avvocato non ce Llho e devo pagarlo, unendo una ulteriore beffa e spese…..

  12. Ma cosa ti hanno sostituito sulla vettura?
    Per problemi di ricarica una volta testata la wall box e il cavo, rimangono 3 pezzi in causa sulla vettura : presa di carica, obc, batteria o sistema di raffreddamento batteria

    • Oltre ad aver fatto vari aggiornamenti software (di cui ovviamente non dicono a cosa siano rivolti), hanno sostituito l’OBC .
      Sembra che la vettura che hanno utilizzato per la.prova comparativa avesse un software addirittura meno aggiornato della mia : cito le.parole del Tecnico di Citroen Spa . Dopotutto siamo stati assieme circa 8 ore e di qualche cosa abbiamo dovuto parlare.

  13. Salve. La mia e-up a aprile 2020 per un guasto non meglio identificato , è stata ferma in concessionaria 40 giorni , sul report richiesto da me, 6 ore di lavoro per sostituire la batteria. Ma!!!!

  14. Beh ma è evidente che c’è una sezione della batteria difettosa as un certo punto della ricarica manda in blocco la wallbox. Ci vuole un tecnico dalla casa madre?

  15. L’auto è in garanzia e te la devono sistemare gratis, non è previsto il cambio dell’auto in casi simili. Ma la tua auto si ricarica alle colonnine in strada o ha lo stesso problema?

    • Ho come l’impressione che per bruciare i tempi forsennati di uscita sul mercato, l’esperienza sull’elettrico le case automobilistiche la fanno fare a noi utenti. Siamo diventati l’alter ego delle auto da formula uno, da cui poi vengono importate le esperienze sulle auto di tutti i giorni. Che schifo!

    • Nooooo! Le auto che vanno con i dinosauri morti… quando ti basta una Wall box e una cameretta per il tecnico della casa madre che si trasferisce a casa tua e con cui puoi fare amicizia…

  16. Come lo capisco. Io per un errore di intestazione (mio) che mi avrebbe fatto perdere gli incentivi regionali devo cambiare la mia e208 allure, perfetta e con appena sei mesi, con una nuova e208 (stavolta ho trovato una GT pack)….la paura di lasciare una auto uscita bene per una che ancora non so c’è eccome…

  17. Io potrei consigliare di inviare una raccomandata a/r alla concessionaria e alla casa madre, magari con l’assistenza di un avvocato.

    • Greg ti ha dato un ottimo consiglio. Mia moglie, da legale, ha risolto casi analoghi (con esiti talmente favorevoli che evito di riportarli perché stenteresti a crederci). Fidati che se scrive l’avvocato si mettono a squadra perché qualunque giudice condannerebbe la Citroen e la condannerebbe anche al pagamento delle spese legali, quindi una lettera di un legale è sicuramente il miglior suggerimento che ti potessero dare. Un avvocato di famiglia o amico, se preparato, te la risolve in poco tempo stragiudizialmente e con poca spesa (se è bravo, addebiterà la spesa alla controparte e non a te).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome