Home Auto Made in Italy elettrico: cosa aspettarsi dal 2021

Made in Italy elettrico: cosa aspettarsi dal 2021

1
CONDIVIDI
Cartoline dal 2020: la presentazione della 500 elettrica al premier Conte, presente tra gli altri John Elkann.

Made in Italy elettrico: cosa aspettarsi dal 2021, dopo il debutto (sembra piuttosto fortunato) della 500e nell’ultimo scorcio del 2020. Non solo da FCA…

Made in Italy elettrico: tanta 500 e la prima Maserati

Questo dev’essere anzitutto l’anno del consolidamento nelle vendite della Nuova 500 elettrica, dopo l’assaggio nell’ultimo trimestre del 2020. I numeri di dicembre sono stati  incoraggianti, con ottimi dati di vendita non sono in Italia. Da noi si sono immatricolati 1.549 “Cinquini” a batterie, ma il mercato francese non è stato da meno, con 1.454. Ottime notizie sono arrivate anche da mercati più piccoli come l’Olanda (486) e la Spagna (199). La Fiat punta a vendere nel complesso circa 5 mila al mese, il che vorrebbe dire che, sul totale immatricolato di questo modello, uno su tre è elettrico.

made in Italy elettrico
Le vendite della Fiat Nuova 500 elettrica sono partite bene: nel 2021 si punta a 5 mila “pezzi” al mese.

Ma il 2021, sempre a Mirafiori, verrà avviata la produzione di un’altra full-electric del Gruppo Fca, ovvero la Maserati GranTurismo (e GranCabrio). Con il contestuale avvio del primo stabilimento di assemblaggio per produrre i moduli-batterie destinati a tutte le Maserati elettrificate. Il grande successo della Porsche Taycan, con oltre 20 mila auto vendute nel 2020, insegna che c’è grande spazio anche nelle elettriche sportive.

La vera novità? La cinese FAW che investe a Modena

Da Torino a Modena, l’altra capitale dell’automotive made in Italy. Qui la Maserati conserva  “la testa”, ovvero la progettazione anche della sua prima elettrica. Per quest’anno, invece, nulla arriverà da Maranello, da casa Ferrari. Ma qui la notizia è che  ostracismo del Cavallino nei confronti dell’elettrico è stato superato. Il piano-prodotto lasciato in eredità dall’ad Jean Louis Camilleri, uscito per problemi di salute, prevede l’uscita del primo modello a batterie tra tre anni.

made in Italy elettrico
La Hongqi H5, uno dei modelli della FAW. Il costruttore cinese è attivo dal 1958 ed è controllato dallo Stato. Al progetto emiliano stanno lavorando alcuni consulenti, tra cui l’ex capo della Scuderia Ferrari di F1 Marco Mattiacci.

Ma la novità più ghiotta a Modena riguarda la decisione ormai certa del colosso cinese FAW di costruire qui il suo avamposto europeo. Il Corriere della Sera parla di “un centro di ricerca e sviluppo per un’intera gamma di vetture, hypercar, supersportive e berline di lusso“. Sia elettriche che ibride plug-in. Dalla Regione Emilia-Romagna, che sta lavorando all’accordo con i cinesi, trapela l’idea di un polo da migliaia di posti di lavoro. Insediato nella Motor Valley per la facilità di trovare qui professionalità automotive di livello, capaci di ripetere nell’elettrico i successi riscossi nell’era della meccanica.

SECONDO NOI. È un segno dei tempi: il più importante investimento nel made in Italy elettrico quest’anno potrebbe portare la firma di un gruppo cinese. Va bene anche così: sarebbe il segnale che i colossi orientali possono fidarsi a creare qui i posti di lavoro europei che finora sono confluiti soprattutto in Germania e Francia. made in Italy elettricoQuanto a FCA, la fusione con PSA si farà a giorni e per ora restano confermati gli investimenti già decisi da tempo. Il resto, compresa l’eventuale decisione di produrre la tanto lodata Centoventi (foto a destra), è ancora tutto da decifrare.  

 

 


made in Italy elettrico— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

 

 

 

1 COMMENTO

  1. Gli uomini di Torino ci avevano promesso due elettriche eccezionali: la Centoventi e l’Alfieri la Maserati del centenario, sublime disegno di Marco Tencone, responsabile Design Maserati e del suo vice Alberto Dilillo.
    Composizione dei volumi con un basso, profilato e lungo cofano, un abitacolo arretrato a bolla aerodinamica con parafanghi nerboruti che abbracciano le ruote composite a razze biforcute e filiformi raggi blu e una calandra bassa e ringhiante incastrata fra i parafanghi, una Maserati Folgore effetto shooting-brake come l’Alfieri supera l’originale Maserati A6GCS del 1954 e non tradirebbe le aspettative di nessuno.

    Una meglio dell’altra, la Centoventi e l’Alfieri. Poi, quasi a sorpresa è arrivata inaspettatamente la 500.
    Non dimentichiamocela quest’Alfieri, presentata nel 2014 e mai dimenticata dagli esteti del design.
    Non dimenticatela, uomini di Torino, a Modena c’è un tesoro da riportare alla luce.

    https://www.youtube.com/watch?v=qgXAlCoHrUY
    https://www.youtube.com/watch?v=Lu2NdFki5wk

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome