Home Sharing La Zoe in sharing anche sul Garda e in Umbria

La Zoe in sharing anche sul Garda e in Umbria

1
CONDIVIDI
Renault Zoe sul Garda.
La Renault Zoe fotografata sul pontile di Desenzano sul Garda.

La Zoe in sharing anche sul Garda e a Perugia. Altre occasioni per provare, per poco tempo e poca spesa, l’auto elettrica (Renault) più venduta d’Europa. 

Sul Garda si va con energia da rinnovabili

Un bel giro sulle sponde del lago a emissioni zero? Garda Uno dal 1° agosto lancia E-Way, una flotta extraurbana e pubblica di auto e scooter elettrici in condivisione. E-Way prevede quattro stazioni situate in località strategiche per il bacino gardesano (Desenzano, Padenghe, Salò e Peschiera) cui fanno riferimento otto Renault ZOE. Più altrettanti scooter elettrici disponibili entro fine anno. Inoltre, è in fase di allestimento per il trasporto-disabili un van elettrico che sarà consegnato all’Anffas di Desenzano.

 Il Direttore Operativo di Garda Uno, Massimiliano Faini, spiega che «il servizio E-Way è il risultato di un percorso 100% sostenibile, con energia da rinnovabili. La stessa energia autoprodotta è stata destinata a favore della mobilità sostenibile e successivamente alla sperimentazione di un modello di mobilità condivisa. Determinante alla realizzazione del progetto è stato il cospicuo contributo del Ministero dell’Ambiente, 498.000 euro (60%). La quota restante (332.000 euro) è finanziata da Garda Uno».

Tariffe: 15 euro un’ora, 50 un giorno

Il costo è di 15 euro per un’ora (splittabile in frazioni di 15 minuti), oppure di 50 euro per un giorno o di 90 euro euro per il week-end. Ma la multiutility del Garda vuole incentivare anche i residenti (soprattutto giovani) e i dipendenti ad usare la Zoe in sharing. Per gli under 25 sconto del 20%, che sale al 50% per i dipendenti. È poi prevista una tariffa a forfait di 18 euro, dalle 7 alle 14, per gli studenti che vanno all’università. Il servizio è Point-t-point: l’auto va restituita da dove si è partiti. Per servirsene basta registrarsi sul portale Gardauno.it (si consiglia un selfie con volto e patente).

La presentazione del progetto con amministratori locali e Francesco Fontana Giusti di Renault Italia.

E-Way è la prosecuzione del programma 100% Urban Green Mobility, sempre promosso dalla multiutility del Garda: 16 punti di ricarica elettrici (auto e moto), ai quali se ne aggiungeranno altri 16.La presentazione del servizio di sharing è stata anche l’occasione per organizzare BEST – Benaco Electric Share Tour, un tour intorno al lago.

A Perugia si viaggia con Popmove

Il BASE ALD di Perugia RomeoAuto, sponsor di Umbria Jazz, ha scelto l’importante festival per presentare il car sharing elettrico Popmove. Saranno a disposizione di cittadini, studenti e turisti 7 Renault Zoe. La vera sfida che ci aspetta – ha detto l’ad di RomeoAuto, Michele Saldiè guidare questo cambiamento culturale coinvolgendo altri centri dell’Umbria e migliorando la mobilità della regione”. Oltre che a Perugia, RomeoAuto ha sede anche in Alto Chiascio e Alto Tevere. Per salire a bordo di Popmove basta scaricare l’app, compatibile con dispositivi IOS e Android, e creare il proprio account. L’iscrizione è veloce e gratuita. Basta essere in possesso di patente, documento d’identità  e carta di credito. Non è previsto alcun canone di abbonamento, l’unico costo addebitato sarà relativo al tempo effettivo di noleggio del mezzo.

— Leggi anche: Controcorrente, il car sharing di Bergamo con la Renault Zoe e l’app Popmove

 

 

 

 

 

1 COMMENTO

  1. Volevo provare la Zoe a Perugia, come descritto. Scarico la app segnalata e comincio a registrarmi. Mi chiede cose normali, tipo mail, patente e indirizzo. Poi però mi chiede non solo il numero della patente e le scadenze, ma la foto della patente, e ci potrei stare. Ma anche l’accesso ai file del telefono, TUTTI i files. E lì mi sono fermato. Scorrettissimo.

Comments are closed.