Home Vaielettrico risponde In difesa delle lavatrici (e di Tesla)

In difesa delle lavatrici (e di Tesla)

25
Tesla Model Y e Model 3, le auto provate (non senza entusiasmo) dal lettore.

In difesa delle lavatrici e dell’auto elettrica (Tesla in particolare): Fabrizio replica al lettore, Daniele, che aveva sprezzantemente definito le EV “lavatrici a motore”. Vaielettrico risponde. La mail per scriverci è info@vaielettrico.it

in difesa delle lavatrici“Anch’io pensavo che l’elettrico andasse bene solo per i muletti…”

“Io, scettico sulla elettromobilità, la ritenevo adeguata per i muletti all’interno di aziende e poco più. Anche se conosco abbastanza bene la storia dell auto e so che le elettromobili per un breve periodo, soprattutto nelle city USA, andavano per la maggiore. e poi come dimenticare gli elettrocarri del dopoguerra da noi ,con i quali si sono costruite dighe ecc. Persino Maserati li costruiva e Moretti inventò il cambio batteria in blocco per la ricarica, parliamo degli anni ’40.

Io non ho mai posseduto nemmeno un diesel, ricordo in perenne conflitto con mio papà. Che, piuttosto di risparmiare (primi anni 80, si risparmiava veramente) diceva che lui non avrebbe mai buttato tutto quel nauseabondo fumo utile solo i camion.

punto interrogativoIn difesa delle lavatrici, oggetto prezioso, e delle EV: le avete almeno provate?

Poco tempo fa mio figlio, appassionato di tutto ciò che si muove su ruote , contatta Tesla Bergamo per una prova sia di Model 3 che Y. Beh, al di là del modo stratosferico di interagire del ragazzo dell’accoglienza, ma il modo in cui ci ha spiegato le varie funzioni del mezzo e via, “la macchina è vostra fate pure con calma”. Io stupito mi siedo a fianco di mio figlio , lui già l’aveva provata, poi mi metto alla guida ed è scoppiato l’ amore.

Probabilmente è vero non è un auto, sicuramente qualcosa di diverso, chi le chiama elettrodomestici, chi lavatrici. Ma non dimentichiamo che la lavatrice ha preso le donne dalla fontana o valle di un corso d acqua e le ha portate in casa propria, togliendo fatica e freddo.

E pure io, maschio boomer, riesco a girare una manovella e schiacciare un bottone. In conclusione, come diceva una pubblicità anni 80, “un altro pianeta”. Prima di giudicare, non necessariamente di acquistare, ma almeno provare. Fabrizio Boffetti

Apri commenti

25 COMMENTI

  1. La mia lavatrice Toyota Proace consuma come fosse un benzina da 40 km con un litro, e pesa 509kg più dell’ equivalente termica.

    In soldoni è come se avessi il Van a Metano.

    E al saputello che definisce le Elettriche Lavatrici con le ruote, rispondo che sono e saranno sempre meglio delle sue amate Stufe con le Ruote. Visto che una termica per dare 100 cavalli alle ruote ne brucia 300 di benzina e ne butta 200 dal radiatore ( nella migliore delle ipotesi).
    Prima di dire caz…te Studiate Fisica e fate 2 calcoli.

  2. Caspita come mai non ci abbiamo pensato. Potevamo risparmiare un sacco di soldi, bastava comprare una lavatrice ed e si poteva viaggiare. Se poi avevamo necessità di lavare un po’ di panni compravamo una tesla. Ho deciso di non essere più educato. Ma se uno fa queste affermazioni vuol dire che il cervello è grande come una noce.

  3. Debbo cambiare auto perché… hanno spostato l’ufficio e non me la sento di continuare con lo scooter, a 50 anni sono stato fortunato e ora passare da pochi km in città a 80km al giorno urbano/extra urbano comporta dei rischi che non voglio correre. Si bene ma…cosa mi compro per sostituire quella vecchia sanguisuga della mia C3 base del 2010?? Passo da diesel al benzina, benzina da trasformare a gpl/metano e dall’ibrido all’elettrico nel giro di pochi giorni, pensavo ad un diesel euro 6 per macinare km e consumare poco (e inquinare neanche più di tanto rispetto al benzina), poi ad un bel benzina euro 6 e impianto Gpl, poi elettrico magari una smart fortwo dal prezzo ormai allettante rispetto alla versione benzina (fuori produzione) etc etc.. Insomma io personalmente non ho più…preferenze! Sono solo confuso al punto che ho detto a mio moglie che insiste per farmi cambiare auto, che attendere i prossimi…anni per valutare gli sviluppi😀

  4. Sono sempre stato contro l’elettrico lo ammetto. Poi però per esigenze lavorative ho dovuto cambiare il mio furgone diesel, essendo di Milano viste le varie limitazioni del traffico presenti e future ho dovuto e ho scelto di prenderne uno Elettrico. Sei il cliente tipo mi disse il venditore , giri solo in città lo ricarichi da casa.ORA POSSO DIRE CHE CHI PARLA BENE DELL’ELETTRICO È PERCHÉ HA PAURA DI ESSERE PRESO IN GIRO.. LE LAVATRICI SONO MEGLIO E CONSUMANO MENO

    • Preso in giro per cosa? A leggere certi interventi cosa c’è di più vergognoso che possedere una “lavatrice”?

    • Ci racconti tutto, sono serissimo!
      Le giuro che muoio dalla curiosità di sentire la sua esperienza in merito.
      Anch’io penso che l’elettrico di oggi posso avere delle forti limitazioni, non di meno sono veramente interessato dalla cosa e sono convinto che in prospettiva quello che potrebbe essere “l’elettrico di domani” possa essere interessante. Questo per farle capire che mi colloco a metà sulla scala dell’entusiasmo, quindi sono sincero quando le dico che sono veramente curioso di sapere la sua esperienza.

    • Cosa vuole sono quattro anni che giro in elettrica e ne sono ben contento e non sono proprio il tipo che ha paura…parli x lei e non x gli altri!!

    • Dissento al 100% Massimo. Io sono felicissimo possessore di un auto elettrica da oltre un anno, dopo 34 anni di baracche termiche, e ne sono oltre che orgoglioso anche sempre più convinto. Mi spiace per la sua esperienza, ma se ha bisogno di informazioni e consigli credo questo sia il posto giusto, non esiti.

  5. Io con la Toyota Proace elettrica faccio 80 km al giorno e ne ricarico 100 con 12 euro in 35 Min .
    A benzina consumo reale 10Km/l avrei speso 19 euro. La stessa carica fatta in 2 ore durante l’ orario di cantiere sarebbe costata 8 euro.
    Fate voi. Ma prima di parlare studiate fisica e provate un elettrica per una settimana.
    30 anni fa mettevo il Metano alla mia prima auto un 131 super Mirafiori usato con 100.000 Km e subivo le stesse bullizzazioni che subisco oggi con l’ elettrica. Complimenti per la modernità dei No trazione elettrica.
    PS a chi si riempie la bocca con l’ idrogeno, sa come funziona? Una batteria a combustibile brucia idrogeno per produrre elettricità che poi và in un motore elettrico. E ricordatevi che l’euro star che fa’ Milano Roma in 3 ore e’ elettrico non diesel

  6. Comprendo che dovete portare l’acqua al proprio mulino ma per onestà intellettuale nei confronti dei lettori dovreste spiegare bene che l’auto elettrica non è e non potrà essere il futuro. Se sostituiamo l’intero parco auto con l’elettrico non ce abbastanza energia a livello mondiale poi soprattutto oggi non è pronta è solo una mossa politica legata alle lobbi. Credo che ammettiate che l’inquinamento da auto a livello globale e dello 0,.. che l’auto è e dovrebbe essere al servizio dell’uomo e non viceversa! L’elettrico non può sostituire l’auto di famiglia delle persone comuni ma solo una forma di citycar per pochi fortunati che hanno garage con ricarica e pannelli… Poiché l’energia alla colonnina costa e pure cara!. Sono 20 anni che sembra stia per uscire la batteria magica (al grafite al sale) fermo restando i soliti problemi. perché nei prossimi anni dovrebbero risolverli? E soprattutto il mercato dell’usato il 60% delle auto in circolazione superano i 10 anni di vita dopo 10 anni un pacco batteria è da buttare e sostituirlo costa più dell’auto.. io mi trovo in difficoltà perché nonostante ho pannelli e ricarica come prima auto oggi faccio fatica a trovarne una che mi permetta di andare da Milano a Napoli in tempi decenti perché le auto “belle da famiglia” sono tutte elettriche
    lasciando purtroppo poco spazio ai motori termici che per ora sono e saranno ancora per lungo termine la vera auto al servizio dell’uomo come soluzione di mobilità vera.

    • Vaielettrico è on line da quasi 6 anni. Ha pubblicato oltre 12 mila articoli raccontando come funziona la mobilità elettrica. Nessuno è obbligato a leggerli, ma noi non siamo tenuti a pubblicare e a rispondere a commenti come il suo, tanto disinformato quanto arrogante.

    • Giuse, post di così basso livello di obiettività e correttezza, con una serie inaudita di nefandezze, mi spiace ma non ne avevo ancora mai letti. Il suo post ha abbattuto qualsiasi limite della decenza intellettuale. Può recuperare da cotanto scempio semplicemente informandosi da fonti scientifiche o specializzate o da chi ha esperienza e conosce il prodotto. Poi se ne renderà conto e potrà rinsavirsi. Glielo auguro, così potrà godersi un giorno anche lei la gratificante bellezza di guidare elettrico.

    • “l’auto elettrica non è e non potrà essere il futuro” ESATTO!!! Lei ha perfettamente ragione! Non è il futuro, è il mio passato (3 anni) e il mio presente.
      Gli orologi a lancette fermi segnano l’ora giusta due volte al giorno, lei neanche questo, ha scritto una sola cosa giusta, ma per sbaglio….
      Patetico.

      • Io posseggo la Zoe da tre anni, mai un problema, la centrifuga funziona benissimo, mi lava quel che voglio!!! Ora sogno di acquistare una fantastica Tesla Y in barba all’ignoranza !!!

  7. Non posso che essere d’accordo, anche io (nato nel 1969) per molto tempo ho pensato che le elettriche sarebbero arrivate, si, ma nel futuro. Poi è arrivata Tesla e tutte le altre. Nel 2022 il grande passo, dopo mesi di ricerche, confronti, video su Youtube, conti con la calcolatrice… Paradossalmente mi scontro con mio figlio neodiciottenne, che chiama la mia MX-30 “forno a microonde”. Però…visto che sta facendo la patente, gliel’ho fatta guidare in una strada chiusa. “Papà, è una bomba, è assurda!”

    • Che nostalgia la MX-30, la mia prima elettrica, come il primo amore!

      Complimenti per la scelta, gran macchina!

  8. Penso che tutti quelli che provano una Tesla si sentano teletrasportati nel futuro mentre la guidano. Io mi sono poi sentito anche catapultato nel jurassico quando sono sceso e ho ripreso la mia ford diesel con cambio manuale…

Rispondi