Home Auto Emozioni millennial (e dintorni) di Stefano per la sua prima Leaf

Emozioni millennial (e dintorni) di Stefano per la sua prima Leaf

15
CONDIVIDI

Rombo, rumore, fumo. Tutti elementi che hanno generato il binomio giovani-motori. Millennial e dintorni però iniziano a sganciarsi. Come dimostra la storia di Stefano che poco più che ventenne ha sognato la Tesla, per poi virare sulla Leaf. A (quasi) 26 anni ha raggiunto il suo obiettivo. Lo racconta, con tanta passione.

“Mi chiamo Stefano e il mese prossimo avrò 26 anni. Saranno almeno 4/5 anni che seguo il mondo della mobilità elettrica, attirato ovviamente per la prima volta da Elon Musk e dalla sua Tesla. Essendo però troppo cara per me, ho iniziato, circa 2 anni fa, ad interessarmi alla Leaf. Auto che ha prezzi molto più vantaggiosi. Così me ne sono innamorato, e ieri (sabato scorso, Ndr) dopo tanti sacrifici sono finalmente riuscito a portamene una a casa, da Torino!

Abita in un paese e lavora in un’utensileria

Massima felicità per questo ragazzo che abita in un paese provincia di Brescia, a Pontoglio, dove lavora in un’utensileria che fornisce prodotti per le aziende meccaniche della zona. Ma continuiamo a leggere il suo racconto, in particolare il passaggio sul trasferimento dalla concessionaria a casa. “Durante tutta la procedura per l’acquisto dell’auto e la compilazione delle ultime scartoffie ammetto che l’emozione prevalente era la “paura”, la famosa ansia da autonomia. Poi però, essendo uno molto organizzato, ha prevalso la mia razionalità. Mi sono messo in moto e sono partito; sono rimasto sempre sui 90 km/h durante tutta l’autostrada fino a Rho sud, dove avevo programmato la ricarica. Pensavo di arrivarci con circa 60/80 km residui; ci sono arrivato con 166 km rimanenti!!! Una gioia“.

La prima ricarica

Attacco la fast charge e giusto il tempo di prendermi un panino e riposarmi un attimo che la macchina era già al 96%. Gli ultimi 70 km sono stati tutti di divertimento, sempre a 120 km/h. Ovviamente appena tornato cosa ho fatto? Sono ripartito per andare nei paesi vicini a fare un giro! Troppo bello! Quando alla sera sono tornato a casa ho collegato la macchina alla Wallbox, 16 A 3.6 kW e la macchina stamattina è già pronta per una nuova giornata! Quante emozioni, insomma! “

Beata gioventù. Stefano da oggi utilizzerà la Nissan Leaf in un tragitto casa lavoro pari a circa 80 km. “La Leaf l’ho presa appunto per fare questo tragitto, oltre che ovviamente per divertirmi il week end! La uso come macchina principale”. Complimenti Stefano.

 

LEGGI ANCHE Guida la Twizy, monta e-bike, organizza raduni… “Ragazza Elettrica” si presenta

 

15 COMMENTI

  1. Congratulazioni Stefano, è un piacere vedere un ragazzo giovane approcciarsi alla mobilità elettrica in modo così concreto. Sono piuttosto convinto che sarai molto soddisfatto di questa scelta. 🙂

  2. Complimenti anch’io devo cambiare auto e dopo aver aspettato e sognato la tesla, ora sono indeciso tra la Leaf e la e-niro..sperando dicano qualcosa di ufficiale a breve, altrimenti ho aspettato tanto invano..

    • Emanuele, quando parla di “qualcosa di ufficiale” si riferisce al Governo e agli incentivi?

      • Mi riferivo piuttosto a quando kia ufficializzerà il modello e-niro in Italia con prezzi e tempi di consegna.
        Per gli incentivi sono proprio curioso di tornare in concessionario e vedere quanto mi fanno ora la leaf. Ho un preventivo in mano di fine ottobre, voglio capire se gli incentivi si accumulano agli sconti concessionario o se invece sono finti perché si sostituiscono ad essi.

        • Per ora ho martellato prima e dopo… rispetto a settembre sono finti. Se non hai usato da rottamare vai a pagare di più. Purtroppo non hanno messo alcun controllo e i concessionari hanno tolto la quasi totalità della scontistica e prima una tekna la prendevi a 34000, ora la trovi a 33000 ma con 6000 di detrazione.

          Le plugin uguale.

          Unica casa che non se ne è approfittata Citroen, ma la c-zero (che la prendi a 12900 con i 6000 di incentivi) non è auto per tutti sia per dimensioni che autonomia.

          Diciamo che in questo caso il provvedimento è stato uno spreco di denaro pubblico spero fatto in buona fede per incopetenza(anche se rimane grave).

          L’unica cosa che può aiutare è il mercato: se la maggioranza si informa prima di acquistare e non compra più per principio forse torneranno gli sconti.

          • Ci aspettavamo che, in concomitanza con la partenza degli incentivi, le Case accompagnassero lo sconto governativo con offerte proprie. È sempre successo così, ma evidentemente sull’elettrico non hanno margini. Poi, siccome il primo marzo è stata una falsa partenza, può essere che aspettino l’inizio reale degli incentivi. Chi ha notizie di promozioni e ce le segnala ci aiuta a farle conoscere. Grazie.

  3. Stefano, posso una domanda “personale”?! A quanto sei riuscito a spuntarla come prezzo li a Torino? Hai sfruttato gli incentivi? O fa fede la data dell’ordine..

    • Ciao Emanuele,
      Dunque io l’ho presa in sostanza già usata pochissimo, ma quel pochissimo ha fatto sì che sono riuscito a pagarla leggermente sotto i 29.000 euro.
      Quindi non mi sono avvalso degli incentivi perché mi avrebbero generato comunque prezzi superiori!
      Grazie!

  4. Ciao mi chiamo Lidia e vivo a Putignano nella provincia di Bari, anche io ad ottobre scorso sono finalmente riuscita a portare a casa la mia leaf ordinata nel mese di giugno, dopo mesi di attesa ho coronato il mio sogno tutto elettrico.

    • Complimenti Lidia. Ci dici dove e a quanto ricarichi? Si continua a leggere che al sud le colonnine non si trovano e magari tu ci racconti una storia diversa.

      • Io ricarico a casa , i miei non sono spostamenti di lungo tratto certo colonnine di ricarica ce ne sono poche ancora ma a Monopoli ci sono a Casamassima anche e altre a breve ne verranno installate perché la gente è ansiosa di innovarsi e pronta al cambiamento. Ciao

        • Complimenti Lidia!
          Dopo quasi una settimana di spostamenti quotidiani posso dire che è tutta un’altra cosa viaggiare in elettrico!

Comments are closed.