Home Turismo elettrico Anche a Cervia ti ricarichi. Con Repower

Anche a Cervia ti ricarichi. Con Repower

0
CONDIVIDI
Una Palina Repower nel cortile di un Hotel

Repower conquista anche Cervia nel suo network di ricariche in località turistiche. Grazie a un accordo con le locali Ascom e Federalberghi-Ascom.

Si punta ai turisti del Nord Europa

Il progetto nato nella località balneare romagnola si intitola “A Cervia ti Ricarichi”. E si basa appunto sull’installazione di nuove colonnine presso hotel, ristoranti e altre  strutture ricettive. Il via ufficiale all’iniziativa giovedì 7 marzo alle 16 presso la sala A. Batani di Confcommercio Ascom Cervia. Con l’intervento del responsabile Regioni centro-nord per Repower, Davide Chiuzzi, sul tema: “Mobilità elettrica: evoluzione del mercato automotive in Italia e in Europa · Innovazione ed opportunità di business per il settore ricettivo“. L’obiettivo è quello di rendere la città ancora più attrattiva per i turisti che provengono da Paesi nei quali la mobilità elettrica è già una realtà. Soprattutto, quindi,  dal Nord Europa.

Si potrà scegliere tra wall-box e colonnina

Agli esercizi commerciali verrà data la possibilità di installare o una wall-box “Bitta” o una colonnina “Palina”. Entrambe facili da utilizzare, resistenti e completamente impermeabili. Adatte sia per ambienti chiusi come i garage sia per l’esterno. Ed entrambe predisposte per adattarsi all’impianto elettrico esistente, con un’installazione semplice.

La wall-box Bitta di Repower.

Si tratta di ricariche lente, adatte a chi fa una sosta di diverse ore (per un pernottamento, ad esempio) e lascia l’auto a caricare. L’accesso può essere libero o, più spesso, gestito con una card in uso alla reception. L’acquisto delle colonnine rientra negli incentivi previsti dal Governo, con un bonus fiscale del 50% (suddiviso in 10 quote annuali di pari importo) e un tetto spesa di 3.000 euro. Una volta installate a Cervia, verranno inserite in apposite App per la loro geolocalizzazione da parte dei clienti.

— Leggi anche: il piano colonnine dell’Emilia Romagna, 2 mila entro il 2020