Home Alla ricarica L’Emilia-Romagna fa il pieno di colonnine: 2000 entro il 2020

L’Emilia-Romagna fa il pieno di colonnine: 2000 entro il 2020

0
CONDIVIDI

Si farà il pieno di colonnine in Emilia-Romagna. Merito dell’accordo firmato oggi, 13 settembre, dalla Regione con 5 fornitori di energia che moltiplica per 10 le colonnine. Si passa dalle 174 attuali alle 1500 previste nei prossimi due anni, per arrivare a superare le 2000 nel 2020. Un investimento da 18 milioni di euro. 

All’incontro ha partecipato in video conferenza dalla California il presidente Stefano Bonaccini

L’accordo regionale per dare vita alla rete di stazioni di ricarica è stato firmato con Enel, Hera, Iren, Be Charge ed Enermia che  installeranno a loro spese le colonnine previste nei punti nevralgici delle principali città: stazioni, aeroporti, ospedali, parcheggi, centri commerciali. Ma pure nelle aree ‘a domanda debole‘, in questo modo si vuole incentivare la transizione all’elettrico degli automobilisti. Il primo passo – avrà la durata di sei mesi – è la stesura di un piano di localizzazione concordato con i Comuni. Altre 500 colonnine saranno installate grazie al co-finanziamento (al 50%) della Regione grazie al Piano statale PNIRE. Il  protocollo di intesa, firmato dall’assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini, porterà ad un investimento stimato in 18 milioni di euro ovvero circa 9mila euro a colonnina. L’accordo indicherà ai Comuni e alla amministrazioni competenti linee guida per velocizzare le autorizzazioni, uno dei veri ostacoli da superare, come si vedrà nell’ambito dei tre corsi di formazione per amministratori locali e operatori professionali proposti da VaiElettrico Academy a Parma, Faenza e Bologna le prossima settimana.

Le caratteristiche del servizio 

L’accordo prevede l’interoperabilità  delle colonnine per permettere la ricarica dei veicoli presso qualsiasi gestore elettrico. Per usufruire del servizio si dovrà sottoscrivere un contratto con un operatore, che rilascerà una tessera.

In alternativa si potrà scaricare una App che consente di sbloccare le colonnine tramite la “lettura” di uno specifico codice QR. I costi per la ricarica variano da fornitore a fornitore, ma secondo la Regione: “dovrebbero aggirarsi in media sui 2 euro per 100 chilometri di percorrenza”.

 

Il presidente Bonaccini e l’assessore Donini

Stefano Bonaccini

“Credo fermamente che la transizione verso la mobilità con veicoli a zero emissioni sia uno degli impegni più importanti che abbiamo davanti e che vede fortemente impegnata la Regione, come dimostra bene l’accordo firmato oggi e la rete pubblica di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici a cui puntiamo, che dovrà coprire l’intero territorio regionale”, afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, video collegato da San Francisco, dove si trova in missione istituzionale per partecipare all’assemblea dei Paesi e delle Regioni di ‘Under2Mou’ che si batte contro il cambiamento climatico, voluto dallo Stato della California, e al Global climate action summit.

L’assessore Raffaele Donini

“Con questo protocollo vogliamo dare il nostro contributo al decollo nel nostro Paese di un mercato, quello delle auto elettriche e ibride, fatto di numeri ancora molto bassi, ma che è destinato a una rapida crescita, come indicano tutte le previsioni – sottolinea l’assessore Donini -.

Lo facciamo mantenendo saldamente nelle nostre mani quel ruolo di programmazione e coordinamento che ci compete e promuovendo la collaborazione tra le società fornitrici di energia elettrica e gli enti pubblici preposti al rilascio delle autorizzazioni per l’installazione e la gestione degli impianti di ricarica”.

Sosta gratuita nei centri storici

Un altro elemento di rilievo annunciato da Donini riguarda: “L’armonizzazione delle regole di accesso e sosta gratuita nei centri storici dei mezzi a trazione elettrica”. Altre azioni regionali a favore della mobilità elettrica sono il finanziamento dell’acquisto di un centinaio di veicoli elettrici per 15 comuni grazie ad un finanziamento da 2,4 milioni di euro.  Altri 700.000 euro di fondi europei saranno destinati al finanziamento di una linea sperimentale di trasporto pubblico locale con autobus elettrici in una città della regione. Il piano della mobilità elettrica con obiettivi e previsioni al 2025 verrà presentato ufficialmente a Fico Eataly World il 6 ottobre prossimo in occasione della manifestazione EvShow.i

Vedi anche: Nasce Academy, Vaielettrico debutta nella formazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome