Home Auto Altra VW, altra EV: la ID.Aero

Altra VW, altra EV: la ID.Aero

9

Altra VW, altra elettrica. Ecco la ID.Aero, una concept car che anticipa il futuro modello di punta della gamma, in arrivo nel 2023 a partire dal mercato cinese.

altra VW
LINEE CONVINCENTI? Tutto studiato per l’efficienza aerodinamica e i consumi.

Altra VW… / Una berlina-coupé con 620 km di autonomia

Dopo il debutto cinese, questo berlina a 4 porte sarà offerto in in tutto il mondo, nel segmento delle medie superiori. E sarà il sesto membro della famiglia ID. dopo ID.3, ID.4, ID.5, ID.6 e il “pulmino” ID. Buzz. Per ora la Volkswagen ha messo in rete una serie di immagini, più una una video-anteprima postata su Youtube. La concept car è lunga quasi 5 metri ed è stata progettata per essere molto slanciata, in stile coupé, con un ottimo coefficiente di resistenza aerodinamica, 0,23. La piattaforma modulare MEB, asicura la Volkswagen, “consente sbalzi ridotti, passo lungo e abitacolo eccezionalmente spazioso“. La ID. AERO ha una batteria da 77 kWh di capacità netta. E ,”grazie all’interazione tra una propulsione efficiente e le ottime proprietà aerodinamiche”, è annunciata con autonomia fino a 620 km.

altra vwUn’altra “world-car” dopo la ID.4

Nonostante risultati non certo esaltanti nelle vendite , e il sostanziale flop della ID.3, la Volkswagen continua a lanciare un modello elettrico dopo l’altro. Tenendo ferma la barra nel progetto di sfidare quanto prima Tesla  per la leadership mondiale delle EV. “Con la show car ID. AERO, stiamo dando un’anteprima del prossimo membro della famiglia ID. Un’auto dal design attraente e altamente aerodinamico. Con un’autonomia di oltre 600 km, uno spazio eccezionale e interni di qualità superiore“, spiega Ralf Brandstätter, CEO del marchio Volkswagen. “Con la nostra strategia ACCELERATE, stiamo portando avanti l’elettrificazione della nostra gamma a pieno ritmo. Dopo la ID.4, questo modello sarà la nostra prossima world car per le regioni di Europa, Cina e Stati Uniti d’America“.

Vesper
Apri commenti

9 COMMENTI

  1. Trovo una grossa contraddizione continuare a parlare di elettrificazione di massa e poi presentare modelli premium da minimo 40 mila euro. E se il flop della ID.3 fosse proprio dovuto al fatto che avevano annunciato una EV popolare da 30 mila euro e poi invece ce ne vogliono 40 mila per comprarla?

  2. Io insegnavo, nel nostro piccolo dell’ITI, l’economia di scala, imponendo di scegliere le resistenze (i resistori elettronici) di valore il più possibile uguali per poterne comprare di più dello stesso valore e con maggior sconto e per avere meno articoli a magazzino (dati i numeri era una scusa, per inculcare il concetto di “economia di scala”). Forse mi sbagliavo, guardando il catalogo Mercedes (per esempio) vedo una infinità di modelli che a me sembrano similari, come dimensioni e come motorizzazione (fra l’altro Renault).
    Anche qui, la VW ci tira fuori un’altra auto BEV. Ma invece di ID.3, ID.4, ID.5, ID.6, ID. Buzz e questa ID.Aero avessero fatto una sola i…M3 e avessero concentrato i progettisti a risolvere immediatamente i naturali problemi di gioventù e avessero concentrato i progettisti ad aggiornare il progetto con nuove tecnologie e avessero messo in vendita un’auto “fatta e finita”, poche opzioni, poche scelte, non da completare con mille accessori…
    Ma forse mi sbaglio io

  3. Come tutte le VW, è molto molto scialba. Ogni volta che penso a VW mi viene in mente il galbanino. Siccome questo è il prototipo, è un aspetto preoccupante perché le versioni di serie sono spesso ancora più scialbe rispetto ai prototipi. Io vorrei sapere, per mia curiosità, lo stipendio del designer che ha firmato questo modello.

    Il dato che emerge è che VW si sta concentrando per battere Tesla almeno su un punto: l’autonomia. Con i 620 km dichiarati è giunto qualche km in più rispetto alla Model 3 Long Range, per dire “io ce l’ho più lunga, l’autonomia”. Questo mentre CATL ha annunciato dal prossimo anno batterie da 1000 km di autonomia.

    Vedremo l’auto di serie che sarà, presumibilmente, sarà almeno 20 cm più corta. Intanto prendiamo nota che anche questa sarà un’altra cosa “premium” nel “nel segmento delle medie superiori” (speriamo che almeno nell’autoradio abbiano rinunciato al mangiacassette).

    • “Questo mentre CATL ha annunciato dal prossimo anno batterie da 1000 km di autonomia.” Perdonami Enzo, ma non sono molto d’accordo con quanto scrivi. Non ne capisco il senso. Che vuol dire che CATL ha annucniato delle batterie migliori di quelle odierne? E allra che fai, in attesa sospendi tutto? E poi, a che costi? Sono spesso d’accordo con te, ma stavolta non mi hai convinto del tutto della bontà della tua affermazione.

      • Bellissima come linea questa auto, ma piacerebbe vedere prezzi più accessibili e tutti gli accessori di serie, quindi venderle full optional a prezzi ragionevoli e sono sicuro che venderebbero molto di più… con i prezzi di listino neanche i cerchi ti danno e allora uno punta su altre auto…

Rispondi