Home Sharing Ad Ancona monopattini in sharing gestiti da MaSMo

Ad Ancona monopattini in sharing gestiti da MaSMo

0
CONDIVIDI

Ad Ancona arrivano i monopattini in sharing. Il servizio è partito il 10 novembre ed è gestito dalla start-up innovativa MaSMo (Marche Smart Mobility).

Ad Ancona dopo le auto il servizio raddoppia

MaSMo è una start-up al femminile nata nel 2019,. Davanti ad uno scenario di mercato stravolto dal Coronavirus, ha modificato la propria roadmap. Decidendo di investire in diverse tipologie di mezzi elettrici, a supporto degli spostamenti dalla stazione ferroviaria di Ancona. Dopo avere inaugurato a giugno una car-sharing con una piccola flotta di Nissan Leaf, dal 10 novembre mete a disposizione anche i monopattini elettrici.

ad ancona
Il parcheggio di MaSMo è a due passi dalla stazione di Ancona.

ll servizio, denominato MaSMo Share, per ora sarà disponibile solo partendo e riconsegnando nella sede vicino alla stazione. A breve, però, saranno individuate altre aree in città.  Sono proposte diverse formule di noleggio: per l’intera giornata o con abbonamenti per periodi diversi ad un prezzo promozionale… L’utente potrà registrarsi, prenotare, prelevare e riconsegnare il mezzo e pagare tramite app, il tutto in maniera autonoma.

Arrivi in stazione, parcheggi l’auto e riparti

L’iniziativa nasce per chi arriva in città con il treno, con gli autobus interurbani o  intende parcheggiare la propria auto nel MaSMo Park. Per proseguire poi la mobilità urbana con i cosiddetti mezzi dell’ultimo miglio o, per spostamenti maggiori, utilizzando le auto elettriche, già disponibili presso la sede. Per utilizzare il servizio MaSMo Share, l’utente deve andare sul sito sul sito, scaricare l’app Timove e registrarsi. Sul web sono disponibili informazioni le anche anche su tutti gli altri servizi per la mobilità.

Ad Ancona
Le fondatrici di MaSMo durante l’inaugurazione del servizio di car sharing, nel giugno scorso.

Come si diceva, MaSMo è una start up al femminile costituita da imprenditrici e manager. Nasce con l’intento di attuare sperimentazioni e servizi nell’ambito della mobilità smart, con una forte impronta green. Portando questi servizi, di solito concentrati nelle grandi città, anche in centri di dimensioni medio-piccole.