Home Elio e le storie... TESLA Volano le ali di gabbiano

Volano le ali di gabbiano

0
CONDIVIDI

TORNA A: Elio e le storie… Tesla

In pochi anni Elon Musk con la Tesla è riuscito a costruire una storia di straordinario successo: in Borsa la Casa californiana ormai vale più di storici colossi dell’auto come General Motors e Ford e la nuova vettura che è appena stata presentata negli Stati Uniti, la Model 3, ha raccolto più di 400mila prenotazioni. Ma il noviziato, soprattutto se è accompagnato da un grande dispendio di tecnologia innovativa, ha sempre un prezzo da pagare, reso ancora più salato dall’inevitabile dose di invidia e scetticismo che accompagna ogni storia come questa. E il web registra inesorabile ogni incidente di percorso, vero o presunto, a cui la Tesla va incontro: in questa sezione di ‘Vaielettrico’ abbiamo cercato di raccogliere gli episodi più significativi, documentandoli con i filmati disponibili su Youtube e riportando, com’è doveroso, le spiegazioni date dallo staff di Musk.
Cominciamo con la vicenda capitata a fine luglio 2017 a un veterinario australiano, Sam Kovac, proprietario di una Model X, auto nella quale le portiere posteriori si aprono ad ali di gabbiano, ha raccontato il dottore a CarAdvice. La Casa ha esaminato l’elettronica di bordo e ha dato una sua spiegazione: gli sportelli si aprono automaticamente se il pulsante apriporta della chiave viene pigiato due volte (per le anteriori) o quattro volte (anteriori e posteriori). Ed è quello che alla Tesla risulta essere successo: quattro clic di seguito avrebbero aperto i quattro sportelli da remoto, dalle finestre dello studio del veterinario. Versione rigettata dal veterinario, che nega di avere maneggiato la chiave. La vicenda si è chiusa con un accordo: il dottor Kovac ha fatto presente di non sentirsi più sicuro con la Model X e la Tesla ha accettato di ricomprare l’auto, anche se a un prezzo inferiore rispetto al listino.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome