Home Vaielettrico risponde Quanto spendo in Tesla Model 3 (in confronto all’Alfa…)

Quanto spendo in Tesla Model 3 (in confronto all’Alfa…)

80
CONDIVIDI
La Tesla Model 3 Standard Range in ricarica nel garage di casa di Marco.

Quanto spendo in Tesla Model 3: dopo 35 mila km ce lo racconta Marco, soddisfattissimo di avere abbandonato due anni fa il diesel. Vaielettrico risponde. Ricordiamo che i vostri quesiti vanno inviati a info@vaielettrico.it 

quanto spendo in teslaQuanto spendo in Tesla ? 1.100 euro per 35 mila km

Possiedo da settembre 2020 un Tesla Model 3 SR, ho già percorso 35.677 km di piacere assoluto, consumando 5.500 kWh per un costo di 1.100 euro al prezzo di 20 cent. caricati per il 90% a casa. Anche se in realtà ho installato anche un FTV  da 5kW con accumulo, abitando in  una casa completamente elettrica, e il risparmio è maggiore. Ma per rendere  l’idea:  prima con la mia vecchia Alfa 147 diesel  per fare gli stessi km avrei speso 3.281,25 euro (calcolo fatto con il prezzo del gasolio a 1,5, volutamente.) La macchina quasi si paga da sola, senza contare che il valore è aumentato da quando l’ho acquistata. Mai capitato prima con qualsiasi altra macchina. Leggo i dubbi di molti lettori, indecisi se  passare all’auto elettrica. Io penso che chi abbia un garage e non faccia più di 60 km al giorno può tranquillamente cambiare macchina in base alle proprie possibilità. Poi leggo i dubbi di molti sul fare lunghi viaggi: penso che chi fa un viaggio spesso lo faccia per piacere e che non tutti siano rappresentanti. E che una sosta o due in più non siano un problema. Marco Saggioro.

Quanto spendo in tesla

Tesla ti conquista E hai voglia di farlo sapere…

Risposta. C’è poco da dire: la soddisfazione del cliente (e la voglia di farlo sapere) è la grande forza di Tesla. Stando ai conti di Marco, per 35 mila km ha speso di energia un terzo di quel che avrebbe speso in gasolio per la sua vecchia Alfa 147. Ma con un’auto che ti dà un piacere di guida e un’abitabilità incommensurabili, oltre a un software di bordo che appartiene ad un’altra era geologica. Altra notazione appagante per chi compra una Tesla. Mentre le auto di qualsiasi marca perdono un 20-30% del valore appena acquistate, le macchine di Elon Musk tengono la quotazione iniziale, grazie alla fortissima richiesta. Infine, la conclusione di Marco, che non fa una grinza: chi ha un garage e non deve macinare centinaia di km al giorno, può tranquillamente passare all’elettrico già oggi. Senza recriminare troppo sul fatto che magari in viaggio serve una sosta in più per ricaricare, come se stessimo sempre facendo la 24 Ore di Le Mans. Anche se pure qui Tesla ha un vantaggio sulla concorrenza, con Supercharger. 

quanto spendo in Tesla—  Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it  —

Apri commenti

80 COMMENTI

  1. Ho una Tesla Modello 3 da poco più di 3 anni con quasi 50 mila km. Ero uno dei primi con l’arrivo del modello in Italia (Marzo 2019).
    L’unica manutenzione che ho fatto personalmente è cambiare i filtri dell’abitacolo. €35.-
    Pochi giorni fa ho controllato il livello di umidità nel circuito dei freni ed è à 1% (deve stare sotto 4%). Dunque sono OK ancora per alcuni anni. Se mi tocca tra un anno farò fare un controllo del livello di liquido di raffreddamento/riscaldamento delle batterie. Basta, non ho nient’altro da fare.
    Con la mia vecchia Audi A4 TDI spendevo mediamente tra €550 e €800 per ogni tagliando ogni 18 mesi. Un capitale. Sparito.
    Ho il vantaggio di avere abbastanza potenza voltaica e dunque tra metà marzo ad ottobre, non pago niente per le ricariche delle 2 EV che possediamo (l’altra essendo una DS3 E-Tense).
    Di recente ho fatto on calcolo e abbiamo risparmiato circa €3800 anno confronto a quando avevamo auto a combustione. Poi è una scelta ambientale per noi, prima ancora della scelta economica. L’ambiente vi preoccupa?… a me molto.

  2. Da possessore di model 3 long range modello ultime batterie devo dire che la realtà sta nel mezzo. Non tutti quelli che compreranno oggi un’auto elettrica potranno pagare poco per rifornirla. Ad oggi se vuoi convertirti all’elettrico e non avevi un buon contratto luce da prima, andrai a pagare quasi quanto un diesel 1500 che consuma poco.
    I super charger sono diventati costosi. L’europeo medio potrebbe amare molto la tecnologia offerta, e bilanciarla con l’ abberrante incapacità di verniciare e rifinire l’auto , gli assemblaggi scadenti non sono per niente migliorati. Bisogna dire la verità bisogna farsela andar bene ma non si capisce perchè nel 2022 pur mandando navicelle nello spazio non abbiano la tecnologia per allineare i pannelli evitare la condensa dentro ai fari e un buon adesivo per le parti incollate, sopratutto in ragione degli aumenti di prezzo consistenti.

    • 1 anno fa costavano 42 centesimi al kWh, ora ne costano 48, sono 6 su 42 centesimi di aumento, il 14%. Non mi pare proprio che siano diventati costosi. A casa io ho avuto un aumento del 110%.

      Per le finiture, devi essere uno di quelli sfortunati. Leggendo i vari blog siamo tutti concordi nel dire che dal 2021 tutti i problemi, compreso per chi ha la macchina proveniente da Freemont, sono decisamente superati. Oppure sei semplicemente esigente, visto il prezzo che si paga, che però non serve a ripagare le finiture, ma la tecnologia e la ricerca continua che ti ha dato tra le mani un prodotto che, ad oggi, è insuperato per valore percepito/prezzo.

      • giusto, mi chiedo perché perdano tempo a verniciarle..
        la costruzione del mezzo ha la stessa durata sia farlo bene che male: chi spende tot soldi pretende che sia fatto a regola d’arte.
        più si spende e più si pretende: se ad esempio piove dentro, fa un’alzata di spalle o si lamenta con tesla?
        altrimenti si può equipaggiare una ford model T con tutto il powertrain, batteria, elettronica e sistema di guida tesla, tanto è solo questo che si paga..

        • Mio caro signore, lei mi attribuisce parole non scritte.
          Ma è inutile per entrambi che perdiamo tempo (claque compresa), lei ha voluto leggere quello che voleva leggere.

          • Le sue ultime 8 righe dicono quello che ho scritto: che con 55000€ non si pagano le finiture ma la tecnologia. Dove le avrei messo parole in bocca?
            Se intendeva altro, allora sia più chiaro.

        • -altrimenti si può equipaggiare una ford model T con tutto il powertrain, batteria, elettronica e sistema di guida tesla-

          Allora anche l’alfasud? 🙄🙄🙄😇😇😇
          Rigorosamente trazione anteriore. ☝️

    • Nuovo calcolo, prego con costi aggiornati dell’elettricità, e senza l’ausilio del fotovoltaico, cioè solo ricarica da rete. Grazie

  3. Ho fatto nel tempo alcune riflessioni del tutto personali che mi condurranno a non aquistare mai un’auto elettrica neppure si trattasse della mia amata BMW.
    Seguendo l’esempio citato io avrei speso con la mia BMW serie 3 turbodiesel poco più di 3700 €.
    L’autonomia supera i 1000 km motivo per cui sono andato in Puglia fermandomi solo una volta, poco dopo la metà del tragitto, per evidenti necessità fisiche, per un caffè e una sigaretta.Tempo della sosta: 30 minuti.
    Un’auto elettrica si sarebbe dovuta fermare 2 o 3 volte con una tempo di sosta di 90/120 minuti e questo a me avrebbe dato molto fastidio.
    So che in autostrada, se non si vuole scaricare in fretta le batterie di un’auto elettrica, bisogna procedere a non più di 120 km/h mentre io, traffico e autovelox permettendo, viaggio a 140/150 km/h.
    Quando ho aquistato la mia BMW ho risparmiato rispetto a una Tesla parecchie migliaia di euro.
    Pur percorrendo parecchi chilometri l’anno la manutenzione mi costa poco dato che faccio un “tagliando” generale e approfondito ogni 18/20 mesi.
    E sicuramente dopo circa 8 anni dall’acquisto o dopo circa 150000 km dovrò sostituire una sola batteria del prezzo di non più di 200 € e non l’intero pacco di batterie del valore, mi dicono, di 8/10 mila €.
    Senza contare che il “piacere di guidare” di una BMW è inimitabile.
    Ergo!

    • Beh, anche io avevo considerato le stesse auto, ma la conclusione è stata opposta ed i fatti, fino ad ora, mi hanno dato ragione.
      – Reggio Emilia – Vieste: due soste (Fano e S.Giovanni Teatino, di 20 e 16 minuti rispettivamente.
      – Il limite di velocità è 130…..
      – ho speso sicuramente più che a comprare un 320d (ma meno di una 330ix che si avvicina di più come prestazioni), ma dopo quasi due anni potrei rivenderla incassando più di quello che ho speso per comprarla
      – la batteria costa 13000€ più iva, ma è garantita 192000km, quindi è altamente probabile che durerà molto di più (ci sono in giro model s con oltre 400000km)
      Poi, la qualità costruttiva non è quella di una BMW, ma è accettabile in cambio di tutto il resto

    • La invito a configurare uam 330ix (comunque inferiore di prestazioni) dotandola degli accessori di serie in una Model 3 (quelli che può, alcuni non ci sono), aggiunga 4 anni di garanzia, 8 anni di garanzia sul motore e trasmissione, 8 anni di tagliandi obbligatori (Tesla non ne ha), antifurto satellitare a vita, mappe a vita, poi provi a vedere quanto le costa di più.
      La BMW è più comoda e meglio finita? Grazie tante: è più cara, ci mancherebbe fosse pure peggio finita.
      Non si sono ribaltati i luoghi comuni, vista così?

    • Ciao Paolo,
      Una sola sosta per andare in Puglia…..paura davvero per chi viaggia con un driver come te. Io ho scoperto quanto è piacevole scendere dall’auto ogni 2,5/3 ore dopo oltre 350 km percorsi con la mia Kona EV ad una velocità di 125 km effettivi, velocità alla quale Kona raggiunge la velocità di ‘pareggio” = 1 km percorso, 1 km di autonomia consumato.
      Il limite autostradale standard è di 130 km/h.
      Tagliando: va fatto ogni 12 mesi. Se lo fai in BMW ufficiale prepara il portafoglio. Io spendo €80 per il filtro abitacolo.
      Dopo 5 anni ti ricordo che hai il tagliando “pesante” quello da cui tutti i drivers termici cercano di scappare. Io pago sempre €80…..non pago il bollo, le strisce blu e tra poco, quando l’Europa si arrabbierà veramente, i prezzi delle colonnine scenderanno e in autostrada avrò uno sconto fino al 70% (è già legge europea), per la tua BMW termica (bellissimo mezzo) purtroppo nulla.

    • Poche idee ma confuse. Il “mi dicono” del resto esprime tutta la certezza delle tue convinzioni. Se sei venuto qui a dircelo, secondo me non sei molto convinto… ma contento te!
      Di BMW ne ho guidate parecchie, e non ne ricordo una (specie che costasse meno di una Model 3) che desse un piacere di guida nemmeno avvicinabile… ma se lo dici tu.

    • Ma uno che spende 60mila euro per una macchina pensa a risparmiare 3 soldi l’anno? Io faccio l’autostrada spesso e viaggio, ma come mai incontro le fantastiche Tesla che viaggiano a 100km/h? Ecco perché risparmiate, non avete fretta e un cavolo da fare. Perché se il tempo fosse denaro non avreste comprato un’auto a batteria.

  4. Io ho una SR+ da settembre 2020 e ho percorso 50 mila km. Grazie alla flat A2A ho speso solo 360 euro per l’abbonamento. Da un paio di mesi carico a casa grazie al fotovoltaico di 10 kw abbinati a 24 kWh di batteria. Impianto fatto grazie al 110%. Prima della Tesla avevo una Hyundai Tucson Xpossible 1700 diesel da 115 cv con un consumo medio di 16 km a litro quindi avrei speso più di 5000 euro di gasolio.

    • Quale sarebbe l’equivalente fossile della Model 3?
      Mi pare che BMW serie 3, Audi A5 e Mercedes classe C pari allestimento (pari prestazioni lasciamo direttore perdere) costino decisamente di più.
      Fornisca modello equivalente a 20.000€, grazie.

    • Ciao Luigi ma se tu confronti la model 3 con una BMW oppure una Mercedes con 290 cavalli il prezzo è uguale se non inferiore e quindi non devo rientrare di 30.000 Milà euro.

      • Si, ma poi i 290 cavalli dell’elettrico li devi sfruttare, se ne usi sempre 70 (di cavalli intendo), non è uguale. È come se vai con una Punto.

  5. da possessore di M3 long range doppio motore a controllo digitale e con soli 450cavalli… posso solo confermare che Tesla ti conquista E hai voglia di farlo sapere… con l’offerta eni scegli tu notte dalle 23 alle 7 non so se posso scriverlo al massimo toglierete il commento …non paghi la corrente… in sintesi pago con contatore dedicato da 6KWh attorno 7centesimi al kwh. circa 70/80 euro per oltre 1mw(h?) al bimestre. accise imposte iva ecc compresi.

  6. Unica cosa che intristisce e che la Model 3 doveva costare una cifra per non dico tutte le tasche ma per molti..cosa non avvenuta in nessun modo. Le vendite vanno a gonfie vele ok ma molti per non arrivare a quelle cifre comprano altre macchine elettriche rimanendo delusi. Adesso hanno ulteriormente alzato i listini mentre gli stipendi almeno in Italia non si alzano da anni. Spero nella Model 2 ma credo che anche quella in ogni caso non verrà alla fine della fiera meno di 30 Mila euro perché ormai il trend di spesa minima e salita a quelle cifre.

    • La Model 3 costa esattamente la cifra alla quale è stata annunciata (al netto di piccoli aumenti recenti) ovvero il prezzo americano di 35.000 dollari TASSE ESCLUSE. Alcuni giornali mettendo titoli acchiappa click avevano convertito la cifra in euro con arrotondamenti grossolani e senza considerare le tasse come sta avvenendo adesso con i titoli per la Model 2 a 25.000 dollari = presunti 20.000euro. Un prezzo realistico di listino italiano per quando uscirà la Model 2 è di 35-37.000 euro. Le Tesla sono e rimarranno auto premium anche quando arriverà un modello più piccolo.

      • Questo errore non lo hanno fatto solo con Tesla ma continuano a ripeterlo anche con molte altre… per esempio con la cinese Xpeng P7 cge è stata annunciata da tutte ke testate come la Tesla da 25K € (perchè qyesto è l’equivalente in Yen a cui è venduta in Cina) come se fosse già venduta qui in Europa a quella cifra…
        Questa settimana sono usciti i listini reali nelle 2 o 3 nazioni Europee in cui iniziano a commercializzarla ed indovinate un pò? In Norvegia il prezzo di attacco è di 46K € (li ci sono le corone na il valore è quello) e non credo che li ci siano le stesse tasse che da noi… Quabdo, forse, la commercializzeranno in Italia, con il livello dell’Iva che abbiamo noi, supererà abbondantemente I 50K €!!!

        Questa è la verità…. I titoloni li fanno con i listini cinesi (o americani dove le tasse in tutto sono il 4%) ma i più non si rendono conto che poi da noi le cifre lievitano per via dei costi d’importazione e ka tassazione diversa (cioè non perchè le case automobilistiche in questione vogliono guadagnarci di più ma perchè il resto se lo prende lo stato in cui vai a vendere l’auto

  7. Un po tutto l’usato ha prezzi sostenuti per via della mancanza di materie prime, semilavorati e caro energia.
    La Tesla è un ottima auto, ben pensata soprattutto per l’infrastruttura, ma per via del suo costo non sarà mai un auto di massa. e quindi è fuori dai giochi per una possibile transizione energetica della mobilità
    Però ha il merito di aver suonato la sveglia agli Elefanti delle altre case automobilistiche e aver stimolato un offerta di BEV di altri marchi alla portata di una più vasta platea , insomma senza Tesla per esempio la VW non avrebbe prodotto la e-Up, e-Golf e la ID3 e così Opel e Renault.
    Se penso quanti soldi ha buttato la VW con lo scandalo diesel gate invece di darsi da fare per stare dietro a Tesla, comunque meglio tardi che mai. In piccolo, ma commettendo lo stesso errore di VW con diesel gate che si incaponita di restare sulle vecchie tecnologie, ancora oggi molti buttano i loro soldi acquistando ancora le termiche, in tal caso si è meglio comprarsi una Tesla piuttosto di una termica anche se poi verrà poco sfruttata.

  8. Quindi fatemi capire. Hai risparmiato 2181€ in 18 mesi. Che sarebbero 1500€ all’anno. Abbastanza da giustificare un cambio di auto oppure la differenza di prezzo con una corrispettiva a benzina/diesel/ibrida?
    Io direi decisamente di no.
    Se poi lo si fa per passione, per spirito ambientalista, per comodità ecc. alzo le mani.
    Ma le premesse dell’articolo sono errate.

      • Nel senso che con 25.000€ compri una Megane station wagon cambio automatico (bella auto), prima che ammortizzi le 20.000€ di differenza ci vogliono 8 anni, e la macchina è già vecchia.

    • Prima di tutto quello è solo il risparmio sul carburante, c’è molto altro!
      Poi, dove ha letto che nell’articolo si esorta a cambiare l’auto con una BEV? A me pare piuttosto chiaro che, al limite, si invita a considerare l’acquisto di una elettrica nel momento in cui si decide che è arrivato il momento di sostituirla (aveva un 147! forse non era troppo presto per cambiarla, ti pare?).
      Ma capisco che il vizietto dei noWatt sia quello di sentirsi costretti a cambiare auto per forza appena si parla di transizione… passerà…

  9. Marco,
    felice possessore di Model 3 SR+ del 2021 e condivido l’enorme piacere di guida (bisogna provare, per capire davvero) che rende tutte le altre “vecchie” (ho guidato, per lavoro, VW, Skoda, Audi, Renault, Nissan, Mazda, Honda).

    Una nota, però: i consumi riportati sono quelli di guida, non i consumi totali onnicomprensivi, sono troppo bassi… per onnicomprensivi intendo i kWh usciti dal contatore, non quelli riportati sul pad dalla macchina, che sono relativi alla sola guida. Mancano i consumi della modalità sentinella (che è 7kWh al giorno!) sempre che venga usata, la dispersione in carica, il precondizionamento, tutto quello che avviene con la macchina in parcheggio etc.
    I miei consumi di guida sono 136 Wh/km (su 14.000 km) media di 11 mesi, quelli reali onnicomprensivi sono quasi 200 Wh/km (includono un 6% di perdite in ricarica), con un incremento consumi di guida/effettivi pari quasi al 33%.
    Lo specifico perchè in un confronto puramente economico hanno un peso rilevante. In una termica nessuno si sognerebbe di considerare il carburante che usa per tenere acceso il riscaldamento (o l’aria condizionata) a macchina spenta o la modalità sentinella, per la semplice ragione che… non può!! Come nessuno si sogna di contare l’evaporazione della benzina, perchè trascurabile, mentre le perdite di carica ci sono (nel mio caso sono il 6% medio, più alte in inverno a batteria fredda e più basse in estate a batteria calda)

    Non si acquista Tesla per il risparmio, salvo che si sia taxisti o si percorrano 40.000 km all’anno, il risparmio è una conseguenza della scelta che serve a giustificare in parte la spesa.
    E’ una macchina di segmento D che costa MENO delle equivalenti termiche, questo è il punto (a parità di allestimento e prestazioni, non certo di autonomia). Rimane una fascia prezzo costosa, fuori portata per il 90% degli italiani.

    La si acquista perchè è una macchina che mantiene il valore nel tempo (se la rivendessi come usata ci rimetterei meno del 6% in 11 mesi!!), perchè è piacevolissima da guidare e ti richiede solo di guardare la strada e non pensare a nient’altro, perchè per assurdo è intuitiva e la padroneggi in pochi minuti (provare per credere…), perchè è la più sicura (prima posizione su NHTSA), perchè è una Tesla: sì, anche per quello che rappresenta, ci mancherebbe che noi owner non ci compiacessimo per l’appartenenza alla categoria.

    Caro Marco, non c’è bisogno di giustificarsi col risparmio: una Model 3 rimarrà nella storia dell’automobilismo e noi, da vecchi, sulla nostra carrozzina motorizzata a batteria con la copertina sulle gambe, potremmo dire “Anche io ho contribuito a realizzare…” : riempire i puntini a piacimento con (elenco non esaustivo e volutamente provocatorio) il fallimento di Mercedes, la libertà di non pianificare, la riscoperta del piacere di guida, la guida autonoma, il cambio di paradigma etc. etc.

    Vai elettrico!

    • Ciao Guido il tuo commento non fa una piega non ho messo dentro le perdite rete come anche il fatto che molti kW gli ho caricati con il FTV era per fare un raffronto.

    • Non sono d’accordo… io sono possessore di una Model3 LR da 8 mesi e provengo da una bmw serie3 coupè 3000 4wd ed abito in trentino. Io la m3 l’ho comprata per risparmiare… con i incentivi lho pagata suppergiù 44.000 euro e finora ho consumato 2000 kwh che farebbero 880 euro al Supetcharger in realtà ricarico a casa quindi ho speso circa 480 (? Va bene? Sto largo). Con bmw a rei speso 1600 (13.500km/100×8(litrix100km)x1.5 €/l… in più bollo 1000 euro contro zero… manutenzione 500/anno contro zero.. ztl a verona e milano… in più se sono al semaforo fermo vicino ad un bambino non lo intossico

      • Franco stai confermo quanto scritto da Guido (il cui commento, per inciso, andrebbe stampato, incorniciato e appeso come quadretto in tutte le camerette, io l’ho appena fatto). Questo perché stai confrontando una segmento D con un’altra segmento D e infatti Guido scrive “E’ una macchina di segmento D che costa MENO delle equivalenti termiche, questo è il punto (a parità di allestimento e prestazioni, non certo di autonomia)”. Chiaro che la Tesla costi meno di una serie 3 coupé 3000. Ma il confronto con la povera 147 è inesistente …

    • Io non trovo corretto includere il consumo del Sentry nel confronto con una termica, a meno che la termica non offa la stessa funzione. È un “di più” di cui si può fare a meno, volendo. Stessa cosa il preriscaldamento dell’abitacolo in inverno o il condizionamento in estate. Per quanto riguarda la dispersione in ricarica, sono d’accordo sul fatto che vada considerata, ma dipende moltissimo dalla potenza di ricarica. Nel mio caso, ad esempio oscilla tra il 2 ed il 3%, ma è vero che può superare anche il 10% a potenze molto basse.

      • Una termica non potrebbe fornire 7kWh per farlo funzionare, a meno di lasciarla accesa…

        Veramente consuma cosi’ tanto? E’ l’equivalente di due-tre giorni di bolletta elettrica per il mio appartamento! Mi aspettavo un consumo dell’ordine di 10Wh! anche fosse 10 volte tanto, si arriva a ~2,4kWh…

        O il consumo include qualcos’altro, o non me lo spiego.

        • Consuma 305 Wh, per 24 ore…
          Si, rimane accesa l’intera elettronica, comprese le 2CPU che elaborano le immagini: le ricordo che registra quello che fanno gli esseri umani, non gli altri veicoli, quindi interpreta 34 volte al secondo quello che le telecamere sui 4 lati inquadrano.
          Non è semplice registrazione, a cosa servirebbe?
          Solo spezzoni in cui un umano si avvicina alla macchina.
          È attivabile o disattivabile a piacere, c’è chi non la usa mai. Io solo quando la parcheggio in certi posti. Geolocalizza e memorizza dove NON accendersi (tipo a casa propria…)

          • Ok… Capisco che sia una funzionalita’ venuta “gratis” dal sistema di guida autonoma, ma resta un consumoveramente eccessivo.

            Io facevo conto di un sistema basato solo sull’head unit, che consumera’ all’incirca come un laptop, diciamo 15-20 Wh? Anche aggiungendo dieci telecamere i consumi non doverbbero discostarsi tanto da questo.

            Anche registrando 24 su 24, non si consumerebbe piu’ di tanto, e la risoluzione probabilmente non e’ elevatissima… E per scopi di videosorveglianza, basterebbero video a 5-10 fotogrammi al secondo.

            Anche volendo registrare solo se ci sono movimenti, questo tipo di riconoscimento non sarebbe un compito eccessivo per un’head unit del tipo che credo abbia la tesla — in fin dei conti puo’ far girare videogiochi da PC.

            Diciamo che ci sarebbe ampio spazio per ottimizzare la feature…

            E anche che, senza autopilot, la macchina avrebbe consumi ancora migliori.

  10. Atrendendo le informazioni molto più precise del papà che traccia ogni kWh entrato e uscito dalla macchina (M3 SR+ 2021), giusto l’altro giorno mi riferiva che 14 mila km li abbiamo percorsi con 400 euro. Considerando le ricariche a casa, quelle ai Super Chager (una piccola percentuale rispetto a quelle casalinghe) e tenendo conto del fotovoltaico.
    Non posso che accodarmi al pensiero di Marco.

    • In realtà i 450€ sono calcolati ignorando il fotovoltaico, cioè basandomi esclusivamente sul costo dei kWh consumati come se li avessi pagati a tariffa normale.
      Non dico che ho speso la metà, ma un terzo in meno sì, da aprile a settembre praticamente uso esclusivamente fotovoltaico (caricando la mattina e nei festivi).

  11. Che l’elettrico con ricarica casalinga costi la metà o un terzo rispetto al termico ci sta tutto ma … si può paragonare una Alfa 147 ad una Tesla? Siamo seri?
    Visto che l’Alfa 147 io l’ho avuta (la pagai in lire circa 16.000.000, ovvero circa 8.500 euro, nuova!) – per la cronaca, una grandissima auto con una eccezionale dinamica di guida per i tempi – mi chiedo se ha senso paragonare un’auto concepita lo scorso millennio (la produzione iniziò nell’anno 2000, ovvero 7 anni prima la presentazione dell’iPhone da parte di Steve Jobs) con una del 2022 (l’anno in cui Musk promette di fare un collegamento Terra – Marte per chiunque al costo di 100000 euro) che costa 55000.
    Secondo aspetto: chi spende 55000 euro per un’auto nuova, nella storia dell’automobilismo dagli albori fino ad oggi, è mai andato in giro a vantare il risparmio della sua auto? Amico mio, hai speso 55000 euro (se non di più) e fino a ieri camminavi su un’auto talmente vecchia che i pezzi di ricambio sono introvabili, a Livorno con 55000 euro ti danno una casa in centro, e siamo qui a vedere che dopo 18 mesi e 35000 km hai risparmiato 2000 euro? Quando l’auto avrà 200000 km avrai risparmiato 11500 euro, ma comunque ci sono i 55000 euro da ammortizzare con i quali avresti comprato 9 147: una a te, una a tua moglie, 3 ai tuoi 3 figli, 2 ai tuoi genitori e 2 ai tuoi suoceri.

    E’ una battuta, la Tesla è un’ottima macchina e hai fatto bene a comprarla, peccato sia per poche tasche capienti …

    • Ciao Enzo l’alfa 147 l’ho acquistata nel 2006 per 21.000 Milà euro con i costi di gestione tra carburante tagliandi sono arrivato a spenderne 45000 Milà in più il valore della macchina era ridicolo a conti fatti ci guadagno e come.

      • Marco io ho comprato nel 2017 la Giulietta 1.6 JTD TCT per 17000 euro, prezzo finita, nuova (km 0), a Milano, senza alcun incentivo, senza rottamazione, senza permuta e senza finanziamento. Col cambio manuale l’avrei pagata meno. Come sei riuscito tu nel 2006 a pagare 21000 euro una Alfa 147 è un mistero assoluto (che nel 2006 è tanta roba). Ci hai fatto 24000 di carburante e manutenzione? Con l’auto ci hai fatto pure 261000 km, almeno, applicando i tuoi criteri di costo al km per la tua auto. 261000 con la Tesla non è che sono gratis e la Tesla non costa 21000 euro. Ci guadagni in termini di confort e prestazioni, non certo in termini economici

    • Enzo se vuoi fare i conti falli bene…. io una Tesla M3 (SR+) l’ho acquistata a marzo 2021 e l’ho pagata 42K €, che non sono di sicuro pochi ma ben distanti dai 55K da te indicati….. poi vuoi confrontarla con il prezzo ancora in lire (cioè di 20 anni fa) di una termica tipo Alfa 147?? Adesso una termica equivalente alla 147 la paghi 8500 € (non ti ci viene neanche mezza 500…) secondo te o ti ci vogliono perlomeno 30K €????
      Ecco che la differenza di costo da ammortizzare si riduce drasticamente a 10K € o poco più…..
      L’amico ha risparmiato 2K € in 2 anni di solo rifornimento il che non vuol dire che ha risparmiato jn TUTTO 2K € perchè a quello del rifornimento devi sommare quello del bollo (che non ha pagato), dell’assicurazione (che gli costa circa la metà) e dei tagliandi (che con Tesla non esisto per nulla)… è questi sono solo i risparmi certi, poi è possibile che ci siano anche quelli eventuali (cioè che dipendono da dove utilizzi di solito l’auto) quali i parcheggi gratuiti nelle strisce blu e l’accesso alle ZTL….
      Ecco che il risparmio totale in 2 anni non può essere limitato a 2K € ma è perlomeno doppio (infatti io nell’anno appena trascorso con la mia M3 ho speso circa 1500 € in meno rispetto al Toyota C-HR che avevo prima)…..

      • Moreno controlla i listini attuali, parte da 55000 la versione base, a 42000 oggi ti danno le ruote di scorta. L’usato si è rivaluto? Tutti gli usati si sono rivalutati, se vendo oggi la mia Abarth che ha 3 anni ci guadagno 8000 euro almeno rispetto al prezzo alla quale l’ho acquistata nuova, in pratica ci guadagno più io di un possessore di una Tesla (ciò detto, indubbiamente la Tesla tiene benissimo il valore dell’auto).

        La Tesla, come già ben rappresentato da Guido (felice possessore di una Model 3), è un’auto che ti fa risparmiare “a parità di segmento”, ovvero se sei uno di quelli che acquista auto di segmento D, l’unico segmento dove l’elettrico effettivamente è più economico del termico ed è anche una scelta che non comporta sacrifici. Se confronti la Tesla con una segmento C termica il risparmio non c’è, nel segmento C (termica vs elettrica) il risparmio non c’è o se c’è ti devi accontentare di una elettrica con autonomia bassissima. Nei segmenti A e B non rientrerai mai della spesa, neanche se ricarichi al 100% col fotovoltaico.

        • Certo che sei proprio forte tu!!!!! L’amico dell’articolo la sua M3 non l’ha acquistata oggi ma 1 anno e mezzo fa (quindi prina di me)…..
          Tu pretendi lo hai aggredito facendogli i conti in tasca e pretendendo di confrontare il prezzo di auto termiche di 20 anni fa consuelo di una M3 di oggi quando l’amico ha chiaramente detto che l’auto l’ha comprata 2 anni fa!!!
          Oggi ci si risparmia di meno rispetto a 2 o 1 anno fa? Sicuramente si… Chi è stato intelligente e non di è fatto frenare da paure inconsce e spesso immotivate ha sfruttato il momento migliore….
          Comunque rimane il fatto che il risparmio evidenziato nell’articolo è unicamente quello sul rifornimento (non sto a ripetermi, ho già scritto tutto sopra) e cge una termica con caratteristiche simili alla M3 (parlo di abitabilità, confort e sicurezza in primis, trascurando per il momento le prestazioni) non è che ke trovi a 25K € ma, soprattutto se ci metti le dotazioni cge sono di serie nella M3 facile che almeno 10-15K € in più devi mettercele…
          Poi ovvio cge anche fra le termiche se vuoi confrontare una panda con una berlina familiare ti risulta che con la panda spendi di meno…

          • Moreno io non ragiono x incentivi! Se l’auto gliela regala il sindaco, il governatore regionale, il premier o la nonna non mi importa nulla. Se tuo suocero ti regala l’Hummer nuovo, vieni qui a fare i conti e a dirci che la tua Hummer ti costa meno di una Tipo nuova? Ma che senso ha? Soprattutto se oggi quegli incentivi non ci sono più… a questo punto facciamo un articolo di uno che oggi vende una auto a metano di 10 anni e vediamo quanto ha risparmiato prima che il metano arrivasse a 3 euro/kg. Totalmente no sense…

    • Io voglio solo fare un appunto: a Livorno, con 55mila euro, in centro (io sto in centro, piazza Attias) non ci compri nemmeno un posto auto in strada da un privato.
      90m2 in centro non li trovi sotto i 180mila (da risistemare ovviamente, altrimenti aggiungici pure 100/130mila se ristrutturato senza posto auto (aggiungi e cinquantamila con posto e 80/100 se ha il garage).
      55mila euro costa una casa a Colognole o Guasticce che sono frazioni oltre i 15 chilometri da Livorno, 20 dal centro.
      Con 55mila non compri manco la base si un’ Audi 4 o un BMW serie 5, che a confronto sono auto di 25 anni fa, obsolete che usate valgono quanto il pacco batterie usato di Tesla.

    • Un’altra occasione per fare silenzio sprecata. Solo informazioni sbagliate smentite da chiunque, comincio a pensare a te piaccia prendere dabbate in faccia.

      VAIDIESEL!!!

    • -a Livorno con 55000 euro ti danno una casa in centro-

      I discorsi li porta via il vento e le biciclette i livornesi. :D:D:D:D:D:D

      (non ho resistito…)

        • Ma francamente a me di Livorno come piazza immobiliare… Com’è che si dice? Francamente fottesega. 😂 più che altro un casertano (giusto?🙄) che di tutti i posti possibili che ci sono a nord della linea tronto garigliano mi finisce a livorno… Insomma, quando la sfiga si accanisce 😂😂😂😂 (ovviamente si scherza)

          • Sono nato a Caserta ma vivo in Toscana da quasi 30 anni. Vedere un’auto elettrica spacciata come un affare e che costa come un quadrilocale di 80 mq2 mi fa specie. Per me un’auto di listino da 55k è totalmente fuori budget: mi fa piacere che molti se la possono permettere ma se non esce una media a 20 o 25k il mondo della Tesla … come si dice… fottesega 😅😆🥳🎊🍾

    • Io la 147 1.9 jtd Distintive la pagai 40.000.000 tondi scontata da 45.000.000.
      Ora con 45.000 in effetti ho comprato una Model 3 😉

      • Sig Roberto lei avrà pagato poco la Tesla ma un’esagerazione la 147!
        sig. Tedeschini e Roberto perché fare un articolo impergnato al 50% sul risparmio (peraltro sempre risicato rispetto al mio diesel che costa meno di 30000 euro), quando lei per primo dice che chi compra Tesla, Mercedes e Bmw non le compra per il risparmio! E’ esattamente quello che affermo anche io!

        • Dipende da cosa si intende: se compri Tesla al posto di BMW, Audi o Mercedes termiche (ma pure no…) di sicuro risparmi, e pure tanto. Rispetto al suo diesel probabilmente il risparmio è inferiore… ma che confronto è?

    • Io invece viglio l’Alfasud elettrica. ☝️
      Coi dadi di peluche appesi allo specchietto e lo stereo coi subwoofer che spaccano i vetri.

      Poi canto please don’t let me be misunderstood🎶
      Mentre parcheggio nel parcheggio l’alfasud🎵
      E mi precipito giù in disco perchè sta per cominciare🎶
      La discomusic… 🎵

      https://www.ansa.it/canale_motori/notizie/eco_mobilita/2021/11/04/alfasud-elettrica-4×4-eco-trasformazione-in-gran-bretagna_2cc9750a-c2e0-43d6-9967-38253b944b13.html

    • A parte che la Tesla Model 3 Standard Range del lettore costo 50 mila euro e non 60 mila, Lei pensa che le macchine tedesche a benzina o diesel della stessa categoria (a parità di prestazioni) costino molto meno?

      • Se ci limitiamo a guardare le prestazioni pure la 500e top gamma va come una a4 con motorizzazione base, metti una scocca grande come una berlina e fai una 500 elettrica che costa come la a4… Ma non so.. Qualità e longevità dei sedili, del riversamento del volante per reggere usura meglio di altri, la qualità delle plastiche e gli anni necessari prima di sentire scricchiolii non son minimamente paragonabili, da questo non ci si può nascondere, per tener sotto controllo il prezzo finale dati i costi enormi dei sistemi di stockaggio (nella totalità di bms batteria trasformatori ac/dc, gestione termica etc etc) per forza di cose da qualche parte devi tirar giù per marginare.
        Ci son tesla che van più di alcune Ferrari con prezzi che non arrivano a essere così imparagonabili, di sicuro lo sono molte Aston Martin o Maserati..eppure non son proprio la stessa cosa come qualità

    • Ciao oltre al risparmio sui carburanti, devi tenere con dei risparmi su assicurazione e manutenzioni. Sulle perplessità dei lunghi viaggi, occorre tener conto dei circuiti idraulici delle signore, che al massimo ti permettono tratti di 200 km. Quindi dov’è il problema ?

  12. Si, con tariffe ante caro metano e fv con accumulo il vantaggio è ottimo, sia economico che ambientale.

    Ma facendo ricariche solo alle colonnine ho i miei dubbi (soprattutto ora).

    E qualche dubbio ce l’ho (in questo momento storico) pure su coloro che non hanno l’FV ho il datore di lavoro che elargisce gratuitamente.

    Il valore dell’auto è aumentato soprattutto grazie all’inflazione.

  13. al solito, per la maggior parte delle persone il problema non è ” mantenere la vettura” ma il credito di accesso necessario all’acquisto. Se Tesla vuole entrare anche nelle fasce meno abbienti, non serve una Model 2, ma una linea di credito dedicata… che poi tanto vende lo stesso e dei paesi del terzo mondo come bananilandia poco gli importa

    • Una linea di credito!?

      Con uno stipendio di 25000 euro, ci vogliono piu’ di due anni di stipendio per comprare il modello piu’ economico.

      Ponendo di voler anche mangiare, pagare l’affitto o il mutuo, ecc. anche a 500 euro accantonati per la macchina al mese, stiamo parlando di pargarla per 10 anni, o giu’ di li’. Non mi sembra un uso considerato dei propri soldi, ma ognuno fa le sue valutazioni.

      E qualche spesa (es. assicurazione) aumenta, rispetto alla macchina da “meno abbiente”, anche se altre scendono un po’ (anche se e’ difficile fare previsioni per il futuro)

      Spero vivamente che le auto elettriche si diffondano, ma:

      – Il prezzo d’acquisto e’ importante, se restiamo nel modello dell’auto di proprieta’
      – Se no, bisogna passare a qualche forma di condivisione, che siano robotaxi, car sharing, o altro

  14. Buongiorno,io ho la stessa macchina,stessa data di acquisto,1000 km in meno e forse ho speso molto di meno, perché praticamente carico quasi sempre gratis,colonnina supermercato e Enel x da 60 kW gratis sul tragitto che faccio per andare al lavoro, comunque anche io ho fotovoltaico a casa anche se i miei orari di lavoro non coincidono con le ore in cui è attivo,giusto nei weekend, siccome sto facendo i lavori per il 110,fra poco avrò un altro impianto fotovoltaico da 6 kW con accumulo da 15 e li vedrò i consumi, comunque confermo che da quando ho la macchina,tornare indietro è impossibile,l’unica cosa che mi sento di dire,nei lunghi viaggi,la batteria da 50 kW è un po’ piccolina,ti devi fermare ogni 200 km,ho già fatto dei viaggi sia d inverno che d estate anche molto lunghi, Palermo Roma,in estate si fa tranquillo,in inverno dove l autonomia scendi di un 15-20 per cento, è più complicato,una volta nelle montagne abruzzesi con neve e temperatura sotto zero,ho rischiato di rimanere lì,adesso hanno aperto in supercharger a Carsoli ed è una manna dal cielo, comunque il problema delle fast al centro sud, è reale e si devono dare una svegliata,l ultima cosa e che se veramente fanno uscire la model 2,con batteria anche da 65-70 kW,ci faccio un pensierino per cambiarla,anche più piccola a me la macchina va bene

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome