Home Alla ricarica Quanto fai con un kWh? Dimentica i litri…

Quanto fai con un kWh? Dimentica i litri…

13
CONDIVIDI
Modello per modello, puoi sapere quanta strada farai per ogni kWh immagazzinato nella ricarica.

Quanto fai con un kWh? Se vogliamo diventare automobilisti elettrici dobbiamo sostituire questa domanda al vecchio “quanto fai con un litro?” delle auto a benzina. E su quello basarci per capire quanta strada si fa e quanto spendiamo.

C’è chi l’energia la divora e chi…

Il kWh è semplicemente l’unità con cui si misura l’energia contenuta nella batteria. Sapere quanti kWh ci sono è fondamentale per capire quanta autonomia abbiamo. Esattamente come quando ci chiediamo quanti litri ci sono nel serbatoio. Sulle auto elettriche la misurazione è segnalata costantemente sul display di bordo, con una proiezione della percorrenza residua. Percorrenza che poi dipenderà dalla velocità e dalla strada che andremo ad affrontare, per esempio se in salita o in discesa. Le Case auto sono tenute a informare gli acquirenti su quanti kWh servono per percorrere 100 km, ma si tratta di dati di omologazione spesso piuttosto ottimistici.

La app misura-consumi

Ma esiste una app tedesca, Spritmonitor (guarda il sito), che ti permette di registrare i consumi reali. E di contribuire a elaborare dati medi che consentono di capire quali sono i modelli più ‘risparmiosi’. Da lì arrivare a calcolare quanto si spende per viaggiare è abbastanza semplice: si fa riferimento non più al prezzo del litro, ma a quello dei kW erogati. Prezzo che è molto economico se si ricarica a casa in modo lento (prezzo circa 22 centesimi). Un più caro se invece ci si rifornisce nelle stazioni pubbliche (fino a 50 centesimi per le superveloci). I valori di Spritmonitor sono indicativi, costituiscono una media tra decine di utilizzatori. Ma visto la meticolosità con cui i tedeschi si applicano a queste rilevazioni nella vita reale, meritano grande attenzione.

Solo e-Up, Ioniq e i-Miev sopra i 7 km con un kWh

La Ioniq è una delle elettriche più efficienti nei consumi

Consultare questi dati è fondamentale non solo per chi è interessato a una vettura elettrica nuova, ma anche all’usato. Periodicamente le rilevazioni di Spritmonitor vengono analizzate dal sito Gruppoacquistoauto.it (guarda). Se ne ricavano alcune  conferme e alcune sorprese. La prima conferma riguarda la straordinaria efficienza della Hyundai Ioniq, che contende la leadership alla Volkswagen e-Up. Entrambe fanno più di 7 km con un kWh (per la precisione 7,288 km la e-Up, 7,278 km la Ioniq), ma la coreana ha dimensioni, peso e spazio interno ben diversi. Anche la piccola Mitsubishi i-Miev riesce a fare più di 7 km con un kWh (7,077), pur essendo un modello uscito ormai una decina di anni orsono.

Un gruppone con Leaf e Zoe sopra i 6 km per kWh

Un ottimo risultato, tenuto conto di dimensioni e prestazioni, lo ottiene la BMW i360Ah, con 6,868 km per kWh. Ancora meglio fa la Peugeot iOn(6,868), con la cuginetta Citroen C Zeroun passettino indietro (6,734). Bene anche la Renault Zoe R240 (con 6,816), mentre la versione R90 si ferma a 6,426. Buono anche il risultato della nuova Leaf da 40 kW (6,215), che fa meglio della Leaf prima serie da 24 kWh (5,938). A testimonianza del progresso che si sta facendo nelle batterie. Discreto il risultato della e-Golf (6,325), meno buono quello della Smart ED, ferma a 6,285 nonostante peso e dimensioni molto contenuti.

Quelli che… 5 km e anche meno: Tesla, Classe B…

Il Model S 75 in ricarica: fa oltre 5 km con un kWh

E poi ci sono quelli che fanno poco più di 5 km con un kWh. Come la Kia Soul (5,980), la Zoe in versione Q210 e la più parsimoniosa delle Tesla Model S, la 75, che realizza un ottimo 5,324, decisamente positivo per le dimensioni e il peso della vettura. Sotto quota 5 si piazzano invece la Mercedes Classe B elettrica (4,773) e la versione un po’ più potente del Tesla Model S, la 85 (4,732). Ancora peggiore, ed era ovvio essendo un’auto enorme a 7 posti,  il risultato del Tesla Model X: 4,317 kWh per km percorso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

13 COMMENTI

  1. Quello che dici e’ parzialmente vero, in realta’ la potenza necessaria a muovere un veicolo e’ somma di 4 componenti:
    1) Attrito volvente sulle ruote: dipende dal peso dell’auto, e dal coefficiente di attrito ruote-terreno. Piu’ il veicolo e’ pesante, piu’ aumenta. Questa componente e’ preponderante a basse velocita’.
    2) Attrito aerodinamico: dipende dalla sezione (area frontale del veicolo), dal coefficiente di forma “Cx” del veicolo, oltre che dalla densita’ dell’aria e dalla velocita’ al quadrato (se parliamo di “forza”) o dalla velocita’ al cubo (se parliamo di “potenza”).
    Alle componenti sopra, puramente dissipative, bisogna sommare altre 2 componenti:
    3) Potenza necessaria ad accelerare il veicolo: dipende dall’inerzia (massa e momenti d’inerzia di parti rotanti), e dall’accelerazione impressa. Va a finire in energia cinetica, ed e’ teoricamente recuperabile durante la frenata, qualora sia rigenerativa. Qualora invece la frenata sia fatta parzialmente o completamente usando freni meccanici (freni a disco, tamburo, etc..) questa energia va dissipata in calore.
    4) Potenza necessaria in salita, per contrastare la forza di gravita’: dipende dal peso dell’auto, e va a finire in energia potenziale. E’ possibile recuperarla in discesa, tramite frenata rigenerativa o facendo avanzare il veicolo per gravita’, come per il punto precedente.
    Le ultime 2 componenti sono teoricamente recuperabili usando la frenata rigenerativa, ma in pratica non si arriva mai al 100%. Esempio: l’energia cinetica recuperata in frenata e’ sempre minore rispetto a quella investita in fase di accelerazione.

    Quello che volevo dire, alla fin fine, e’ che Nissan dichiara 400 km con 40kWh, che significa 100Wk/km, ma in realta’ si tratta di un valore misurato su ciclo NEDC o simili porcherie che non riflettono lo stile di guida “reale”, dato che nella guida urbana a bassa velocita’ sei sottoposto a continue accelerazioni e decelerazioni, e nella guida extraurbana vai a velocita’ costante, ma viaggi ad alte velocita’. Ergo: condizioni di bassa velocita’ senza accelerazioni/decelerazioni non sono rappresentative della guida reale di ogni giorno di un driver medio.

    P.S.: finora ho provato una Tesla Model S e sono soddisfatto dalla risposta del motore elettrico e dalle varie funzionalita’ di infotainment etc., ma onestamente non ho i soldi per comprarla. 🙂

    • A proposito di “soldi per comprarla”: sia Volkswagen che Opel insistono nel dire che le prossime elettriche che metteranno in vendita, la I.D. e la nuova Corsa, saranno vere “auto del popolo”, a prezzi accessibili a tutti. Siamo curiosi di capire come faranno, al momento sembra un’impresa impossibili coi costi delle batterie. Tanto che le varie Renault e Nissan ammettono che già coi listini di oggi, non proprio popolari, non guadagnano praticamente nulla.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome