Home Turismo elettrico Le crociere portano a Cagliari colonnine e car sharing

Le crociere portano a Cagliari colonnine e car sharing

0
CONDIVIDI

Le crociere ed il turismo in genere portano colonnine, stazioni di ricarica e servizi di car sharing elettrico. Il caso di Cagliari insegna.

I turisti delle navi da crociera spesso hanno solo una giornata per conoscere la città ed i servizi di mobilità sono  fondamentali. La possibilità di noleggiare i veicoli elettrici, oltre al minore impatto ambientale, permette  una circolazione più agevole: nel capoluogo, per esempio, sono autorizzati al transito in tutte le ZTL comunali e non pagano la sosta.

Due stazioni, 16 colonnine davanti alle barche

L’Autorità di Sistema Portuale ha permesso di attivare il servizio, finanziato dai fondi europei, in collaborazione con la società APCOA Parking Italia. Si tratta di una struttura, inaugurata nel gennaio 2017 e progettato dallo studio Solinas di Cagliari, composta da due stazioni di ricarica con otto postazioni ciascuna. La prima si trova accanto a via Roma, in prossimità delle marine destinate al diportismo in transito e del capolinea del bus-navetta dedicato al trasporto croceristi. La seconda è posizionata sul molo Ichnusa, in attesa che si realizzi la marina dedicata ai grandi yacht.

A disposizione quattro auto a noleggio

Ciascuna delle sedici colonnine ha una potenza di 3,7 kW e secondo il gestore servono quattro ore, in media, per completare una ricarica. Il servizio, disponibile tutti i giorni, viene attivato con tessere messe a disposizione dagli operatori presenti nei punti di ricarica. Ma non è finita qui: sono disponibili per il noleggio quattro auto, con un’autonomia di circa 100 chilometri. Quanto si spende? Le tariffe, inclusive di ricarica, variano dai 48 euro giornalieri per un’auto a due posti ai 53 euro giornalieri per quella a 4 posti. La sola ricarica del veicolo, costa al pubblico 3 euro.

Piacciono anche ai cagliaritani

Dopo due anni il servizio è stato promosso dai gestori. Funziona. E non solo per i turisti. Spiega Valeria Mangiarotti, responsabile marketing dell’Autorità portuale:”Le stazioni di ricarica nascono con l’intento di essere dedicate ai turisti, diportisti in transito e croceristi, ma sono accessibili a chiunque abbia un’auto elettrica, residenti compresi”.

Una nave da crociera ormeggiata nel porto di Cagliari

Aperti ai cagliaritani anche perché “Il porto,  in relazione al suo posizionamento strategico, oltre alle vocazioni tradizionali ha una funzione di piccolo hub della mobilità nel cuore della città. Non solo i croceristi, ma privati ed il terziario attingono a questo bacino per le esigenze quotidiane“. Si sono soddisfatte più esigenze. Una lodevole iniziativa: “Il servizio è del tutto innovativo per la città ed in generale per la Sardegna dove la diffusione, come l’effettiva fruibilità, al pari del resto d’Italia, presenta ancora notevoli lacune e un forte gap da colmare verso i principali paesi europei” conclude la manager dell’Autorità Portuale.