Home Alla ricarica Free to Xperience: Autostrade installerà 136 punti di ricarica

Free to Xperience: Autostrade installerà 136 punti di ricarica

2
CONDIVIDI
L'amministratore delegato di Autostrade per l'Italia, Roberto Tomasi.

Free to Xperience: da Autostrada per l’Italia (Aspi)nasce una società operativa che si occupa di ricariche elettriche. Annunciando l’attivazione da febbraio delle prime due stazioni e l’avvio dell’iter delle richieste per altri 134 punti ricarica.

Free to Xperience: colonnine e servizi di mobilità

Finalmente: le ricariche elettriche sbarcano nella rete autostradale più importante d’Italia, Autosole compresa. Dopo l’inspiegabile ostracismo del vecchio management guidato da Giovanni Castellucci, il nuovo piano di Aspi presentato dall’ad Roberto Tomasi prevede di colmare questa lacuna. Free to Xperience nasce per installare la più grande rete italiana di ricarica per veicoli elettrici in ambito autostradale. free to xperienceMa non solo: offrirà soluzioni mirate a “migliorare la sostenibilità ambientale e l’esperienza di viaggio, anche fuori dall’autostrada“. L’obiettivo è diventare leader nei servizi al viaggiatore per la mobilità sostenibile. Come car-pooling, car-sharing, parcheggi scambiatori: in autostrada, ma anche in accesso alle aree urbane. In tutto le stazioni di ricarica saranno 136. Le prime due sono in fase di installazione sull’Autosole nel tratto modenese (stazione di servizio di Secchia Ovest) e a 50 km da Roma (Flaminia Est).

Anche in Italia cresce la rete ad alta potenza HPC

Le ricariche installate (a marchio Free to Xperience) saranno presumibilmente ultra-fast da 300 kW, che permettono di ricaricare in mezz’ora al massimo. L’installazione è curata da Enel X, ma è probabile che in futuro per una rete così vasta ci si serva anche di altri fornitori. Quel che è certo è che la rete ultra veloce HPC (High Power Charging) si sta espandendo velocemente in Italia. La stessa Enel X ha appena annunciato due accordi:free to xperience

  • uno vede come partner Porsche Italia e Q8, per la realizzazione di stazioni di ricarica ultrafast da 300 kW in 20 aree di servizio entro la fine del 2021. L’accordo prevede che uno dei caricatori sarà riservato ai clienti Porsche. Con una Taycan, e la sua architettura a 800 volt, in 20 minuti si riporta la batteria all’80%.
  • l’altro accordo riguarda 7 infrastrutture di ricarica HPC, posizionate all’interno di importanti aree di rifornimento della rete IP.  Le prime tre stazioni sono già operative a Peschiera del Garda, (Verona), Zanica (Bergamo) e Biandrate (Novara). A queste se ne aggiungeranno altre quattro nel corso del 2021.

 

2 COMMENTI

  1. Installerà, fornirà, offrirà, tutti verbi al futuro!
    La smettano per gentilezza. Comunichino soltanto ciò che HANNO GIA’ FATTO. E soprattutto si accertino con continuità del regolare funzionamento delle colonnine stesse. (Eh Venturini Enel???)

Comments are closed.