Home Due ruote eBike: arriva FMoser, unico telaio per muscolare ed elettrica

eBike: arriva FMoser, unico telaio per muscolare ed elettrica

1
CONDIVIDI
FMoser

Presentazione ufficiale, presso la PWC Tower di Milano, per la nuova avventura imprenditoriale di Francesco Moser, storico campione italiano di ciclismo, che ha annunciato la nascita della sua FMoser, brand che venderà, ovviamente, biciclette. E la novità sta proprio nel prodotto, visto che comprando una bicicletta se ne potranno avere, di fatto, due: una tradizionale e una elettrica.

FMoser

Nasce la FMoser, dove la bici elettrica incontra quella tradizionale 

Un progetto nato grazie alla collaborazione tra lo stesso Francesco Moser la Fantic Motor: «Per noi è un momento fantastico – esordisce Mariano Roman, CEO della stessa aziendaFrancesco è stato nostro cliente per diversi anni e, nel corso del tempo, si è creato un vero rapporto di amicizia, è una persona che stimiamo molto». Il feeling con tutta la famiglia Moser ha dato il via a questa pazza idea: «Lavoriamo molto bene assieme, c’è condivisione di visioni. Lui è un uomo che sfida il mondo con entusiasmo e determinazione, che prova come noi ogni giorno a cambiarlo. E poi, guardando alla sua storia, è stato un innovatore, con la creazione di oggetti che hanno scritto la storia del ciclismo. Noi ogni giorno ci svegliamo e pensiamo a fare qualcosa di diverso, cerchiamo sempre l’innovazione».

La sfida di Francesco Moser con Fantic

Francesco Moser, terzo campione di tutti i tempi per numero di vittorie e primo italiano (ben 279 in carriera) è uomo che di biciclette ne capisce. E ora, dando alle stampe il libro «Un uomo, una bicicletta», ha deciso di parlare di dieci biciclette diverse nei dieci capitoli dello stesso: «Nove riguardano il passato, una il futuro – ricorda lo stesso Moser – quest’ultima è la FMoser. Bici elettriche, le stesse che molti ex ciclisti criticano, pur non sapendo nemmeno come funzionano. Ma non vale la pena di fare certi sforzi. Ed è fantastico pensare che anche gente normale possa fare una salita. Certo, poi bisogna stare attenti in discesa (ride, ndA)».

FMoser

Le caratteristiche delle eBike FMoser

Tre anni di studio e ricerca, per trovare soluzioni innovative.  Per parlare delle Bike FMoser scende in campo Enrico Fidelfatti, responsabile ricerca e sviluppo Fantic: «Una bici per divertirsi, allenarsi, mantenersi in forma ma sempre in sicurezza – le sue parole – sviluppare una bici elettrica tout court era un po’ banale e quindi ci siamo chiesti come dare un valore aggiunto al prodotto. Ed ecco l’idea, prendere il meglio di due mondi, elettrico e tradizionale, e fonderlo in un unico prodotto».

fmoser
Il motore integrato al mozzo della ruota posteriore

Da qui nascono le eBike FMoser: «Abbiamo guardato ai limiti delle bici presenti sul mercato; motore centrale non rimovibile, connettori che devono essere scollegati smontando la serie sterzo, batterie che per essere smontate intersecano il movimento centrale e molto altro. Tutte cose che rendono difficile l’utilizzo, passando da elettrica a tradizionale. Da qui è nato il brevetto chiamato Dual Mode System, una vera unione di due mondi: la geometria particolare del telaio consente l’estrazione della batteria in mezzo ai due foderi, potendo facilmente passare dall’essere una bici elettrica ad una tradizionale e viceversa».

FMoser

Un prodotto (e un prezzo) non per tutte le tasche

Caratteristiche del prodotto: peso della versione tradizionale inferiore ai 7,5 kg, rigidità del telaio inalterata quando la batteria non è presente, ride feeling naturale; lo switch da una versione all’altra può essere effettuato in autonomia e in pochi minuti. Verranno immessi sul mercato allestimenti corsa e gravel, con la produzione già partita questo mese e prodotto, dunque, disponibile a brevissimo. Il prezzo? Dipende dagli allestimenti, ma si va da cinquemila a undicimila euro; i listini ufficiali usciranno a brevissimo.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it

Luca Talotta (Catanzaro, 1980), giornalista, vincitore del premio Top Green Influencer 2019 per la mobilità sostenibile, vive a Milano. Si occupa di tutto quello che riguarda la sostenibilità, da quella automotive a quella tecnologica e ambientale. Sui suoi canali social si trovano molti dei progetti realizzati con aziende top del panorama mondiale. Collabora con importanti testate nazionali (Corriere dello Sport, Tuttosport, Il Giornale, Il Giorno, Mi-Tomorrow e Il Resto del Carlino tra le altre) e siti internet. E' docente presso l’università eCampus.
Apri commenti

1 COMMENTO

  1. Non vedo niente di rivuzionario, esistono da tempo bici con motore Fazua con la possibilità di rimuovere il blocco batteria/motore in un attimo senza sostituire la ruota posteriore con evidenti vantaggi e risparmio di costi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome