Home Vaielettrico risponde Che fare della mia Merceders EQA con 117 mila km?

Che fare della mia Merceders EQA con 117 mila km?

18
(Credit foto: Mercedes media)

Che fare della mia Merceders EQA con 117 mila km? Pietro è molto preoccupato: la garanzia sulle batterie sta per scadere, sarà da rottamare? Vaielettrico risponde. Potete inviare le vostre domande a info@vaielettrico.it

Key Energy 24

punto interrogativoLa garanzia sulle batterie sta per scadere, che fare della mia Merceders EQA?

“Sono a un bivio. La mia auto, una EQA 250 ha già 117.500 km e in giugno compie tre anni. La garanzia per le batterie Mercedes è per otto anni o 160.000 km. Nel breve non posso cambiarla e tra un anno o poco meno raggiungerò la fatidica meta in km. La domanda è: che cosa mi aspetta? Mai nessuno (forse) si è spinto finora a questi estremi limiti. Mi ritroverò sicuramente con autonomia in calo, che porterà l’auto più o meno velocemente alla rottamazione con valore zero (penso ai prossimi inverni)?

Prima dei km fatali, magari 10.000 km prima, pensavo di farla controllare per vedere a che percentuale di ricarica può ancora arrivare. Ma penso che la Mercedes anche in presenza di valori residui bassi, non la cambierà mai…. O NO ?

Per riassumere: rischio concretamente di ritrovarmi in mano (e a piedi) un ‘monolito’ statico da rottamare senza altra soluzione o no? Grazie, ma sono veramente un po’ angosciato…. Aspetto con ansia un vostro gentile riscontro. Pietro Vigliani

che fare della mia Merceders EQA?Finisce la garanzia, ma non la vita e il valore dell’auto

punto interrogativoRisposta. Ci sembra una descrizione della situazione un po’ troppo tragica. La Mercedes dà quel tipo di garanzia perché è certa che la batteria non scenderà sotto certi livelli dopo 160 mila km ( o otto anni). Quindi non è che un’auto elettrica dopo 117 mila km sia da buttare.

Prima di qualsiasi considerazione, bisogna fare un check della batteria, per capire quanta capacità (e quindi quanta autonomia) è stata persa in questi primi tre anni. Non sappiamo quale versione possiede Pietro, ma anche quella con la batteria più piccola (da 66 kWh) offre in origine un’autonomia di 434 km. Se anche la capacità fosse scesa di un 10%, saremmo comunque vicini ai 400 km.

Peraltro sui siti specializzati nelle vendite di auto usate la EQA mantiene una buona quotazione . Quindi: nessun monolito statico da rottamare, ma un’auto che ha ancora un buon valore e che può essere utilizzata ancora a lungo.

– Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico

Apri commenti

18 COMMENTI

  1. Grandi appassionati ed estimatori per “partito preso” dell’elettrica! Ma vi chiedete CHI comprerebbe mai un’auto così a 200.000 km? Non dico che magri non li faccia con le sue batterie originali, ma chi si metterebbe in casa in veicolo così oneroso da mantenere (basta pensare alle gomme, o a qualunque intervento “extra”)….con la prospettiva di dover sborsare decine di migliaia di euro per una batteria nuova? Chi ha i soldi, se la compra nuova e se non li ha fa il leasing. Un usato del genere avrà anche un valore teorico elevato nell’usato, ma voglio veramente vedere chi se la compra e soprattutto a che prezzo (considerando anche il crollo del valore del nuovo, in un mercato “drogato” dagli incentivi).
    Sono però certo che quasi tutti denigrerete questo pensiero…. poiché è politicamente corretto dire bene dell’elettrico.

    E io vi parlo da ex possessore DELUSO ti tesla S usata. Un bagno di sangue con una macchina si bella…bellissima. ma RIDICOLA come autonomia e INAFRONTABILE come costo di sostituzione batteria.

    • Io la compro subito per 15 k e la rivendo domani in Ungheria a 20k , nemmeno mezza giornata. Se non sie è del settore non serve commentare alla cavolo.

    • Chi compra un’auto così con 200.000km? gli stessi che comprano un diesel con 250.000 km… io personalmente non lo farei mai in entrambi i casi, ma evidentemente qualcuno c’è e ci sarà sempre. Banalmente chi non ha troppi soldi da spendere (poi magari ne spende di più in manutenzione ma andiamo OT)

  2. La mia 308 aveva l’estensione garanzia 5 anni/80.000 Km. oggi ne ha 115000… e non vedo motivo per buttarla.

    Non comprendo esattamente la problematica. Se fa 35000 Km/anno la BEV mi sembra l’auto perfetta. Con una ICE anche a 6lX100 Km (e per macchine di quelle dimensioni non sono neanche pochi) sarebbero 2100l/anno ossia cica 3700€/anno di carburante.
    La sua BEV se la carica a casa avrà speso la metà. altri 500€ di bollo. in 10 anni 20/25000€ di risparmio.
    In tutta sincerità mi sembra un affare anche solo in 10 anni.

  3. Se ne liberi al più presto! A 160.001km le batterie prenderanno fuoco! L’autonomia scenderà di colpo a 7,2km. La corrente costerà 16€/kWh e sotto i 24 gradi l’auto resterà bloccata. Siccome sono buono gliela compro io a 200€… Scherzi a parte, se la casa le garantisce le batterie per 160000 vuol dire che può star tranquillo almeno per altri 100000 con autonomie decenti (salvo difetti di costruzione che però a questo punto sarebbero già emersi). D’altronde abbiamo esempi di Tesla con percorrenze ben più alte senza particolari problemi alle batterie.

    • Tra altro facendo molti km all’anno, la batteria non fa in tempo ad invecchiare per il fattore temporale, ma si usurerà principalmente per il fattore chilometri

      un alto chilomentraggio annuo mipèare sia un fattore che aiuta a raggiungere alte percorrenze totali con la batteria prima di avere un degrado significativo

  4. Continuo a rimanere dell’avviso abbastanza convinto che almeno per il momento e per i prossimi anni ancora un’auto elettrica che non sia coperta dalla garanzia delle batterie da un punto di vista puramente commerciale effettivamente rischia di valere molto poco. dolorosamente poco.
    Questo perché come intuibile non credo che ci saranno molte persone disposte ad acquistare un mezzo che in caso di guasto della batteria sostanzialmente è da buttare, visto che ad oggi mancano completamente sia coperture assicurative specifiche da farsi privatamente sia strutture in grado di lavorare aftermarket su batterie compatibili e quindi bisogna andare a morire all’assistenza ufficiale.

    Detto questo c’è il rovescio della medaglia: se la Merdeces del signor Pietro funziona bene e l’autonomia ancora lo soddisfa, nulla toglie che la macchina possa fare serenamente anche 400.000 km. In linea di principio non si vede nessun motivo per cui non possa farli. Quindi al posto suo, magari sì confidando un po’ nella buona sorte, io mi terrei la macchina abbastanza serenamente e sempre abbastanza serenamente la porterei fino alle estreme conseguenze.
    Magari facendo con una certa regolarità un check della batteria coi ben noti strumenti tipo power check control, giusto per avere un’idea di come stanno andando le cose

    Ci faccia sapere caro signor Pietro, perché con i chilometri che fa la sua rischia di essere una testimonianza decisamente preziosa.
    Sinceramente: io me la terrei.
    Ma in tutta onestà anche con una relativa tranquillità

  5. Mi domando se quando ha acquistato un auto ICE alla scadenza della garanzia si sia preoccupato … La leggenda metropolitana che le batterie quando scade la garanzia siano da buttare è dura a morire …

  6. Francamente non capisco tutta questa ansia per la durata della vita di un’auto elettrica, quando il problema principale, forse l’unico , è il calo di autonomia nel tempo…e allora? Si attaccherà alla spina l’auto un po’ più spesso.Punto . Forse un ‘auto termica è immune al passare del tempo? Non credo proprio. Con tutte le parti meccaniche ed elettroniche ,soggette ad usura, che ci sono in un’auto termica, io penso che con molti km alle spalle, sia molto , molto più costosa da mantenere…altro che autonomia .

  7. Il sig. Pietro non ci dice nulla dell’auto, a parte che sta scadendo la garanzia sulla batteria. Non dice se è soddisfatto nell’uso che ne ha fatto, se l’auto p ben assemblata, se ha dato problemi e/o ha ricevuto assistenza dalla Casa costruttrice, se ha visto o meno un calo percepibile dell’autonomia.
    Non ci dice che offerta farebbe Mercedes per una permuta con un’auto nuova.
    Per quello che riguarda la batteria una certificazione con PKC o Aviloo potrebbe dissiparne i dubbi.

  8. Alla Faccia di chi dice che non si fanno Km con l’elettrico, il signore ha fatto 8 anni di percorrenze media in 3 anni , guarda il prossimo anno a 160k km per 15mila euro la compro io non serve che la rottami

Rispondi