Home Alla ricarica Il Pd di Venezia: “Sindaco, mancano le colonnine al Lido”

Il Pd di Venezia: “Sindaco, mancano le colonnine al Lido”

3
CONDIVIDI
TAXI PAPA' BEBE VIO
Il sindaco prova il taxi ibrido

Denuncia del Pd. Tanti soldi e comunicazione per i bus elettrici al Lido, ma zero colonnine pubbliche per i privati che devono ricaricare le auto elettriche. 

Questa in estrema sintesi l’interrogazione presentata dai consiglieri comunali del Partito democratico veneziano. Chiedono spiegazioni e interventi al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. Sul tema elettrico non dimentichiamo anche i fondi comunali per il retrofit delle barche. Dopo oltre un anno a che punto siamo?

Cercasi colonnine al Lido

bus elettrici venezia
Un bus elettrico al Lido di Venezia

Il consigliere democratico Paolo Ticozzi, insieme al gruppo consiliare comunale e a quello della Municipalità Lido Palestrina, chiede spiegazioni  in occasione della settimana europea per la mobilità sostenibile, sulle stazioni di ricarica al Lido.

il consigliere lo scrive in una nota che ha inviato a Vaielettrico: “La transizione ecologica e la lotta ai cambiamenti climatici, passa anche per la mobilità sostenibile e la diffusione di automobili elettriche, ma al Lido ci sono solo due punti per la ricarica. Qualcosa c’è, ma il consigliere sottolinea: “Sono entrambi privati: uno presso un ferramenta e l’altro presso un hotel”. In questo modo “non si incentivano certo i residenti al passaggio ad auto elettriche, anzi impedisce e limita la presenza di turisti più attenti all’ambiente e responsabili”. Sul tema ci aveva scritto il lettore Nicola Carlon dopo una vacanza a Venezia: Al Lido  purtroppo sono indicate su Nextchargesolo due colonnine…“.

LEGGI ANCHE: Vacanze elettriche / A Venezia in Tesla Model 3

Pd: “Aspettiamo da tempo le colonnine”

paolo ticozzi
Il consigliere Paolo Ticozzi

Il consigliere Ticozzi ha presentato un’interrogazione in Comune e in Municipalità e ricorda che “nonostante nel 2018 sia stato firmato un protocollo tra l’Amministrazione comunale e Enel X per la realizzazione di punti di ricarica nel territorio comunale, al Lido non se ne sono ancora visti”. E  il consigliere dem tira in ballo i bus elettrici: “La pressoché totale assenza di colonnine per la ricarica elettrica di mezzi privati su suolo pubblico stona decisamente rispetto all’utilizzo di autobus elettrici al Lido“.

in altri termini si accusa di propaganda l’amministrazione che “ha investito molto anche in termini di comunicazione ai fini di un rilancio dell’isola in ambito “green”, che dovrebbe però essere declinato a tutto tondo comprendendo anche il trasporto privato”. Si usa il pungolo, ma si offre collaborazione con il capogruppo del gruppo Pd del Lido Danny Carella: “E’ opportuno sanare quanto prima questa mancanza per agevolare la diffusione di auto elettriche al Lido. Vogliamo conoscere se ci sia un piano di intervento e che tempi prevede e soprattutto chiediamo che venga coinvolta anche la Municipalità nell’individuazione degli spazi pubblici”.

Fondi per il retrofit, a che punto siamo?

Ordinanza contro motori termici delle barcheA giugno 2020 abbiamo scritto della svolta green di Venezia grazie allo stanziamento di 1,5 milioni di euro di fondi comunali per convertire i motori inquinanti (leggi qui). Abbiamo chiesto più volte, ma senza avere risposta. Sarebbe interessate saperne di più visto che l’incentivo del governo da 500 euro, quanto dato per un monopattino, non risolve certo la situazione (leggi qui). E anche su questo contributo, zero notizie. Senza dimenticare l’intervento più corposo, 130 milioni di euro in dieci anni, per il trasporto pubblico locale sembra incentrato solo sulla conversione ibrida e neanche una linea sperimentale pare  dedicata al full electric (leggi qui).

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

Apri commenti

3 COMMENTI

  1. Chiedo a qualche esperto:non si potrebbero usare i pali dell’illuminazione pubblica per il passaggio dei cavi senza devastare le strade?

    • Ci sono tantissime soluzioni per fare passare i cavi …
      Ma le lobby dei lavori stradali, sono MOLTO potenti! Per cui capita che una strada sia interessata da 3 scavi consecutivi ( acquedotto primavera 2021, gas estate 2021 e fibra ottica autunno 2021, chiaramente con 3 asfaltature diverse 🤪

  2. Mi piace perché il PD ha sempre remato contro la transazione ecologica, ed ora si lamenta che non ci sono colonnine 🤦 comunque neanche a Jesolo ci sono, o meglio c’è né una sola

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome