Home Nautica Zebu: brigantino a vela di 82 anni, ora elettrico con i soldi...

Zebu: brigantino a vela di 82 anni, ora elettrico con i soldi della lotteria

0
CONDIVIDI
barca a vela elettrica
Il brigantino Zebu con motore elettrico da 200 kW

Zebu è il primo brigantino a vela con motore elettrico. Una potenza da 200 kW su una barca d’epoca varata ben 82 anni fa e finanziata con 458.400 sterline dalla National Heritage Lottery Fund del Regno Unito. Un investimento che dimostra la facilità del retrofit sulle barche: per navigare in modo sostenibile basta convertire il motore, a prescindere dalla sua età. E in questo caso si è recuperata la batteria da una BMW i3. 

Una storia che inizia in Svezia nel 1938

barca a vela elettrica
Zebu nella foto di Craig Easton

La storia di Zebu inizia nel 1938 in Svezia: nel cantiere navale A B Holms di Råå a Helsingborg. Nel paese scandinavo trasportò legno, carta e ferro lungo le rotte del Mar Baltico e durante la guerra fu al servizio dell’esercito polacco e (qui qualche cenno storico). Finito il conflitto continuò a navigare nel Baltico con un motore diesel. Nel 1984 Zebù salpò dal molo di St. Katharine sul Tamigi a Londra per l’operazione Raleigh. Una sorta di giro nel mondo lungo quattro anni e 41 Paesi che coinvolse 4mila giovani. Nei successivi  trent’anni è stata una nave laboratorio per marinai e velisti, adottata dal Mersey Heritage Trust di Liverpool ed ormeggiata ormeggiato al Royal Albert Dock.

LEGGI ANCHE: Nautica: tutte le notizie elettriche del 2020

Una comunità per salvare Zibu e navigare in elettrico

Nel 2015 finisce quasi in tragedia: il brigantino quasi affonda ma per fortuna viene salvato da decine di volontari. La svolta arriva nel 2017 con la Tall Ship ZEBU Community Interest Company, fondata dal capitano Gerrith Borrett. Obiettivo: far tornare in mare il brigantino,  anche per far conoscere le tecnologie ad emissioni zero con Sea Messenger Project: “Una barca gestita da un’organizzazione rispettosa dell’ambiente con l’obiettivo di utilizzare solo risorse sostenibili in tutte le sue attività“. Interessanti le parole  di Ros Kerslake, responsabile della lotteria nazionale: “Il nostro patrimonio culturale crea posti di lavoro e prosperità economica, uno dei principali driver per il turismo e rende i nostri paesi posti migliori in cui vivere“.

Un motore elettrico da 200 kW per Zebu e batteria da una Bmw i3

barca a vela elettrica
Zebu durante il restauro finanziato dalla lotteria nazionale della Gran Bretagna

Vediamo le misure di Zebu: 395 metri quadri di superficie e 1280  di vele. E’ alto 31 metri, equipaggiato con un motore  da 200 Kw e una batteria agli ioni di litio. Si tratta di un pacco di una BMW i3 rigenerato da 94Ah 380v per una capacità da 35 kWh.  Un esempio di economia circolare, anche se l’autonomia appare limitata. Un peccato. Secondo l’armatore ci si aspetta un funzionamento a 100kW di potenza. “Sono stati 2 anni e mezzo di costante ricerca e sviluppo – sottolinea il capitano Gerrith Borret -, ora con il motore elettrico installato e funzionante, abbiamo fatto un enorme passo avanti verso l’alimentazione al 100% da energia pulita e rinnovabile“.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —