Home Due ruote Yadea T9L Plus, più autonomia con un “clic”

Yadea T9L Plus, più autonomia con un “clic”

3
CONDIVIDI

A breve distanza dall’ultimo modello appena presentato, l’M6L, ecco che  è pronto a sbarcare in Italia un nuovo ciclomotore elettrico Yadea. Il gruppo cinese, che spinge molto sul nostro mercato delle due ruote cittadine green, si appresta a lanciare il T9L Plus, una nuova versione di compatto scooter urbano.

Si tratta di un veicolo con caratteristiche inedite rispetto ai modelli già in gamma. A partire dal design, che abbandona le forme vagamente rotonde e morbide degli altri scooter Yadea, per abbracciare linee più marcate, a tratti spigolose. Poi c’è un aspetto tecnico importante: il T9L Plus è il primo modello Yadea che monta di serie due batterie indipendenti tra loro, utilizzabili al bisogno separatamente per aumentare l’autonomia.

Yadea T9L PLUS

 

Doppia batteria, doppia autonomia

In pratica il nuovo scooter Yadea integra una sorta di swap battery personalizzato: quando la prima batteria si scarica basta spegnerne l’interruttore salvavita e accendere quello della seconda batteria carica, senza sostituire fisicamente nulla. Basta un “clic”.
In questo modo T9L Plus è in grado di affrontare percorrenze maggiori evitando l’ansia da ricarica. Si parla di 110 km di autonomia massima utilizzando entrambe le batterie. Numeri decisamente molto buoni per un ciclomotore.

Le batterie sono agli ioni di litio da 60V 24Ah, per una capacità complessiva di 2,8 kWh. Si trovano nel sottosella e possono essere caricate on board oppure estratte e ricaricate a casa/ufficio indipendentemente una dall’altra. Ogni batteria pesa 9,5 kg.

Spirito cittadino

Il raddoppio dell’autonomia è il punto forte del nuovo elettrico Yadea, che per il resto conferma le qualità già viste anche negli altri prodotti della Casa. Il motore nel mezzo da 2,1 Kw consente la velocità massima di 45 km/h, con un consumo di energia pari a 40 Wh/km.
Sono presenti due modalità di guida, una più “economica” e l’altra più sportiva.

Stilisticamente il T9L Plus appare slanciato e leggero (pesa 75 kg), con sella ampia e fari a LED. Ha un telaio in tubi di acciaio ad alta resistenza e si affidata ad un impianto frenante con disco anteriore e tamburo posteriore. Le ruote sono da 12 pollici.

La strumentazione è completa. Sullo schermo LCD si trovano tutte le info fondamentali che riguardano il mezzo, tra cui l’indicatore di stato di ricarica delle batterie. Così da sapere quando è il momento dello swapping.
Tra le dotazioni di serie troviamo il portapacchi integrato, un vano portaoggetti, il doppio cavalletto (centrale e laterale), il sistema antifurto e la presa USB per caricare eventuali dispositivi elettronici.

Yadea T9L PLUS

 

Sotto i 2.000 euro con l’Ecobonus

Yadea T9L PLUS, importato e distribuito in Italia da Padana Sviluppo, è disponibile nella sola colorazione Titanio ad un prezzo di listino di 2.990 euro. Una cifra in linea con gli altri ciclomotori elettrici presenti in gamma.
Sfruttando al massimo l’Ecobonus, il prezzo scende però sotto i 1.800 euro. Niente male.

—  Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it  —

Apri commenti

3 COMMENTI

  1. Potrebbe essere interessante per mio figlio…
    Adesso ha 11 anni ma comincia a pensare al motorino, chissà come mai? (Nel mio garage l’odore di benzina è permanente dalla notte dei tempi, c’è sempre stato qualcosa che la brucia).
    Però, tornando in tema, vorrei orientarlo su qualcosa di più intelligente come questo Yadea T9L Plus.
    Ma se insiste sul motard a 2 tempi la vedo male, dovrò auto bannarmi da questo sito per le elaborazioni che seguiranno 😂
    Perdonatemi l’onestà, ma ho il cervello elettrico e il cuore a benzina (e il diesel può estinguersi)

  2. Forse l’unica vera innovazione (nel segmento L1e) del T9L Plus è la doppia batteria, secondo me avrebbero potuto prevedere il passaggio in automatico da una batteria all’altra quando la prima è al 15/20% di carica. Da quello che ho capito, in modelli come il CPX è già cosí.. Anche la potenza mi sembra un pó scarsa, credo che avrebbero potuto avvicinarsi un pó di piú ai 4 kW concessi ai ciclomotori.

    • In realtà c’è anche il Lifan e4 con doppia batteria, ma bisogna spostare manualmente il cavo tra una batteria e l’altra (che è un optional).
      E la potenza è allineata, il Lifan ha un motore da 1,9 kW

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome