Home Moto & Scooter Tacita, la sfida di Rigo ai moto-fracassoni/2 La gamma

Tacita, la sfida di Rigo ai moto-fracassoni/2 La gamma

1
CONDIVIDI

 

TORNA A: Tacita, la sfida di Rigo ai moto-fracassoni

Cinque marce per vincere

Quel che distingue tutta la gamma Tacita è il cambio, quasi mai adottato nel mondo degli EV che già beneficia della straordinaria coppia tipica dei motori elettrici. Rigo però sostiene che nel fuoristrada «non si guida con la sola coppia», e anche sull’asfalto «certe salite si affrontano meglio con rapporti adeguati». Dunque cambio a cinque marce _ una prima molto corta e una quinta lunga da crociera _ sia per la prima generazione, le fuoristrada T Race, sia per la stradale ultima arrivata T Cruise. Gli ingranaggi di trasmissione sono stati disegnati per dare comunque una «voce» alle moto del silenzio: circa 60 decibel contro i 90-100 delle moto tradizionali. «L’abbiamo fatto per una questione di sicurezza _ dice Rigo _ oltre che per consentire al pilota di azzeccare il momento della cambiata».

Dai Rally al Motard

L’architettura generale è comune a tutta la gamma Tacita, ma ogni modello è interamente ridisegnato in funzione dell’uso: telaio, geometrie, baricentro, collocazione e capacità dei pacchi batteria (due per i modelli fuoristrada, addirittura quattro per T Race Diabolika) e motore. La gamma T Race comprende un modello Rally (prima moto elettrica ad aver concluso un grande rally africano, quello di Merzouga in Marocco), un Enduro, un Motard e un Cross.

Il modello T Motard

I motori sono asincroni trifase in alluminio, le batterie al litio-polimeri hanno capacità che variano da 4 a 10,2 kwh, il picco di potenza va da 22 a 27 kW, l’autonomia da 40 a 160 km su strada e da poco più di un’ora a quasi tre ore per l’utilizzo turistico fuoristrada, 30 minuti per quello agonistico, il peso base è di 140 chili. Il prezzo d’attacco per il modello Rally è di 29.900 euro e arriva a 37 mila per T Race Diabolika con 4 pacchi batteria. Cross ed Enduro partono invece da circa 19 mila euro. Le moto della famiglia Race hanno già affrontato le competizioni con risultati incoraggianti. «Abbiamo già dimostrato che le nostre moto sono in grado di affrontare le situazioni più estreme, come la grandi dune sahariane. Ma sono convinto _ aggiunge Rigo _ che i nuovi modelli dall’anno prossimo saranno molto competitivi e daranno filo da torcere alle moto tradizionali».

la T Cruise

La scoperta dell’America

La T Cruise è invece un’avventura appena iniziata. Si presenta con l’aspetto classico di una moto americana e un assetto di guida paragonabile a una Harley Davidson. L’autonomia raggiunge i 270 chilometri, un livello del tutto inusuale per una moto elettrica. La massima autonomia è ottenuta con una batteria agli ioni di litio da 27kwh, ricaricabile con Fast Charge in 40 minuti. T Cruise viene proposta però anche con batterie più piccole, da 7,5 e 15 kwh. La percorrenza massima è di 81 chilometri nel primo caso e 149 nel secondo. I prezzi variano dai 10.999 dollari del modello base ai 24.999 di quello con l’autonomia maggiore. Il motore eroga una potenza di 30 kW, con due diverse modalità di guida. I prezzi sui mercati europei saranno resi noti all’Eicma di novembre.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome