Home Alla ricarica Vuoi le ricariche Porsche nel tuo hotel o ristorante?

Vuoi le ricariche Porsche nel tuo hotel o ristorante?

0
CONDIVIDI

Vuoi le ricariche Porsche per auto elettriche nel tuo hotel o ristorante? Il momento è ora. La Casa di Stoccarda ha lanciato un progetto per installare 1.035 stazioni in 20 Paesi, tra cui l’Italia. 

Vuoi le ricariche Porsche? Serve un parcheggio e…

Vuoi le ricariche Porsche
Ecco come appare la wall-box Porsche per la ricarica da 11 kW.
vuoi le ricariche Porsche
La targhetta da esporre nelle strutture

In pratica la Porsche cerca partner tra “selezionati hotel, aeroporti, musei, shopping centre, sport clubs e porti turistici”. Lì  proprietari delle Porsche elettriche (per ora solo la Taycan) e ibride plug-in (soprattutto la Panamera) potranno ricaricare gratuitamente. I dettagli della proposta sono specificati in un sito web dedicato, da contattare se vuoi le ricariche Porsche. E in cui si spiega che i Porsche Destination Charger potranno avere fino a 4 allacci in corrente alternata AC da 11 kW. Saranno compatibili con tutte le auto, godranno dell’assistenza tecnica della Casa e saranno segnalati sulle mappe dei navigatori di bordo della Porsche, che penserà a fornire l’hardware e l’installazione. Ovviamente le strutture ricettive devono disporre di un parcheggio e di un impianto elettrico sufficienti. Con la prospettiva di attirare clienti danarosi e di darsi un’immagine “green”, cosa che non guasta di questi tempi.

Una rete ricalcata sul modello Tesla

Martin Urschel, Vice President Smart Mobility Sales & Operations, spiega che l’intenzione è di arrivare presto a 2 mila installazioni. Aggiungendo altri 900 punti di ricarica ai primi 1.035.

Ai tratta di un investimento importante che dimostra due cose:

  • la Porsche sull’elettrico fa sul serio e conferma che tra elettriche pure e ibride plug-in, confermando che nel 2025 il 50% delle vendite arriverà da questo tipo di vetture
  • la lezione della Tesla è servita. Non c’è elettrico senza un’adeguata rete di ricarica. E con questo investimento, di fatto, la Porsche replica il modello messo in atto dalla Casa californiana in tempi non sospetti. Da un lato i clienti Porsche dispongono dei caricatori super-fast (in DC fino a 350 kW) di Ionity, la rete pan-europea di cui la Casa di Stoccarda è stata tra i fondatori (qui l’articolo). Dall’altro fidelizza i clienti con un network di ricariche lente (soprattutto per le soste notturne in albergo) del tutto simile ai Tesla Destination Charger.

 

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome