Home Alla ricarica Volvo Recharge: debutta a Milano la rete di ricarica ultrafast

Volvo Recharge: debutta a Milano la rete di ricarica ultrafast

2
CONDIVIDI
Volvo Recharge
Volvo Studio Milano - Portanuova Volvo Recharge, la prima stazione di ricarica ultrafast

Volvo ha presentato Volvo Recharge, la colonnina ultrafast di ricarica rapida per le auto elettriche che nasce dalla collaborazione con Coima e che punta a diventare la prima di una lunga serie; ma l’elettricità, per ora, non è da fonti rinnovabili.

Volvo Recharge
Volvo Studio Milano: Manfredi Catella (a sinistra) e Michele Crisci inaugrano Portanuova Volvo Recharge

La presentazione è di quelle importanti: «E’ molto più che una semplice colonnina di ricarica per auto elettriche». Così Michele Crisci, presidente di Volvo Car Italia, ha presentato alla stampa la prima colonnina di ricarica rapida per auto elettriche installata dall’azienda a Milano, nella lussureggiante e assai viva zona Porta Nuova. «Siamo di fronte ad un esperimento, che speriamo possa essere uno spunto anche per altre zone Milano». L’idea, infatti, è quella di replicare il modello in molti punti strategici della città, grazie anche alla collaborazione con Coima.

Volvo Recharge, la collaborazione tra Volvo e Coima

Coima è lo sviluppatore immobiliare che in Porta Nuova ha creato un ambiente urbano sostenibile, in costante interazione tra natura e architettura. Nel quartiere, tra le altre cose, è stata installata BAM – Biblioteca degli Alberi, oltre ad una serie di opere immobiliari (come Gioia 22) con obiettivi come la decarbonizzazione e la creazione di strutture ecosostenibili. Un connubio chiaro, con Volvo che spinge sull’acceleratore della mobilità elettrica.

La stazione di ricarica ultrafast Volvo Recharge di Porta Nuova è dotata di una colonnina Delta UFC200 con due prese di ricarica DC. Può ricaricare un veicolo elettrico con una potenza di 150 kW. Il proprietario dell’infrastruttura di ricarica è Coima mentre il gestore dell’infrastruttura e del sistema operativo è Duferco Energia. Plugsurfing è invece il fornitore di servizi di ricarica.

«Fino al 30 novembre si potrà caricare alla stazione solo con account Plugsurfing o Duferco – prosegue ancora Michele Criscipoi, una volta attivati i vari roaming necessari, la possibilità di ricarica sarà estesa ad altri provider sul mercato. La corrente? Ancora non è da fonti rinnovabili, ma puntiamo ad arrivarci quanto prima». La ricarica con account Plugsurfing comporterà un prezzo di 0,35 €/kWh. Garantito in questa prima fase del progetto sia ai clienti Volvo sia agli utenti di altri marchi. A seguire il prezzo per i clienti non Volvo sarà allineato al mercato.

Il servizio ELECTRICity: 15 Volvo XC 40 a noleggio 

volvo recharge

Ma Volvo ha presentato anche ELECTRICity: un servizio di mobilità elettrica premium che Volvo Car Italia attiva per i residenti e le aziende presenti e attive nell’area di Porta Nuova: «Mettiamo a disposizione del pubblico una flotta di 15 Volvo XC40 Recharge full electric – ricorda ancora Michele Crisci – ciascuna vettura potrà essere affittata per un tempo che va da 1 ora fino 3 giorni. Dopo le tre ore e mezza di utilizzo si applicherà la tariffa giornaliera, che sarà peraltro estremamente vantaggiosa. Il servizio sarà accessibile attraverso una specifica app che sarà ospitata all’interno della app del quartiere Porta Nuova Milano». Il servizio sarà attivo da aprile 2022.

Volvo Recharge, la ricarica in concessionaria

La prima di molte ultrafast nelle concessionarie Volvo Recharge presentata, però, è solo la prima delle molte colonnine di ricarica elettrica ultra rapide che sorgeranno sul territorio milanese. Da tempo, infatti, l’azienda ha promosso il progetto Volvo Recharge Highways in collaborazione con i concessionari italiani di Volvo. Il progetto prevede l’installazione di stazioni di ricarica ultrafast da 175 kW presso le concessionarie Volvo, in prossimità di altrettante uscite delle principali autostrade italiane e in altri punti strategici del territorio italiano.

«Le prime stazioni verranno inaugurate entro la fine dell’anno, le altre entro la metà del 2022 – ricorda Michele Crisci – questa di Porta Nuova è solo il primo passo». Gli fa eco Manfredi Catella, Founder e CEO di COIMA: «Porta Nuova è un quartiere che, nei prossimi anni, passerà da 15mila a 30mila persone; per noi sarà un utile test per immaginare un futuro anche in altri quartieri delle colonnine di ricarica, come in Porta Romana o Scalo Valtellina-Farini che sono due altre zone che stiamo rivalutando. È un’iniziativa strategica, ma da soli non l’avremmo mai fatta».

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it—

Luca Talotta (Catanzaro, 1980), giornalista, vincitore del premio Top Green Influencer 2019 per la mobilità sostenibile, vive a Milano. Si occupa di tutto quello che riguarda la sostenibilità, da quella automotive a quella tecnologica e ambientale. Sui suoi canali social si trovano molti dei progetti realizzati con aziende top del panorama mondiale. Collabora con importanti testate nazionali (Corriere dello Sport, Tuttosport, Il Giornale, Il Giorno, Mi-Tomorrow e Il Resto del Carlino tra le altre) e siti internet. E' docente presso l’università eCampus.
Apri commenti

2 COMMENTI

  1. Ultrafast…. 150Kw…. qualcosa non mi torna…. Ultra non vuol dire super mega stra veloce???
    Ovviamente è un inizio dai, avanti così!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome