Home Nautica Volvo Penta fa prua sull’elettrico. Entro il 2021 anche su vela e...

Volvo Penta fa prua sull’elettrico. Entro il 2021 anche su vela e traghetti

0
CONDIVIDI
barca a vela motore elettrico

Prua sempre più verso l’elettrico per Volvo Penta. Entro il 2021 in commercio i motori elettrici anche se, come abbiamo già documentato, sono diversi i progetti realizzati.

Il motore test
il motore per la barca dei carabinieri di Venezia

Abbiamo scritto delle elettro barche dei Carabinieri a Venezia (guarda), del sistema integrato traghetto-autobus a Göteborg, in Svezia (guarda) e del trattore elettrico per i lavori portuali (guarda). Negli ultimi due mesi il gruppo Volvo Penta ha anche presentato il sistema per una barca a vela e la collaborazione per il traghetto ibrido elettrico Tellus in Svezia. E dal 2021 via alla campagna elettrica marina.

La svolta elettrica, parola del  presidente Ingemanson

Presidente
Il presidente di Volvo Penta Björn Ingemanson

Il presidente Björn Ingemanson ha le idee chiare sul futuro energetico del suo gruppo: “Volvo Penta sta abbracciando la trasformazione elettrica e sarà all’avanguardia nella fornitura di soluzioni convincenti ai clienti che utilizzano questa nuova tecnologia“. Segue Johan Inden, Chief Technology Officer: “Già diversi anni lavoriamo all’ elettrificazione. Abbiamo sviluppato competenze ed esperienza per stabilire le tecnologie necessarie per fornire le soluzioni energetiche sostenibili”.

Un laboratorio in Svezia

Tanto studio, numerose sperimentazioni e ora si è pronti al salto tecnologico con la ristrutturazione dell’organizzazione aziendale, investimenti e l’avvio di un laboratorio di ricerca in Svezia.

Prua sulle barche a vela

La barca a Cannes
La barca a vela Fountaine-Pajot con saildrive Volvo Penta

Volvo Penta sta testando un prototipo elettrico di Saildrive per una barca a vela. E’ il frutto della collaborazione con il cantiere Fountaine Pajot e il sistema è stato installato su un catamarano Lucia 40 dove i pacchi batteria agli ioni di litio trasmettono l’energia al motore elettrico che guida l’elica Saildrive.

Test con i clienti esperti

Il gruppo sta presentando il prototipo alle fiere come quella di Cannesper comprendere i modelli di utilizzo dei clienti”. C’è da capire l’uso per trovare la soluzione più efficiente ed efficace. “Il prototipo elettrico si basa sul vasto database di utilizzo dei clienti di Fountaine-Pajot, che definisce accuratamente i cicli di guida per una vasta gamma di profili utente”.

I  risultati con i due motori da 15 kW

il motore volvo penta I servizi di bordo, inclusa l’aria condizionata, possono essere alimentati dai pacchi batteria del sistema, fino a 12 ore. La propulsione è data da due motori da 15 kW mentre le batterie sono da 2x20kWh con tempo di ricarica di 3 ore. La velocità massima è di 8 nodi ed in questo caso con un’autonomia massima di 1 ora. A 5 nodi si superano le venti miglia per circa quattro ore di navigazione. Insomma una soluzione per manovrare dentro e fuori i porti, per alimentare carichi di “hotel” e per la navigazione nelle aree protette o balneari.

C’è Volvo Penta sul traghetto Tellus

Il traghetto Tellus

Ad inizio ottobre Volvo Penta ha annunciato che la sua tecnologia sta alimentando il più grande traghetto ibrido elettrico in Svezia. Si chiama Tellus ed offre il servizio lungo la via navigabile Gullmarsleden tra Uddevalla e Lysekil. La nave è stata commissionata dall’amministrazione svedese dei trasporti e costruita nel cantiere navale Baltic Workboats. Il traghetto è lungo 100 metri e può trasportare 300 passeggeri più auto e camion.

Due POD elettrici

Il traghetto conta su due POD a propulsione elettrica, collocati nelle due estremità della nave: così non si deve girare per andare avanti e indietro attraverso il fiordo. Quattro motori Volvo Penta D16 MH e le batterie forniscono l’energia. Ma è in funzione solo uno, gli altri sono precauzionali, necessari solo in condizioni climatiche estreme e di ghiaccio marino.

Tre viaggi a batteria, prua su full electric 

Questo è un sistema ibrido, ma l’obiettivo dell’amministrazione dei trasporti svedese è la prua al full electric. “Le navi elettriche non possono percorrere lunghe distanze, pertanto, si devono ancora utilizzare questi gruppi elettrogeni”. Su Tellus le 12 batterie Corvus – una capacità totale di 949 kWh – vengono caricate di notte tramite una stazione di ricarica a terra e dai motori Volvo Penta D16 in navigazione. C’è tanto da fare, ma il traghetto può attualmente completare tre viaggi in modalità completamente elettrica.

LEGGI ANCHE: Nidec ASI (ex Ansaldo) lancia nuove batterie per le grandi navi