Home Due ruote Vmoto sbanca Eicma con il concept di Pininfarina

Vmoto sbanca Eicma con il concept di Pininfarina

0
CONDIVIDI

Un 2023 ricco di novità in casa Vmoto. Il colosso australiano ha presentato a Milano i modelli elettrici in uscita nell’immediato futuro, tra cui la versione definitiva della Stash e l’anteprima di un’accattivante dirt-bike. Ma a prendersi la scena è l’originale concept ideato a braccetto con Pininfarina.

Una statua plasmata dal vento. Cristallizzata. Vagamente aliena. Osservando l’enigmatico concept proposto da Vmoto al recente Salone di Eicma, immaginarselo come un futuro maxi-scooter elettrico non è così immediato. Ma capirne le intenzioni alla base sì.

Perché questa sorta di “oggetto d’arte” – che assomiglia più ad una moto d’acqua che ad uno scooter – rappresenta la visione della futura mobilità elettrica su due ruote dellazienda australiana. Il primo frutto di una serie di progetti nati in collaborazione con Pininfarina.

Le due realtà hanno infatti avviato una partnership per realizzare nell’immediato futuro dei prodotti per la mobilità elettrica, le cui linee-guida sono in buona parte riscontrabili già in questo concept così particolare.
A partire dall’aerodinamica, punto focale del progetto comune. Un elemento la cui efficienza viene invece spesso messa in secondo piano dai costruttori elettrici, più attenti a peso e batterie.

Scolpita dal vento

Il concept 3D Air Performance Design è idealmente scolpito dal vento e non a caso è stato realizzato facendo largo uso della galleria del vento di proprietà di Pininfarina. Di fatto, il design è stato studiato per ottimizzare il percorso dei flussi dell’aria, con effetti positivi non solo in termini di efficienza aerodinamica ma anche della stabilità nelle prestazioni del motore. Il concept sfrutta infatti il vento per controllarne la temperatura, con benefici anche sull’autonomia della batteria.

Pininfarina, che ha deciso di cimentarsi anche nel mondo due ruote, ha curato l’aerodinamica ma anche molti dettagli stilistici del concept, al momento solo parzialmente visibili. In primis l’illuminazione frontale a forma di ‘V’, identitaria del marchio Vmoto.
Tra gli elementi innovativi spicca anche l’inserimento di una batteria aggiuntiva, integrata nelle forme dello scooter, per aumentare ulteriormente l’autonomia.

Cosa diventerà realmente il primo modello Vmoto-Pininfarina sarà il tempo a dircelo. Certo, l’apporto di un’icona di stile come l’atelier torinese è garanzia che qualcosa di bello ed elegante ne uscirà fuori.

Stash e F01, Vmoto sbarca in Europa

Ad Eicma il concept non è passato inosservato e Vmoto ne ha fatto il fulcro delle presentazioni dei suoi progetti futuri, vicini e lontani.
Tra questi vale la pena ricordare il lancio della versione definitiva della Stash, moto urbana premium che sarà in vendita in Europa a partire dai primi mesi del 2023.

Rispetto al prototipo visto nel 2021, la versione di produzione guadagna in prestazioni. Il motore centrale con picco da 15 kW è capace di lanciare il mezzo a 120 km/h di velocità massima grazie all’attivazione del Boost.
Per il resto solo qualche miglioria – forcellone più lungo, dashboard più grande – del bel lavoro di design fatto dal team sammarinese C-Creative di Adrian Morton.

L’altra novità in rampa di lancio per Vmoto è il piccolo F01, scooter versatile pensato per un approccio più incline allo sharing e alle consegne. Dovrebbe presentarsi sul mercato europeo in due versioni di diversa potenza (ciclomotore e simil 125), raggiungendo autonomie attorno ai 70 km.

A breve anche la prima dirt-bike elettrica

Last but not least, Vmoto intende rafforzare ulteriormente la sua presenza nel Vecchio Continente anche in un settore ad oggi in forte espansione come quello delle dirt-bike elettriche.
Al Salone milanese ha svelato in anteprima il modello OFF-R, piccolo enduro leggero con ruote tassellate che avrà in futuro anche un gemello-motard da strada (ON-R).
Si tratta di un prototipo da sviluppare nel corso del 2023, con possibile lancio sul mercato a partire dal 2024.

Ad oggi si presenterebbe in doppia omologazione (L1e e L3e), con telaio e forcellone in alluminio pressofuso, motore da 8 kW e autonomie dichiarate fino a 150 km.

Tutti dettagli che andranno via via confermati durante le tappe dello sviluppo.

 

– Iscriviti a Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico-

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome