Home Auto Vi gusta la Lancia elettrica?

Vi gusta la Lancia elettrica?

24
Charxcontrol

Vi gusta la Lancia elettrica? Per ora è un concept, dal nome evocativo: Pu+Ra HPE.  Il primo a assaggio di un futuro a emissioni zero, per rilanciare il marchio.

vi gusta la lanciaVi gusta la Lancia…/ È il primo step verso il solo EVvi gusta la lancia

Non sarà questa la prima Lancia elettrica ad essere messa in vendita. Il piano della marca torinese, chiamato un po’ pomposamente Rinascimento, prevede che nel 2024 venga lanciata la Nuova Ypsilon, in versione sia ibrida che elettrica. Ma già dal 2026 saranno messe sul mercato solo auto 100% elettriche. E dal 2028, in concomitanza con l’esordio della nuova Delta, il marchio venderà esclusivamente modelli elettrici. Uno scadenzario molto preciso, mentre invece i cugini della Fiat rimangono più sul vago. In questo piano
il concept Lancia Pu+Ra HPE, marciante e guidabile, è un po’ il manifesto 100% della visione del marchio per i prossimi 10 anni. In termini di autonomia, tempo di ricarica ed efficienza per una prestazione ai vertici del mercato. Il comunicato ufficiale  per questa vettura parla di oltre 700 km di range, di un tempo di ricarica di poco più di 10 minuti e di consumi energetico sotto i 10 kWh/100 km. Tutto decisamente ambizioso.

vi gusta la lanciaUn antipasto di soluzioni che vedremo sulla nuova Ypsilon

vi gusta la lancia
Gli interni del concept Lancia sono stati realizzati con Cassina.

La Lancia fa sapere che il concept Pu+Ra HPE è stato realizzato con moduli tecnologici ( motore, batteria, sospensioni, freni, etc) della nuova Ypsilon. Anche se sulla nuova citycar, ovviamente, saranno declinati in modo diverso. Aggiungendo che le tre categorie  in cui il marchio tradizionalmente opera (citycar, ammiraglie e berline compatte) rivivranno anche in elettrico, beneficiando delle piattaforme tecniche di Stellantis. Altra anticipazione: la Nuova Ypsilon sarà il primo modello Lancia ad essere equipaggiato con l’interfaccia S.A.L.A. (Sound Air Light Augmentation). Si tratta di un’interfaccia virtuale che “centralizza le funzioni dell’audio, del climatizzatore e dell’illuminazione. Consentendo di adattare l’ambiente all’interno della vettura, semplicemente toccando un pulsante o con il suono della voce“. Insomma, questa Pu+Ra HPE, con la sua aria da sportiva, è in realtà un primo assaggio della Nuova Ypsilon, che verrà svelata entro l’anno.

  • Paolo Mariano ci svela quale sarà la sua nuova auto elettrica, la terza:  guarda il VIDEO

-Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico

Apri commenti

24 COMMENTI

  1. E’ una concept, va presa come tale.

    Però per me è ok

    copio alcune considerazioni sparse che condivido in tutto o anche solo in parte

    -Grandissima interpretazione della Stratos-

    -Le dimensioni sono giuste, anche l’interasse, l’altezza e l’inclinazione del parabrezza, direi ok, anzi, quasi perfette… una compatta coupé con linee così non si vedevano da tempo –

    -L’unico difetto che permea tutto il progetto è che l’auto appare un po’ troppo futurista: le linee sono troppo pulite ed è un peccato, la fiancata troppo “liscia”, sembra che l’auto faccia di tutto per abbassare il cx e proprio questo la rende esteticamente troppo … “liscia”, non mi viene altro termine.-

    Ci sta che sia futurista, concordo che sia troppo “liscia”. Ma se ci fai caso è un male comune. La ricerca del CX a tutti i costi ha il “difetto” di chiedere superfici “liscissime”. Ma che, un po’ di conseguenza, risultano mi vien da dire “innocue” alla vista.
    Le auto elettriche, per adesso, non hanno nulla di “cattivo”, niente che faccia sangue. Sono asettiche e perfette.
    D’altronde una è la fisica, a quella bisogna dattarsi per il momento. Prova ne sia che sotto sotto si assomigliano davvero tanto tutte quante.
    Tempo verrà, sono fiducioso.

    -serve ricucire con la tradizione-

    Se si vuole parlare con una certa cliente,a è fondamentale.
    Altrimenti… Unicorni rosa! 🙂

    (fuor di metafora: l’unicorno rosa è un cliente che “non esiste” o che è quasi introvabile. Chi vuole un’auto sportiva in linea di massima non la vuole fatta come si fanno le elettriche oggi, chi vuole oggi un’auto elettrica per come si può fare oggi in linea di massima non è interessato ad un’auto sportiva. I dati di vendita per adesso mi danno ragione. Spoiler: la Taycan non è un’auto sportiva. è una granturismo molto veloce. Idem la Model S. Ancora più veloce. Anche se non abbastanza 😛 )

    -un ottimo punto di partenza da sviluppare-

    -soprattutto al posteriore (che poi é quello che devono guardare gli altri 😜)-

    mille punti stima.

    -E poi e un coupé, finalmente.-

    Eh si! finalmente!!!! Che sospiro di sollievo!

  2. Le auto elettriche diventano sempre di più “usa e getta” quando qualcosa si rompe, per non parlare dello speciale trattamento quando, anche per incidenti, le batterie prendono fuoco.
    Le assicurazioni preferiscono sostituire l’auto in caso di incidente.
    Poi nascono già male: quanta energia (e quindi inquinamento) ci vuole per estrarre dalla terra tutti i materiali speciali che servono?
    Ormai per convincere i consumatori puntano sul design e sulla comodità.

  3. A me piace e se non vanno troppo oltre i 60.000€ ne dovrebbero vendere 3.000/anno. Il giusto modo per rilanciare il marchio o meglio per lanciarlo direttamente nell’amministrazione controllata.

  4. Mi gusta molto, bravi in Lancia, finalmente si muove qualcosa! ovviamente é solo un concept, ma non vedo l’ora di poter guidare una Lancia elettrica, oltre alla mia vecchia gloria termica.

  5. Stupenda così; certo forse quel triangolone davanti dà fastidio alla vista però col richiamo nei gruppi ottici e nei cerchi ci sta. Magari lo tolgono o lo riducono, boh vedremo. Il retro mi pare talmente troppo futuristico (e lo dico in tono molto positivo) che suppongo non lo vedremo mai così. Uscisse oggi, così come è stata presentata, sarebbe il top. Una roba mai vista ancora
    Concordo anche con L’Astuto che ci vede più una Stratos che una Delta (per quei pochissimi e flebili ricordi che io possa avere di una Stratos; mai stato troppo affezionato del mondo Lancia)

  6. CERCHIAMO DI ESSERE OBIETTIVI:
    Lancia, un marchio che sforna attualmente solo la y. Progetto datatissimo che … sinceramente … ormai ha perso appeal da un decennio o anche più.
    L’ultima cosa l’hanno fatta negli anni 2000 con la thesis… poi sappiamo come è andata a finire..
    .. nel senso che l’hanno abbandonata in qualche angolo dell’ufficio progetti. Ops.. dimenticavo la Musa… che era anche bellina… abbandonata anche quella.
    Ora… buttano fuori un progetto che è bellissimo e che ILLUDE.
    Si, illude perché … che facciano un’auto del genere NON CI CREDO.
    Ti sparano numeri da paura come 10kwh di consumo?
    700 km di autonomia?
    beh.. dovrebbero metterla sul mercato domani mattina per fare il mazzo ai concorrenti.
    Invece no…. ti dicono che la faranno…
    Poi… tra 5/6 anni scopriremo che partoriranno un cessetto che nulla ha a che fare con la figata che vediamo nelle foto.
    Secondo me avrebbero fatto meglio a non creare un hype così alto… poi … dispiace ma effettivamente… è un marchio morto e sepolto.
    E’ un pò come motorola che resuscita lo star tac e gli fa fare numeri più ambiziosi di un iphone.
    La gente compra comunque l’iphone… oppure prende un samsun o uno xiaomi….
    E’ tramontato il tempo degli star tac.

    • si può forse esser d’accordo su dubbi futuro Lancia,, epperò paragone cn mondo smph è quanto meno….ardito🤔 in quel settore comandano da sempre logike di mercato chino.americane ke poco (o nulla) ànno a ke fare cn qualità effettiva del prodotto Ma popolo bue🐂 degli utenti di telefonia mobile segue trend pubblicitari e….pokissimo d’altro 🤷

  7. I led ce li hanno tutti, gli schermi lcd anche. A saperli mettere bene insieme sono in pochi.
    La cosa meno convincente è l’anteriore, che nonostante tutto è originale con l’elemento tridimensionale che spicca dalla linea pulitissima. La linea laterale, pulita, equilibrata.
    Il retro è bellissimo, con gli elementi che si distaccano dal solido.

    Il capolavoro sono gli interni: sembra una via di mezzo tra un salotto di design anni ’60 ed uno retrofuturista; la metà superiore solo cristalli.
    E poi e un coupé, finalmente.

    • Sono d’accordo, per me è pazzesca.
      Concept estremo e futuristico ma dal vivo dev’essere notevole, soprattutto al posteriore (che poi é quello che devono guardare gli altri 😜)

  8. Bella è bella ma tanto non resterà molto di questo concept sulla futura versione commercializzata. È sempre così

  9. Ci sono spunti interessanti, altri meno. Il “disco nero” che fa da plancia nell’abitacolo e inutile orpello sul cofano anteriore non ha ragione di esistere, va eliminato immediatamente. Le dimensioni sono giuste, anche l’interasse, l’altezza e l’inclinazione del parabrezza, direi ok, anzi, quasi perfette. Intanto non è il solito suv triste e uguale a qualunque altro suv di una qualunque altra marca e gli va riconosciuta una ricerca di originalità, una compatta coupé con linee così non si vedevano da tempo. L’anteriore e il posteriore non mi dispiacciono, anzi, sono entrambi estremamente indovinati, sono sia originali sia “credibili” e hanno tanta personalità: su strada si girerebbero tutti a guardarla, soprattutto di notte. L’unico difetto che permea tutto il progetto è che l’auto appare un po’ troppo futurista: le linee sono troppo pulite ed è un peccato, la fiancata troppo “liscia”, sembra che l’auto faccia di tutto per abbassare il cx e proprio questo la rende esteticamente troppo … “liscia”, non mi viene altro termine. Anche gli interni sembrano dalle poche immagini disponibili troppo da “prototipo astratto”. E’ come se l’auto volesse far sapere al mondo di essere elettrica, il famoso oggettino da filmettino di fantascienza hoolywoodiano e invece serve ricucire con la tradizione, in altre parole qualcosa di meno simile all’Aprilia Motò e di più simile al bellissimo concept della CUPRA UrbanRebel che ha saputo innovare senza “strappare” con la cultura motoristica tradizionale, anzi, omaggiandola in tutto e per tutto.

    Come voto gli do un 8 ma è un peccato perché con un po’ di sforzo in più poteva essere un 10. Anzi, facciamo 8.5. Direi che Lancia il compitino l’ha saputo fare bene e si è portata a casa un’idea niente male, un ottimo punto di partenza da sviluppare. Rispetto alle proposte oscene e noiose dei competitor, io ho apprezzato e non poco.

  10. attendo con ansia i commenti del governo per una Lancia tutta elettrica in pochi anni e non ha Biocarburanti.

  11. Lancia,,storicamente un passo avanti la concorrenza;) Epperò bisognerà vedere listino e politike commerciali del brand al debutto elettrico

  12. se non ci fosse scritto lancia dappertutto sarebbe una delle tante anonime cinesi. tutto led e niente anima. peccato

Rispondi