Home Nautica Venezia emissioni zero/2

Venezia emissioni zero/2

0
CONDIVIDI

TORNA A: Venezia emissioni zero

Una Scossa di vaporetto

Eppur (qualcosa) si muove anche ad elettrico. L’anno scorso, a dicembre, è stato inaugurato Scossa. Un battello elettrico GV – utilizza tecnologie già testate in ambiente automobilistico e adattate all’ambiente nautico – lungo 15 metri, largo 3,20 capace di ospitare 39 passeggeri, un posto è attrezzato per disabili, costato 700.000 euro. Un progetto, realizzato con la collaborazione di Comune, Alilaguna (la società che gestisce questo servizio di trasporto), Siemens (responsabile dello sviluppo tecnologico) ed il cantiere nautico Vizianello che ha costruito Scossa. Il battello, pensato per la Linea Arancio ovvero il collegamento dall’aeroporto Marco Polo fino a Piazza San Marco, nel centro storico naviga 100% elettrico grazie ad un motore da 180 Kw posizionato all’interno dello scafo e alimentato da 32 batterie VALENCE XP18 da 19.2 V ciascuna, disposte in serie per raggiungere una tensione totale di 614.4 V. Nel tragitto esterno ai canali sono ricaricate da un generatore e in questo secondo segmento l’imbarcazione passa da una condizione all electric ad una condizione “ibrida”.

Il parco batterie posizionato all’interno di Scossa

Un sistema modulare che vede la presenza di un motore endotermico diesel SISU 74 CTIM che sviluppa 200 kW a 2200 giri (pari a 272 cavalli) e viene sfruttato per la generazione di energia elettrica in accoppiamento con una macchina SIEMENS completamente identica al motore di propulsione. L’energia meccanica prodotta dal diesel viene sfruttata unicamente per trascinare il generatore SIEMENS, non prima di aver attraversato un moltiplicatore STIEBEL con rapporto 0.706. La riserva di carburante è collocata a poppa, ed è l’unico serbatoio contenente liquidi a bordo e ha una capacità di circa 600 litri. Il Comune ha promesso, in una conferenza stampa del maggio scorso, un piano speciale gestito da Actv (l’azienda dei trasporti pubblici) che sta studiando nuovi mezzi, i progetti del passato sono stati definiti “estemporanei” dal direttore Giovanni Seno,  che punta sulla ricerca di nuove soluzioni.