Home Flotte US Post dà uno schiaffo a Biden: la nuova flotta sarà al...

US Post dà uno schiaffo a Biden: la nuova flotta sarà al 90% ICE

4
CONDIVIDI
us post flotta
iI veicolo termico proposto da Oshkosh

US Post rinnova la flotta ma privilegia i veicoli termici. Solo il 10% della nuova flotta di camion postali del servizio postale degli Stati Uniti,infatti,  sarà alimentata a batteria. Questo  nonostante la richiesta del neo presidente Joe Biden di convertire in elettrico l’intera flotta governativa. Lo ha detto il capo della US Post (USPS) Louis DeJoy testimoniando al Congresso. L’altro 90% sarà  a benzina, sebbene i camion – che saranno costruiti dall’appaltatore della difesa Oshkosh – siano presumibilmente progettati per essere convertiti in veicoli elettrici in futuro.

Oshkosh batte Workhorse

Dopo l’appello di Biden, sembrava favorita ad aggiudicarsi la maxi commessa la start up Workhorse che avea proposto un’intera fornitura di veicoli elettrici. Sarebbe stata la commessa del secolo per una flotta elettrica, con un velore di 6 miliardi di dollari.

DeJoy ha giustificato la scelta  con il fatto che il rinnovo della intera flotta con veicoli elettrici avrebbe comportato un costo aggiuntivo di 3-4 miliardi di dollari, cifra che US Post al momento non ha. Ma così saltano i piani della nuova amministrazione che aveva promesso di elettrificare tutte le flotte governative. Quella del servizio postale, che conta su 250 mila veicoli, copre da sola un terzo di tutti i mezzi della pubblica amministrazione Usa.

us post flotta

Oshkosh, in collaborazione con Ford, ha vinto il bando dopo quasi un anno di gara e sei di preparazione. Ora riceverà una prima tranche di fondi di 500 milioni per mettere in produzione i veicoli entro il 2023. Ne costruirà fra 50 mila e 165 mila nei prossimi 10 anni, sostituendo via via i vecchi  Grumman.

Attacchi al trumpiano Louis DeJoy

Apri commenti

4 COMMENTI

  1. Vi ringrazio di avvertirci sulla presenza di un movimento di protesta negli Stati Uniti contro questa scelta, meritevole di essere sostenuto

  2. La decisione di General Louis Dejoy e un insulto allo stato di sviluppo attuale dei trasporti commerciale

    Il sovravosto citato e solo l’elemento d’acUisto e non del life cycle cost che oggi e gia vincente sul piano strettamente economico

    Sul piano ambientiale in un periodo di grande svolta ambientale verso la transizione energetica e un disastro sia sul piano del inquinamento di questi mezzi che non sarranno mai retrofitati in elettrico sia sul piano della communicazione in quanto trionfo di un conservatorismo trionfante che ha rifiutato l’aria condizionata ai milioni di drivers che si sono succeduti dai anni 60/70 quando nessun veicolo al epoca era venduto senza questa opzione di prima neccessita in questo continente

    Vanno sostenute ogni forma di protesta negli USA contro di questa scelta a contro corrente che viene fatto a risparmio a corto termine loro e a costo zmbientale totalmente nostro

  3. Nessuno, dico nessuno, batte i Confederati.
    Le Alpi sono maculate di giallo dei Postali de La Posta della Confederazione.
    Da oltre un secolo le Poste Svizzere utilizzano mezzi elettrici.
    L’obiettivo è chiaro da sempre: La Posta vuole promuovere una circolazione di merci e persone rispettosa dell’ambiente. Sempre e da sempre.
    La pietra miliare fu il motofurgone elettrico per il recapito Tribelhorn prodotto a Zurigo-Altstetten.
    I Tribelhorn venivano utilizzati nel servizio di recapito e per il recapito espresso in varie città svizzere dal 1920 al 1950.
    Ma La Posta Confederata non si ferma qui, realizza a casa dei cittadini infrastrutture di ricarica a prezzo fisso e garantito, ovunque e per chiunque. Stazioni di ricarica professionali per auto elettriche di Posta Immobili installate entro 24 ore durante i giorni feriali.
    Poi c’è E-mobility, la mobilità elettrica per tutti con carta ricaricabile elettronica per utilizzare i veicoli elettrici e le infrastrutture di ricarica di Posta Immobili e PostCompany Cars.
    Non mancano i droni volanti per prelevare i campioni dagli ospedali da analizzare nei laboratori analisi e gli Smart Shuttle a guida autonoma dal 2016.

    https://www.post.ch/-/media/post/ueber-uns/dokumente/post-unter-strom-lupe-2-2013.pdf?la=it
    https://www.post.ch/it/chi-siamo/attualita/2019/mobilita-elettrica-l-antesignano
    https://www.post.ch/it/chi-siamo/responsabilita/le-nostre-priorita/scooter-elettrici-per-il-recapito
    https://www.youtube.com/watch?v=6XrHlNTzY78
    https://www.youtube.com/watch?v=_sbcOLnXm2g
    https://www.youtube.com/watch?v=FL14QWWrdZM
    https://www.youtube.com/watch?v=cUdPJicuS5k&feature=emb_logo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome