Home Tecnologia & Industria Uno studio svedese: batterie riciclate per il 70%

Uno studio svedese: batterie riciclate per il 70%

0
CONDIVIDI
Un accumulo statico con ex batterie auto

Quante sono le batterie riciclate nel mondo? Oltre il 70%, stabilisce oggi un nuovo report appena pubblicato in lingua inglese. Il documento, prodotto dall’Agenzia per l’Energia svedese, smentisce le affermazioni comunemente riprese dagli osservatori “dubbiosi” sulla tecnologia elettrica, secondo sui solo il 5% verrebbe recuperato e riutilizzato.

L’equivoco di un report obsoleto

Quest’ultimo dato proviene da una ricerca dell’associazione Amici della Terra risalente a ben dieci anni fa. Una ricerca obsoleta, contesta oggi l’Agenzia ministeriale svedese, che ignora i progressi fatti soprattutto dall’industria coreana e cinese, ormai leader nel settore delle batterie.


Lo studio riprende le osservazioni sul campo riportate da Hans Eric Melin, consulente del Circular Energy Storage britannico. Melin sostiene che più del 70% delle batterie agli ioni di litio viene riprocessato in Cina e Sud Corea e “gran arte dei materiali viene riutilizzata”. Quindi i tassi di recupero sarebbero “significativamente superiore al 5%”, afferma Melin. E gli studi scientifici più recenti dimostrano che è tecnicamente possibile riutilizzare tutti i materiali impiegati nelle grandi batterie per autotrazione. Diverso è il discorso generale, se si considerano anche le piccole batterie agli ioni di litio presenti nei prodotti di elettronica di consumo. Per queste ultime il recupero e il riciclo non sarebbe economicamente sostenibile.

Cina e Sud Corea leader mondiali

Peraltro le batterie per autotrazione e accumulazione statica, una vota esaurite, hanno alti costi di trasporto a causa delle dimensioni e delle difficoltà nel trattamento. Sarebbe quindi necessario che gli impianti di lavorazione per il riciclaggio fossero facilmente raggiungibili. In Asia, dove si verifica questa precondizione, sono state recuperate nel 2018 97.000 tonnellate di litio, soprattutto in Cina. In Svezia, dove il governo ha fissato nel 95 % l’obiettivo di riciclaggio, nel 2018 è stato recuperato solo il 16% delle batterie industriali e per autotrazione, mentre quelle per dispositivi elettronici portatili, sono state in gran parte riesportate in Asia.

Potenzialmente siciclabili al 100%

In Asia sono attive circa 30 aziende di recupero su un totale mondiale di 50. I materiali vengono trattati con tecnologie idrometallurgiche ricavandone solfato di cobalto, solfato di nickel, carbonato di litio.
Il rapporto conclude che, risolti i problemi di mercato e logistici, il 100% dei materiali utilizzati nella batterie agli ioni di litio è potenzialmente riutlizzabile.