Home Aziende Università di Bologna: il vivaio dei campioni elettrici

Università di Bologna: il vivaio dei campioni elettrici

0
CONDIVIDI
moorfest
Gli studenti dell'università di Bologna

L’Università più antica del mondo occidentale è in prima linea nell’innovazione tecnologica e nella transizione energetica. A Bologna crescono, vincono e salgono sul podio studenti/ingegneri che tagliano prestigiosi traguardi internazionali del motorsport. Sempre più a emissioni zero.

I traguardi internazionali con auto e moto elettriche Made in Bo

Nei giorni scorsi al MotorFest, evento accademico alla presenza delle istituzioni cittadine e regionali, il Team UniBo Motorsport ha ricordato i successi ottenuti nella stagione appena conclusa e dato il via alla nuova. Ma vediamo i traguardi tagliati nel 2022.

Università di Bologna
La moto esposta a Motorfest

 

A iniziare dal primo posto ottenuto a Imola, al Motostudent Engineering Italy (MEI)  con la moto elettrica. Ma non è finita qui come ha ricordato l’ex team leader Rebecca Rimondi: “Il primo posto a Barcellona nella Formula Student Spain, il terzo posto in Repubblica Ceca e il quarto posto a Varano nella Formula Sae Italy per la macchina a combustione; e il quarto posto a Varano anche per l’auto elettrica“.

Un gran lavoro e numerosi riconoscimenti come ha sottolineato il professor Nicolò Cavina, faculty advisor del team. Stagione 2022 finita, ma ora  c’è quella nuova presentata dal nuovo team leader Gabriele Cernicchi. Ha presentato il nuovo gruppo di responsabili e evidenziato gli obiettivi per la prossima stagione: “Migliorare i risultati di quella appena conclusa e continuare a crescere sotto ogni aspetto“.

L’auto solare Emilia 4 esposta al ministero degli Esteri

Non si può dimenticare l’impegno sull’auto solare dell’Università bolognese del Progetto Onda Solare. La vettura da competiziomne Emilia4  è stata promossa quest’estate a livello internazionale dal Ministero degli Esteri visto che si tratta anche del frutto di un progetto di cooperazione scientifica bilaterale con la Serbia, cofinanziato dalla Farnesina. Si tratta di un veicolo a quattro posti che nella sua versione ottimizzata per le gare di lunga distanza viaggia ad una velocità di crociera di 65 km/h, spinta da due motori elettrici.

Auto solare
Emilia 4, l’auto solare dell’Università di Bologna

Anche qui tanti premi come il trionfo all’American Solar Challenge 2018 e nell’European Solar Challenge del 2021, competizioni riservate a veicoli alimentati solo da energia solare, quindi senza ricarica esterna della batteria, sviluppati dalle università e politecnici di tutto il mondo.

UniBoAT primi anche in mare con la barca elettrica

Bologna è salita sul podio più alto con UniBoAT (leggi qui) alla nona edizione del Monaco Energy Boat Challenge. L’evento che ha messo in competizione per la miglior soluzione sostenibile 38 squadre (21 nazioni) tra cui 27 università.

uniboat
UniBoat in acqua a Monaco dove ha trionfato

Il team di Bologna è avanti anche nell’innovazione sull’idrogeno applicato in combinazione con la propulsione elettrica alimentata a batteria. I risultati del 2022 e gli obiettivi del progetto per la prossima stagione sono stati presentati da Leonardo Mengozzi, team leader di UniBoAT.

Il contributo delle aziende emiliano romagnole  per il sostegno alla ricerca

A Motorfest è intervenuto il Rettore, Giovanni Molari che ha sottolineato l’importanza di dare risalto e sostegno a progetti come quello di UniBo Motorsport per la loro valenza formativa. Stessa filosofia di Morena Diazzi, direttore generale della Regione Emilia Romagna, che ha evidenziato come queste iniziative siano importanti anche per offrire opportunità lavorative future ai talenti che hanno partecipato al progetto.

Rappresentanti delle istituzioni e delle imprese che sostengono il team universitario

In questo contesto è chiaro il legame di UniBo Motorsport con le aziende del territorio che sostengono queste attività come ha sottolineato l’ambassador Pier Luigi Santi. E a Motorfest sono intervenute le imprese: Maurizio Reggiani, Vice President Motorsport di Automobili Lamborghini, Simone Di Piazza, Head of Innovation and R&D Services Ducati Motor Holding, Giuseppe Corcione, Ceo di Reinova, che hanno rinnovato l’importanza del progetto UniBo Motorsport come percorso di formazione per gli studenti e contestualmente ricerca e sviluppo al servizio delle industrie del territorio. Sul fronte imprenditoriale sono intervenuti anche  Shachar Oz, Digital Innovation Engineer di Edag Italia e Francesco Possati, membro del Consiglio di amministrazione del Gruppo Marposs.

—  Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it  —

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome