Home Vaielettrico risponde Una Tesla al posto della vecchia Skoda?

Una Tesla al posto della vecchia Skoda?

14
CONDIVIDI

Una Tesla al posto della vecchia Skoda Yeti a GPL? Gianluca, un lettore laziale, ci sta pensando, ma lo spaventano il costo dell’energia e di eventuali riparazioni. Vaielettrico risponde. Ricordiamo che i quesiti vanno inviati a info@vaielettrico.it

una Tesla al postoUna Tesla al posto….? È ancora presto per l’elettrico? Tra costi dell’energia e  riparazioni…

Scrivo da Lariano, provincia di Roma. Ormai la mia Skoda Yeti Tsi 1.2 GPL inizia, dopo 200.000 km, a mostrare i segni dell’età e dei km. Così in famiglia iniziamo a pensare di dargli un erede e, complice il garage e la possibilità di avere il fotovoltaico, eravamo intenzionati a passare a un EV. Il nostro kilometraggio annuo si aggira nell’interno di 15.000 km annui, con la tratta casa-lavoro di circa 40km da fare 3-4 volte a settimana. Complice l’abbassamento dei prezzi, efficienza e mantenimento del valore futuro, ci siamo orientati verso Tesla Model 3 Standard Range. Purtroppo gli articoli degli ultimi giorni su costo dell’energia, assistenza e costo delle riparazioni stanno facendo vacillare le nostre posizioni. La convinzione è che l’elettrico avrà un ruolo preponderante nel futuro, ma non è che per caso oggi è ancora presto?“. Gianluca.

una Tesla al posto
Due Tesla Model 3 in ricarica a Milano, in via Pirelli.

La provi e capisci che non è troppo presto…

Risposta. Basta provarla una Tesla Model 3 per rendersi conto che non è troppo presto per un’auto elettrica. A poco più di 38 mila euro (incentivo compreso, ma senza l’eventuale rottamazione) è dura trovare auto con queste prestazioni e questo piacere di guida. Oltretutto a chi la ordina subito Tesla regala 5 mila km di ricariche gratis nei Supercharger  E per combattere il caro-energia ci sono diverse armi, tanto più se si ha la possibilità di ricaricare a casa con il fotovoltaico. In viaggio  ci si può servire o degli stessi Supercharger Tesla, con prezzi che vanno da 0,52 a 0,58 euro/kWh a seconda delle fasce orarie. O di abbonamenti come quelli proposti da società come Enel X Way o Be Charge, con costi al kWh ancora inferiori, a patto di sfruttare tutta la disponibilità mensile. L’assistenza non è un gran problema e ha costi decisamente inferiori rispetto alle auto termiche. I costi di riparazione dopo un botto, quelli sì, possono essere invece elevati e una buona polizza kasko può essere sicuramente una mossa saggia.

CHE SCONTRO! Futuro solo elettrico? Giusto “abolire” il motore a scoppio? Davide Tabarelli di Nomisma vs Nicola Armaroli 

Apri commenti

14 COMMENTI

  1. Una valida alternativa potrebbe essere una Twingo elettrica per coprire la tratta casa lavoro (circa 18 mila€ con incentivi), e continuare a usare la vecchia Skoda per viaggi lunghi… Quelle 2 o tre volte l’anno.

  2. Tra la Skoda Yeti e la Model 3 ci sono un mare di alternative più economiche ed ugualmente valide… Leaf62, Zoe52, MG4, gruppo PSA(208/2008, Corsa/Mokka), ecc con la possibilità di attingere anche al mercato dell’usato.

  3. Indubbiamente l’effetto wow delle prestazioni sarà abissale rispetto ad una yeti 1.2 tsi..di fatto sono prestazioni che erano appannaggio di auto con motori 3000 diesel o 2000 turbo benzina abbastanza spinti ( poco più di 5 secondi nello 0-100). Credo dia proprio ciò che voleva Musk , dare l’effetto wow per far in parte dimenticare le ricariche e la pianificazione dei viaggi lunghi. Per l’uso che deve farne credo vada benissimo , certo Tesla in caso di guasti fuori garanzia o incidenti con colpa del conducente non è economica quanto una yeti da riparare.. questo va tenuto a mente, inoltre a volte i tempi di attesa per le riparazioni e i ricambi non sono come quelli delle auto europee..va tutto considerato bene.Consiglio una lettura del forum tesla USA e Italia per farsi maggior chiarezza.

  4. tesla la considero non plus ultra ma,in questi anni, si sono affacciate sul mercato davvero belle auto a pila . detto cio’ , riparare una tesla e’ lunica nota davvero negativa ( per danni ingenti ), altre case non sono cosi’ problematiche .

  5. Ma si può fare abbonamento con b charge solo per un mese e poi disdirlo? Nel caso uno debba fare ogni tanto un lungo viaggio? E Tesla fa degli abbonamenti per il super charger?

    • Io ho fatto così qualche mese fa per andare in Germania. Abbonamento da enelX, dopo 4 giorni avevo disdetto l’abbonamento una volta finito il pacchetto. L’altra cosa interessante: ho usato il pacchetto esclusivamente in Germania, quindi mai presso enelX. Questo è un gran vantaggio. Le le app svizzere ad esempio fanno pagare un sovrapprezzo per le colonnine in roaming

  6. Da possessore di una Tesla Model Y (simile in dimensione) faccio notare che potrebbe essere leggermente più ingombrante della urti

  7. Gianluca: ti consiglio di effettuare Test Drive guidando una Model3 per una mezzora: potrebbe essere illuminante.
    Infine per tutte le auto costose, una polizza full Kasco con clausole specifiche per l’elettrico (tipo Allianz Litithium) è indispensabile.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome