Home Incentivi Carpi si dà la scossa, incentivo fino a 13 mila euro

Carpi si dà la scossa, incentivo fino a 13 mila euro

0
CONDIVIDI
L'auto del Comune in ricarica

Con l’incentivo in vigore a Carpi l’auto elettrica ve la (quasi) regalano. Basta accontentarsi di un’utilitaria. Il Comune offre 4 mila euro che si sommano ai 3 mila della Regione e ai 6 mila statali: 13 mila totali.  Alle moto vanno 1500 e ai cliclomotori 750 euro. 

L’incentivo della città emiliana è corposo, ma se va bene permetterà l’acquisto di una decina di auto più qualche scooter ed e-bike. Questo consente il budget approvato dall’amministrazione che per la mobilità elettrica mette a disposizione 60mila euro. Se i carpigiani risponderanno all’appello in strada presto si vedrà una piccola ma importante, almeno dal punto di vista simbolico, flotta elettrica.  Il Comune sottolinea anche “lo sconto del 15% sul prezzo di listino da parte dei concessionari che hanno aderito al protocollo approvato dalla Regione con Anfia, Unrae e Federauto”.

Incentivo anche per moto, scooter ed e-bike 

il centro della città
Piazza Martiri, il cuore della città

 

I contributi sono interessanti anche per gli altri veicoli. Per l’acquisto di una e-bike il contributo, solo comunale, è pari all’80% della spesa sostenuta, fino ad un massimo di 250 euro. Stesse proporzioni, fino ad un massimo di 500 euro, per l’acquisto di un ciclomotore. Ma si possono portare a casa altri 250 euro (totale di 750) se si rottama un veicolo sottoposto a divieto di circolazione. In questo caso il riferimento è il Piano Integrato per la qualità dell’aria (PAIR 2020) della Regione Emilia Romagna. Sostanziosi, sempre pari a l’80% della spesa sostenuta, i 1000 euro per l’acquisto di un motociclo/motocarrozzetta. Anche qui a disposizione altri 500 euro (totale 1500) con la rottamazione. Per l’auto si sale a 2.000 euro più altri 2000 per 4000 totali in caso di rottamazione. Il pacchetto è invitante.

Al contributo seguono i risparmi

l'avviso del contributo comunale

Chi pensa di acquistare l’auto con questi contributi deve poi sommare i risparmi che si ricavano dalla minore spesa per il carburante, in particolare se si può ricaricare a casa e si hanno i pannelli fotovoltaici, la minore manutenzione, l’esenzione dal bollo, lo sconto sull’assicurazione. Fatti tutti i calcoli, legati all’uso personale che si fa del veicolo, la convenienza è evidente. Anche se nella pagina Facebook dominano commenti disinformati.

Via il vincolo del reddito da bando regionale

A Carpi si punta decisamente sulla mobilità sostenibile. Si è aperto anche un spazio comunale gratuito per i giovani dagli 11 ai 29 anni, per imparare a riparare la propri bici. Per quanto riguarda le informazioni pratiche sul bando c’è tempo fino al 31 dicembre 2019. Ma per l’agevolazione regionale è necessario presentare le domande entro il 30 settembre 2019. Un’importante novità riguarda il bando regionale: eliminato il vincolo di un reddito ISEE inferiore o uguale a 35.000 euro. Qui il link al bando.

LEGGI ANCHE: Guida-incentivi per l’elettrico (tradotta dal burocratese)