Home Turismo elettrico Turismo elettrico: Una spinta elettrica per la Sardegna più selvaggia

Turismo elettrico: Una spinta elettrica per la Sardegna più selvaggia

0
CONDIVIDI

Ci sono zone in Sardegna molto belle, ma selvagge. Percorrere questi itinerari non è per tutti. La Sardaigne en libertè ha scelto di renderli più fruibili grazie alle e-bike.

Il tour in e-bike, giustamente, prende il nome di “In bicicletta in libertà”.  ”E’ stato concepito per tutti, grazie alla bici elettrica che permette di percorrere anche i rilievi più impegnativi in tranquillità. Con l’aiuto della pedalata assistita si possono facilmente superare le pendenze più ripide e fare da 40 a 60 km al giorno, mantenendo il piacere della pedalata in bicicletta“.  Così la pensano Jean Luc Madinierè, Damiano Usala e Giovanna Melis che hanno coniato pure uno slogan elettrico: Una piccola spinta per immergersi nella Sardegna autentica.

E-bike Sinus con motore Bosch 

L’impresa offre e-bike della Sinus con motore Bosch: “I motivi della scelta elettrica sono legati al fatto che siamo un operatore eco-turisticospiegano i tre soci – cerchiamo di minimizzare l’impatto del turismo in Sardegna e gli itinerari proposti sono non soltanto in bici elettrica ma in catamarano e a piedi, oppure a piedi accompagnati con gli asini“. Tutti ad emissioni zero.

Sardegna in e-bike

Sono diversi gli itinerari proposti, destinati a gruppi con un un numero limitato di partecipanti: massimo 8. Per essere veramente green si punta anche ad “un’alimentazione responsabile con cibi di stagione, locali, biologici”. Tra gli elementi comuni degli itinerari – si svolgono tra Ogliastra e Barbagia – i paesaggi della macchia mediterranea, l’attraversamento dei piccoli paesi di montagna, la scelta delle spiagge da sogno della costa orientale.

Pedalare nella terra dei centenari

Uno degli itinerari proposti prende il nome di “Ogliastra, Terra dei centenari” perché si attraversa la cosiddetta Blue Zone della Sardegna dove si trovano alcuni dei paesi con il numero più alti al mondo di centenari residenti. Una botta di vita. Altri punti di interesse sono il canyon della Scala di San Giorgio, i borghi di Gairo Taquisara, Ussassai e Seui. Il programma in sette giorni prevede la pedalata sulle sponde del lago Flumendosa dove si incrocia il Trenino Verde. Tanta Sardegna interna per poi immergersi nel mare cristallino del Golfo di Orosei.

Un pacchetto da 870 euro

Il costo del pacchetto è di 870 euro a persona (minimo in due) e   viene proposto da metà marzo a fine novembre con esclusione dei mesi di luglio ed agosto Troppo caldo. I servizi compresi: transfert dall’aeroporto; trasferimento bagagli per ogni tappa; e-bike attrezzata (casco, pannier, kit di riparazione); alloggio per ogni notte e prima colazione (formula B&B); assistenza telefonica durante il giorno in caso di problemi con la possibilità di intervento.

Per informazioni più dettagliate basta un click qui 

Un itinerario o un operatore da segnalare? Scrivete a info@vaielettrico.it 

Tutti i nostri itinerari nella  sezione dedicata al Turismo 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome