Home Auto Troppi difetti, ecco perché JD Power boccia Tesla

Troppi difetti, ecco perché JD Power boccia Tesla

15
CONDIVIDI

Troppi difetti, ecco perché JD Power boccia Tesla. La società che pubblica le famose pagelle sulla qualità delle auto pone la Casa di Elon Musk al 32° posto, l’ultimo.

Troppi difetti riscontrati già nei primi 3 mesi di vita

La classifica dei migliori e dei peggiori è diventata un caso negli States. Non tanto per le prime posizioni, che vedono sul podio due Case americane su tre (Dodge e Chevrolet, insieme alla coreana Kia). Quanto per la clamorosa bocciatura del marchio più cool del momento, ovvero Tesla. È la prima volta che la marca californiana è inclusa nel JD Power Initial Quality Study, che misura la qualità del veicolo nei primi tre mesi di vita.

troppi difetti
La classifica della qualità stilata da JD Powers. Tesla è all’ultimo posto, davanti a Land Rover e Audi-

Lo studio è stato effettuato intervistando un vasto campione di neo-proprietari, in tutto 87.282 automobilisti in questa edizione 2020. Risultato: le auto Tesla hanno sofferto di 250 problemi ogni 100 veicoli, rispetto a una media del settore di 166. Penultima si è piazzata la Land Rover con 228 problemi per 100 veicoli. Arrivare a stilare una pagella per Tesla, comunque, non è stato facile: a differenza degli altri costruttori, Elon Musk si è rifiutato di consegnare l’elenco dei propri clienti. Ma JD Power si è arrangiata da sola e il responsabile dello studio, Doug Betts, assicura che il numero di neo proprietari intervistato è stato comunque sufficiente.

Troppi difetti: che cosa succede con questa bocciatura

Che cosa comporta questa bocciatura? Probabilmente nulla presso gli acquirenti privati, che non si aspettano da Tesla una qualità all’altezza delle auto tedesche e giapponesi. Guardano ad altri aspetti: le prestazioni, l’autonomia, il fatto di comprare auto del marchio più alla moda del momento. Già in passato la marca di Fremont ha incassato bocciature sulla qualità, ma le vendite a privati hanno continuato ad aumentare. Le aziende, invece, sono molto attente a indagini come questa e alla qualità dei beni che acquistano. E questo potrebbe essere un bel problema.

troppi difetti
Il caso della vernice che si corrode col freddo ha portato all’avvio di una class action, in Canada.

Siti influenti come The Verge (qui l’articolo) alimentano il sospetto che Musk punti più sulla quantità che sulla qualità. Spesso forzando i tempi di produzione con il rischio che qualche difettuccio ci scappi. Tipo: portiere che non combaciano perfettamente; rivestimenti interni un po’ tirati via; vernice che si corrode con il freddo intenso…Troppi difetti, insomma.

Non è da questi particolari che si giudica…

troppi difetti
Un’auto dell’assistenza Tesla: in altre indagini la marca california na è stata criticata per i tempi di intervento

Il fatto che Tesla snobbi questo tipo di studi significa una cosa sola. Musk si rifiuta di far giudicare le sue auto con i parametri tradizionali della qualità dei dettagli, le cosiddette finiture. Lui non è un “car guy”, un tecnico dell’automotive cresciuto con il mantra della perfezione. Si comporta come un boss della Silicon Valley, che si rifiuta di condividere i suoi dati con chicchessia, fosse anche una società stimata come JD Powers. E tira diritto per la sua strada, cercando poi di migliorare le auto grazie…alle lamentele dei clienti. Una specie di work in progress, confermato da un’altra indagine-qualità, svolta tra quasi 5 mila proprietari di Model 3 dall’agenzia finanziaria Bloomberg(qui l’articolo). Riscontrando un netto miglioramento sull’affidabilità della più piccola delle Tesla, con un crollo delle lamentela rispetto ai primi esemplari prodotti dal 2017.

— Leggi anche: Quanto è affidabile una Tesla? Ecco una classifica

 

 

 

 

15 COMMENTI

  1. Un anno e 4 mesi con la Model X e 40.000 chilometri percorsi prevalentemente su lunghi percorsi in Europa.

    Devo dire che il primo mese ho avuto qualche perplessità’ sull’acquisto a causa di una serie di inconvenienti che mi hanno portato a scrivere una lettera a Tesla auspicando un migliore processo di controllo qualità sul prodotto.

    Probabilmente sono stato sfortunato, ma dopo una settimana e 340 chilometri effettuati l’auto necessito’ di essere rimorchiata dal mio garage fino al centro di assistenza per un problema al computer che gestisce tutto il sistema. Auto ferma per 3 settimane in attesa del pezzo di ricambio proveniente dagli Stati Uniti ed auto sostitutiva gratuita.

    Dopo un mese, a causa di pannelli montati male sulle falcon doors, questi si erano disallineati provocando forte rumore all’apertura delle stesse. Prontamente riparate con il servizio mobile intervenuto direttamente a casa mia.

    Dopo qualche giorno un allerta sul display della mia auto mi informava di procedere alla sostituzione della batteria a 12 volt. Programmata e sostituita prontamente.

    Alla consegna era stata rilevata una leggera ammaccatura che fu prontamente riparata in tre giorni previo appuntamento ed auto sostitutiva completamente gratuita.

    Questi i primi due mesi. Dopo di che più nulla e solo una grande gioia di guidare un’automobile estremamente avanzata e confortevole e sicura e rispettosa dell’ambiente.

    I disservizi sono sempre stati minimizzati dal pronto invio di auto sostitutiva gratuita dove io la richiedessi (a casa o in giro per l’Europa).

    Devo dire che il servizio post vendita, la competenza dei tecnici e la loro dedizione e’ di livello molto alto. Gli interventi sono sempre stati eseguiti a regola d’arte e con la massima gentilezza e disponibilità.
    Non credo molto alle recensioni sulle auto e nemmeno ai premi tipo “auto dell’anno”. Preferisco formarmi un’idea personale mediante la testimonianza di amici, conoscenti o persone di comprovata fiducia ed integrità e la lettura (critica) di riviste specializzate.
    Il difetto e’ insito in qualsiasi manufatto e sarà impossibile eliminare a priori tutti i difetti, pero’ un sistema che risponda in modo veloce ed appropriato con le dovute garanzie, e’ un sistema sicuramente affidabile.
    Inoltre Tesla e’ una giovane realtà ed e’ accettabile che sia ancora in fase di consolidamento nei suoi processi produttivi, anche tenendo conto della rapida crescita che ha avuto.

    Precedentemente sono stato proprietario di autovetture di molte marche diverse e devo dire che non sempre l’assistenza post vendita e’ stata all’altezza delle aspettative anche con nomi ritenuti di assoluta affidabilità.
    Pertanto la mia conclusione e’ che sicuramente consiglierei l’acquisto di un modello di questa marca e se mi si chiedesse quale potrebbe essere la mia prossima auto, risponderei con sicurezza: “una Tesla”.
    Il mio parere tiene conto anche della motivazione, competenza e disponibilità del personale di assistenza, ma anche della rete di ricarica intesa in termini di diffusione, velocità di ricarica e costi di ricarica tra i più bassi, oltre al fatto che questa autovettura, grazie ai suoi aggiornamenti gratuiti online, si rinnova periodicamente con sempre nuove e graditissime funzionalità. Inoltre, l’opzione Full Self Driving, consente di assicurarsi tutti gli aggiornamenti software ed hardware fino alla guida completamente autonoma che sicuramente un giorno arriverà.

  2. Tesla usa un approccio alla vendita diverso.
    Vende un prodotto non ancora completamente sviluppato al 100 % Ma in questo modo lo riesce a fare uscire sul mercato in tempi più rapidi.
    Poi continua con gli sviluppi/aggiustamenti costantemente.
    Le altre case sviluppano un modello in più anni e poi sostanzialmente non lo modificano più.
    Evidentemente i primi modelli delle Tesla avranno più difetti gli ultimi molti di meno.

    • Qualche racconto di esperienza diretta è arrivata via Twitter.
      GALFER: “Model 3 LR dual drive, zero difetti alla consegna, 33.000 km in 15 mesi, due sole visite in officina: una per mettere le ruote da neve ed una per toglierle. Primo tagliando previsto a 40.000 km.
      CLAUDIO OMBRELLA: Model S75D giugno 2017.
      – Sostituito un faro 03/18.
      – Tapettino lato guida + regolazione allineamento vetro porta anteriore destra 03/19.
      Mai avuto problemi di aggiornamento software. L’anno scorso 5000 km di vacanze dalla Svizzera alla Scandinavia. Ora
      65000 km, pastiglie e dischi-freno ancora originali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome