Home Auto Troppi difetti, ecco perché JD Power boccia Tesla

Troppi difetti, ecco perché JD Power boccia Tesla

15
CONDIVIDI

Troppi difetti, ecco perché JD Power boccia Tesla. La società che pubblica le famose pagelle sulla qualità delle auto pone la Casa di Elon Musk al 32° posto, l’ultimo.

Troppi difetti riscontrati già nei primi 3 mesi di vita

La classifica dei migliori e dei peggiori è diventata un caso negli States. Non tanto per le prime posizioni, che vedono sul podio due Case americane su tre (Dodge e Chevrolet, insieme alla coreana Kia). Quanto per la clamorosa bocciatura del marchio più cool del momento, ovvero Tesla. È la prima volta che la marca californiana è inclusa nel JD Power Initial Quality Study, che misura la qualità del veicolo nei primi tre mesi di vita.

troppi difetti
La classifica della qualità stilata da JD Powers. Tesla è all’ultimo posto, davanti a Land Rover e Audi-

Lo studio è stato effettuato intervistando un vasto campione di neo-proprietari, in tutto 87.282 automobilisti in questa edizione 2020. Risultato: le auto Tesla hanno sofferto di 250 problemi ogni 100 veicoli, rispetto a una media del settore di 166. Penultima si è piazzata la Land Rover con 228 problemi per 100 veicoli. Arrivare a stilare una pagella per Tesla, comunque, non è stato facile: a differenza degli altri costruttori, Elon Musk si è rifiutato di consegnare l’elenco dei propri clienti. Ma JD Power si è arrangiata da sola e il responsabile dello studio, Doug Betts, assicura che il numero di neo proprietari intervistato è stato comunque sufficiente.

Troppi difetti: che cosa succede con questa bocciatura

Che cosa comporta questa bocciatura? Probabilmente nulla presso gli acquirenti privati, che non si aspettano da Tesla una qualità all’altezza delle auto tedesche e giapponesi. Guardano ad altri aspetti: le prestazioni, l’autonomia, il fatto di comprare auto del marchio più alla moda del momento. Già in passato la marca di Fremont ha incassato bocciature sulla qualità, ma le vendite a privati hanno continuato ad aumentare. Le aziende, invece, sono molto attente a indagini come questa e alla qualità dei beni che acquistano. E questo potrebbe essere un bel problema.

troppi difetti
Il caso della vernice che si corrode col freddo ha portato all’avvio di una class action, in Canada.

Siti influenti come The Verge (qui l’articolo) alimentano il sospetto che Musk punti più sulla quantità che sulla qualità. Spesso forzando i tempi di produzione con il rischio che qualche difettuccio ci scappi. Tipo: portiere che non combaciano perfettamente; rivestimenti interni un po’ tirati via; vernice che si corrode con il freddo intenso…Troppi difetti, insomma.

Non è da questi particolari che si giudica…

troppi difetti
Un’auto dell’assistenza Tesla: in altre indagini la marca california na è stata criticata per i tempi di intervento

Il fatto che Tesla snobbi questo tipo di studi significa una cosa sola. Musk si rifiuta di far giudicare le sue auto con i parametri tradizionali della qualità dei dettagli, le cosiddette finiture. Lui non è un “car guy”, un tecnico dell’automotive cresciuto con il mantra della perfezione. Si comporta come un boss della Silicon Valley, che si rifiuta di condividere i suoi dati con chicchessia, fosse anche una società stimata come JD Powers. E tira diritto per la sua strada, cercando poi di migliorare le auto grazie…alle lamentele dei clienti. Una specie di work in progress, confermato da un’altra indagine-qualità, svolta tra quasi 5 mila proprietari di Model 3 dall’agenzia finanziaria Bloomberg(qui l’articolo). Riscontrando un netto miglioramento sull’affidabilità della più piccola delle Tesla, con un crollo delle lamentela rispetto ai primi esemplari prodotti dal 2017.

— Leggi anche: Quanto è affidabile una Tesla? Ecco una classifica

 

 

 

 

15 COMMENTI

  1. Una domanda però me la faccio, non sarà che i proprietari degli ultimi 4-5 marchi siano molto più esigenti dei primi 4-5 e stanno a guardare il pelo nell’uovo? Non conoscendo il metodo con cui è stata effettuata l’indagine tutto più essere, inoltre non vi è un’altra agenzia che ha fatto la stessa ricerca e quindi si possa dire che quella classifica sia la verità assoluta.

  2. Premetto che sostengo Tesla.
    “Che cosa comporta questa bocciatura? Probabilmente nulla presso gli acquirenti privati, che non si aspettano da Tesla una qualità all’altezza delle auto tedesche e giapponesi. ”
    In seguito a JD Power si può tranquillamente affermare che Tesla deve solo imparare ad essere all’altezza delle auto:
    1) italo-americane di Dodge, Ram, Jeep,
    2) americane come Chevrolet, Buick, GMC, Cadillac,
    3) coreane come Kia, Genesis, Hyundai
    e assolutamente evitare di essere come le tedesche Audi, Porsche, Mercdes, Bmw, inglesi (!) Jaguar e Land Rover, cinesi come Volvo e giapponesi come Subaru, Mazda, Toyota, Honda, Infiniti, Acura.
    La classifica è la caduta di parecchi miti grazie al lavoro di persone come Marchionne che hanno fatto della qualità un punto di onore che FCA ha decisamente recepito con i marchi americani, ma la stessa GM e Ford hanno recepito. Quando il marchio Ford ha una qualità superiore di tutti i marchi blasonati tedeschi viene da chiedersi cosa sia successo.
    Ritengo che la colpa sia da attribuire a ben precise scelte industriali. I tedeschi producono i loro veicoli con tantissime componenti di origine cinese, di qualità pessima e si vede nei numeri. Esemplare il caso Volvo. Dicasi lo stesso di Tesla, criticata da Navarro per la scelta di importare parti dalla Cina quando era possibile ed auspicabile produrli nel mid-west allo stesso costo.
    Tesla è ultima anche per i noti problemi a produrre in un luogo, Fremont, California, decisamente inadatto a questa realtà industriale, con personale poco preparato e litigioso che ha creato non pochi problemi a livello di fabbrica.
    Tesla migliorerà di sicuro. La classifica ha suonato un allarme anche ai tedeschi ed ai giapponesi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome