Home Bici Treni gratis per monopattini e monoruota elettrici

Treni gratis per monopattini e monoruota elettrici

0
CONDIVIDI

L’obbligo al distanziamento anche sui treni ha liberato tanto spazio sui vagoni. E Trenitalia ha avuto la buona idea di approfittarne. Da oggi, infatti, Monopattini, hoverboard e monowheel viaggeranno gratis su tutti i treni regionali di Trenitalia. La gratuità si aggiunge a quella già prevista per le bici pieghevoli.

Si tratta, spiega una nota della società, di un incentivo a favore di «scelte virtuose sul piano della sostenibilità e su quello della micro-mobilità alternativa in tempi di Covid19». L’iniziativa è «in sintonia con alcune misure previste dal Governo – nel Decreto Rilancio – tese proprio a promuovere l’acquisto e l’uso di biciclette, monopattini e altri veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica».

“Favoriamo la mobilità urbana in Fase 2”

Insomma, una piccola buona notizia per chi intende raggiungere le aree metropolitane in treno per poi muoversi autonomamente in città, rispettando l’ambiente. Per Trenitalia «l’efficace integrazione tra mezzi di trasporto a bassissimo impatto ambientale è, infatti, uno dei tanti elementi che concorrono a uno sviluppo sostenibile». Obiettivo che «conserva la sua rilevanza, nelle strategie del Gruppo FS, anche nel mutato scenario generato dalla pandemia da Coronavirus» conclude la nota.

 

I progetti di FS per la mobilità integrata

Il Gruppo FS sta ragionando da tempo sull’integrazione dei treni con sistemi di mobilità urbana. In molte realtà, per esempio, ha siglato accordi con le aziende di trasporto locale per integrare i titoli di viaggio in un unico documento. Da tempo, poi, si parla di un possibile impegno diretto della società in iniziative di car sharing e scooter sharing elettrici, basati in prossimità delle stazioni.

Tanta energia dalla frenata rigenerativa dei treni?

La ragione è molto semplice e va oltre l’offerta di un servizio certamente gradito agli utenti. Trenitalia è un grossissimo consumatore di energia elettrica, ma anche, potenzialmente, un grande produttore. Basterebbe Infatti che riuscisse a recuperare e riutilizzare, sotto forma di elettricità, l’energia cinetica rilasciata dai teni in decelerazione _ con una sorta di frenata rigenerativa _  e oggi dissipata.

Disporrebbe così di tutta l’elettricità necessaria ad alimentare una flotta di auto elettriche. Uno studio in proposito è attualmente in corso con il progetto europeo MYRails. Prevede che l’energia prodotta dai treni ad Alta velocità in frenata sia recuperata e stoccata in accumuli a terra, o in alternativa retrocessa alla rete con un risparmio energetico complessivo pari a circa il 20% e minori emissioni di CO2 per 2 milioni di tonnellate all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.