Home Nautica Nautica flash: Torqeedo all’idrogeno, DeepSeaker con Sealence, Venice Racing Team

Nautica flash: Torqeedo all’idrogeno, DeepSeaker con Sealence, Venice Racing Team

0
CONDIVIDI
Venice Racing Team nautica elettrica
Il prototipo di Venice Racing Team

Torqeedo sposa l’idrogeno grazie ad un accordo con Proton Motor Fuel Cell GmbH. Sealence fornirà il powertrain all’aliscafo/sommergibile DeepSeaker DS1. L’ultima notizia con il mondiale E1 e l’annuncio del primo team: Venice Racing Team. 

Torqeedo con batteria e idrogeno

torqeedo
Il progetto di kit ibrido con elettrico e idrogeno studiato da Proton e Torqeedo

Il marchio tedesco punta sullo sviluppo dell’alimentazione a idrogeno. Questo il senso dell’accordo con Proton Motor Fuel Cell GmbH per integrare le celle a combustibile nei sistemi di propulsione elettrici. Avevamo scritto della sperimentazione (leggi qui) e ora le due società, entrambe con sede in Baviera, rafforzano l’impegno per lavorare su un kit ibrido idrogeno-elettrico sul Deep Blue di Torqeedo.

torqeedo
Il Deep Blue di Torqeedo che sarà integrato in un kit elettrico idrogeno

Jochen Czabke, vicepresidente senior sviluppo prodotti e servizio globale per Torqeedo GmbH, spiega i benefici attesi da Ma-Hy-Hy (Marine-Hydrogen-Hybrid): “Deep Blue Hybrid elettrico a idrogeno consentirà un rifornimento rapido, supererà i limiti di velocità e autonomia e soddisferà i requisiti di emissioni“.

Si punta all’idrogeno per potenze da 50 a 200 kW e una potenza di celle a combustibile da 30 a 120 kW. Uno dei problemi principali dell’idrogeno è lo stoccaggio. “Sarà un sistema flessibile“.

Un’altra conferma: jet DeepSpeed su DeepSeaker DS1

DEEPSEAKER RENDER
DeepSeaker, l’aliscafo sottomarino che utilizzerà il powertain di Sealence

Lo avevamo già scritto tempo fa (leggi qui), poi c’è stata la pandemia. Ma si conferma il progetto dell’aliscafo/sommergibile DeepSeaker DS1 della startup iSpace2o che annuncia l’avvio della produzione, con il powertrain DeepSpeed della Sealence di William Gobbo, grazie ad un finanziamento Invitalia. L’aliscafo vede il contributo dello studio Giancarlo Zema Design Group che curerà le linee stilistiche e Blaze Performance, team di Formula 1 H2O che curerà la realizzazione dello scafo e la messa a punto del sistema.

DEEPSEAKER tender
Il rendering di Deepseaker

DeepSeaker, secondo l’annuncio dell’azienda, può superare i 30 nodi e immergersi per l’osservazione dei fondali marini. Come classificarlo? Vediamo le parole dell’ingegner Giuseppe Carusi, Ceo di iSpace2o: “Appartiene alla gamma dei toys di bordo dei grandi yacht, ma in realtà nasconde nel suo animo un più ampio panorama di mercato che è quello delle gite turistiche sottomarine nei santuari archeologici sotto costa“. Un prodotto sia per ricchi sia per resort, hotel, operatori turistici che possono utilizzarlo per mini crociere anche sottomarine.

C’è attenzione sul mercato? Sempre Carusi: “I primi 10 esemplari sono già stati opzionati da uno dei più grandi gruppi di navigazione internazionali, che li utilizzerà come mezzo di intrattenimento per i passeggeri delle proprie navi da crociera“.

Motonautica: veneziano il primo team del primo campionato mondiale elettrico

Abbiamo scritto recentemente del prototipo RaceBird (leggi qui) e già si è formato il primo team che parteciperà al campionato mondiale E1 nel 2023. Arriva da Venezia e prende il nome di Venice Racing Team.

YouTube player

 

La sfida di un imprenditore che conosciamo bene per il suo impegno nell’elettrificazione del settore nautico con E-Concept: Francesco Pannoli. E’ il regista dell’ operazione insieme a Claudio Iannelli (anche lui di e-concept) consulente per l’apparato energetico.

YouTube player

Saranno affiancati da Luigi Radice, campione del mondo di offshore ed esperto di competizioni, Eugenio Razelli, specialista nel settore motorsport. Infine François Richard di Laneva Boats per supervisionarne l’aspetto economico, Nicolò Muraro di Meneghini & Associati si occuperà della comunicazione. I piloti saranno annunciati nelle prossime settimane.

Si attendono 12 team per il mondiale

Rodi Basso, co-fondatore e Ceo di E1: “Sono orgoglioso di annunciare il team italiano come prima new entry, pronto a competere nel nostro primo campionato mondiale di barche elettriche. In questo momento siamo in trattativa con una dozzina di altri potenziali team provenienti da diversi settori dello sport, dalla motonautica classica alla vela, fino al mondo automobilistico“.

Francesco Pannoli, direttore di squadra di Venice Racing Team: “Quando si parla di mobilità sostenibile, anche in acqua, dobbiamo essere consapevoli che stiamo vivendo un importante momento di transizione per Venezia, il Veneto, l’Italia e il mondo intero”. Eugenio Razelli, Ceo e presidente di Venice Racing Team, ha concluso: “Questo progetto permette di selezionare le nuove tecnologie green che saranno la chiave per il futuro del pianeta, potendo essere sfruttate, con diverse applicazioni, da svariate industrie”. Il Motorsport per sperimentare nuove soluzioni tecnologiche.

Immancabile il commento del sindaco Brugnaro

Brugnaro Venezia
Il tweet del sindaco Brugnaro che promette incentivi, dove sono?

Immancabile il commento del sindaco Luigi Brugnaro da cui aspettiamo ancora notizie sugli incentivi per la conversione dei motori e informazioni più precise sull’aggiornamento dei vaporetti. Si tratta di capire perchè i 150 milioni del Gruppo AVM siano destinati solo a mezzi diesel-elettrici e non si preveda, da qual poco che comunicano dal Gruppo AVM, almeno una sperimentazione elettrica come si sta facendo in altre parti del mondo (leggi qui). Domande in attesa di risposta.

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome