Home Scenari Tesla, vince Musk: il superbonus da 50 miliardi di $ è suo

Tesla, vince Musk: il superbonus da 50 miliardi di $ è suo

11
musk transizione
Charxcontrol

Vince Musk: i soci di Tesla hanno approvato il superbonus da oltre 50 miliardi di dollari da assegnare al n.1. Ma c’è ancora un ricorso in tribunale pendente…

 

vince Musk
Le principali proposte approvate dagli azionisti di Tesla.

Vince Musk, che sposta la sede in Texas, dove la legge è più favorevole ai manager

Elon Musk ha portato a casa il risultato: per la seconda volta i soci di Tesla (con una maggioranza del 77%) hanno votato il superbonus da oltre 50 miliardi di dollari a suo favore. Anche se non è detto che riesca ad incassarlo: dipenderà ancora dal tribunale del Deleware, che lo aveva bloccato cinque anni fa su ricorso di un piccolo azionista

Nella stessa assemblea, i soci hanno dato il via libera al trasferimento del quartier generale di Tesla in Texas, dove la legislazione è molto più favorevole alle politiche dei manager. Per il controverso imprenditore sudafricano si tratta di una vittoria di tappa, per quanto significativa. Il primo voto in assemblea è del 2018, con l’assegnazione di un pacchetto di azioni dal valore di Borsa per 56 miliardi di dollari, oggi sceso a 50 miliardi dopo il calo delle azioni a Wall Street. Premio ottenuto per aver raggiunto una serie di risultati record in un periodo di dieci anni.

Il superbonus è contestato potrebbe spostare risorse da Tesla a SpaceX, Starlink e all’intelligenza artificiale

Una decisione a lungo contestata da una parte degli investitori, anche da grandi fondi internazionali. La motivazione? Sottrae risorse allo sviluppo dell’auto elettrica per destinarle alle altre “avventure” industriali di Musk, da  SpaceX a Starlink. Forte di queste considerazioni un piccolo azionista, nel gennaio scorso, ha ottenuto dal tribunale del Deleware di congelare il superbonus di Musk. Lo stesso tribunale che ora dovrà valutare se la nuova votazione può essere considerato come un inequivocabile prova della volontà degli azionisti.

Non solo: la decisione era stata contestata perché Musk in qualità di membro del consiglio di amministrazione avrebbe avuto troppo influenza nel prendere la decisione del superbonus a suo favore.Al momento, Tesla non ha ancora comunicato nel dettaglio l’esito del voto e la percentuale di voti favorevoli.

Nel 2018, una maggioranza del 73% dei cosi aveva votato a favore della concessione del pacchetto azionario a Musk. Di fatto con una quota superiore, anche se di poco, la sua posizione in tribunale dovrebbe uscirne rafforzata.

– Iscriviti  alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube 

Apri commenti

11 COMMENTI

  1. Non voglio commentare la notizia di cui non mi frega nulla, ma dire che mi rammenta una straordinaria canzone degli Squallor intitolata “USA for Italy” che dovrebbe entrare nel patrimonio immateriale dell’umanità e che faceva:
    “Però Però mandaci i danari
    Che vanno male gli affari…… for Italyyyyy”

  2. una storiella che illustra Musk e la sua lotta contro il capitale

    una qualsiasi solita azienda che ha una ideona che però è potenzialmente dannosa per il capitale, quindi il capitale come al solito si precipiita dai genietti di turno gli compra l’azienda che poi come sempre successo ogni singola volta disintegra e chiude … solita prassi consuetudine che si ripete migliaia di volte ogni anno ovunque il capitale possa agire …. Musk cerca e assume i genietti estromessi ed inabilitati a beneficiare l’Umanità

    https://electrek.co/2024/06/13/tesla-jumps-talent-koch-company-making-direct-drive-robots/

    • Ti sei fatto un film, tu (e pure Electrek). Succede che una startup abbia una idea valida ma non ha i capitali per portarla avanti e succede che chiude. Come può succedere che venga acquisita da una società più grande o che invece la società più grande ne acquisti i talenti, sia quando la startup è in vita sia dopo che ha chiuso i battenti. Un po’ come chi acquista case e auto all’asta o, perdona la battuta politicamente scorrettissima, si prende le mogli altrui (l’ho detto per ridere, eh!).

      Quando un’azienda raggiunge certe dimensioni e ha una buona visibilità tende a ricevere molti cv da tutto il mondo. Ci sta che leggendo gli stessi quelli delle HR vengano a conoscenza di realtà, contesti e opportunità di cui magari ignoravano l’esistenza, cosa che non succede alla Antica Trattoria Da Fabrizio. Anche Google, Intel e Apple fanno lo stesso.

      • Succede che una startup abbia una idea valida ma non ha i capitali per portarla avanti e succede che chiude.
        ——–

        scusi, forse non ho capito bene , sicuramente voleva fare dello spirito …. non hanno i soldi per portarla avanti la famiglia Koch che l’aveva acquistata ? sicuramente la sua era una battuta spiritosa

        🙂

      • ah, ma forse intendeva che Elon non sa scegliere i propri collaboratori, è per questo che ha assunto quei 18 incapaci mandati a spasso dai fratelloni Koch

        🙂

    • L’uomo più ricco al mondo è in lotta col “capitale”, quindi con se stesso? Nemmeno fosse Carl Marx, bellissima. Attento che quando sarà multiplanetario avrà da combattere anche i poteri forti marziani e venusiani.
      Continua così, prendiamo i popcorn.

      • l’uomo più ricco del mondo nullatenente senza una casa che dorme nelle aziende su brandine da campeggio, vuole tenere tutti i suoi miliardi perché gli serviranno tantissimo su Marte, quanto costa un appezzamento di terreno di Marte ? quanto vuole l’agenzia marziana ? con 100 miliardi di dollari quanta terra marziana compri ? e da chi la compri ?

        continua così, anzi no, già mi scoppia la pancia dalle risate

      • aggiungo per il mio omonimo che non ha capito una mazza di Musk

        https://twitter.com/elonmusk/status/1801491357866803422

        non crederà che il libertario Musk non sappia benissimo dove sta conducendo l’intero pianeta, se non lo capisce neanche vedendo questo suo tweet glielo spiego io, esattamente verso il sogno di Karl (con la K) Marx, verso la mai esistita società comunista con denaro e proprietà privata aboliti

        🙂

  3. questa immensità di uomo per me è anche esilarante, un capitalista libertario estremo indefessamente dedito alla distruzione totale del capitalismo , esilarante quando parla dei prezzi di qualsiasi prodotto una volta sommerso il pianeta di robot, tutto poco più di gratis
    da anni il capitale tenta di affossarlo in ogni modo, tesla è l’azienda più shortata della storia ma lui resiste e prospera, il capitale allora acquista azioni per tentare di defenestrarlo con qualsiasi scusa (ieri anche la salute umana per i danni dai campi magnetici, mai sentito una sola sillaba in un meeting di una casa legacy per i danni delle fossili) e lui resiste e prospera perché anche i suoi piccoli azionisti sono come lui ed i suoi dipendenti, gente in missione per il benessere e la multiplanetarietà dell’Umanità, è un pifferaio straordinario in grado di convincere tutti , sottoscritto compreso , nessun dipendente al mondo lavora con la stessa dedizione di un dipendente di Musk
    il suo obolo (sono stock option quindi zero tasse finché non le liquida) lo ha preso anche stavolta e tutto il popolo tesla festeggia
    anche ieri ha ricordato la possibilità per ogni singolo cliente tesla di partecipare ai servizi di mobilità (lui è un genio assoluto asperger, quindi non riesce a pensare possibile che quasi nessuno dei suoi clienti vuole parteciparvi, a differenza della maggioranza dei suoi azionisti e dipendenti nessuno dei suoi clienti lo ha capito
    ieri ha ribadito i suoi obiettivi (ride hailing, optimus testato in migliaia di pezzi nelle sue aziende il prossimo anno e poi in vendita dal 2026, 3 nuovi veicoli in fase di definizione, il semi in produzione, eccetera) e promesso che si sforzerà di restare vivo non volendo emulare John Lennon (ha detto di aver schivato già due tentativi negli ultimi sette mesi)
    anche ieri all’una di notte sono andato a nanna divertito e felice, come sempre mi è capitato ad ogni incontro pubblico di Elon

Rispondi