Home Auto Il Tesla Semi è vivo e lotta…

Il Tesla Semi è vivo e lotta…

0
CONDIVIDI
Il Tesla Semi è un Classe 8 a cabina avanzata

Il progetto del camion Tesla, il Semi, va avanti. Incurante delle voci maliziose su una presunta fragilità finanziaria, la Casa continua imperterrita nei suoi progetti. 

Musk aggiorna sul progetto via Twitter

Anche le prestazioni annunciate dal patron Elon Musk per i modelli in gestazione continuano a fare il pieno di scetticismo tra gli addetti ai lavori. E c’è chi ha insinuato che le novità già annunciate, come appunto il Semi e il Roadster , la supercar da 400 all’ora di velocità di punta, siano solo degli espedienti per sviare l’attenzione dai veri problemi della Casa di Fremont. Sarà. Ma il fatto è che  sulle strade californiane continuano ad essere filmati i prototipi (guarda il video sotto) di questi modelli in piena attività di collaudo. Mentre lo stesso Musk continua ad aggiornare via Twitter sugli sviluppi dei vari progetti. E sulle modifiche che vengono via via apportate, anche previo suggerimento di qualcuno tra i milioni di follower. Qui sotto abbiamo riprodotto un video artigianale postato su Youyube con le immagini della motrice del Semi, un camion rivoluzionario già nelle linee, con un coefficiente aerodinamico di 0.36, che non ha precedenti nel mondo del trasporto pesante. E batte anche…diverse automobili.

Il Semi avrà quattro motori

Ricordiamo che il Semi sarà equipaggiato da quattro motori elettrici independenti posti sugli assi posteriori, con una coppia tale da permettere l’accelerazione da 0 a 100 all’ora in 20 secondi a pieno carico. Attenzione, però: a vuoto i secondi che occorrono per questo scatto si riducono a 5, che è una prestazione da ottima auto sportiva. La velocità di punta dovrebbe essere invece di 105 km all’ora. Musk, durante la presentazione di novembre, ha parlato di due diversi pacchi-batterie, con una configurazione da quasi 500 km di autonomia e una addirittura da 800. Empiricamente alcuni tecnici hanno calcolato che tutto questo richiederebbe un pacco-batterie con una capacità complessiva da..mille kWh. E c’è chi parla già di fantascienza, di traguardi irraggiungibili. Ma non la pensano così le tante grandi imprese che hanno già ordinato il Semi, da tutto il mondo, Italia compresa. Il partito dei gufi aspetta Musk al varco, ma il fondatore della Tesla sembra avere ancora parecchio filo da tessere.