Home Auto Tesla Robotaxi, Ford, Canoo: settimana flash

Tesla Robotaxi, Ford, Canoo: settimana flash

14
Un rendering del Robotaxi Tesla: la presentazione ufficiale è fissata per l'8 agosto.

Tesla Robotaxi, a guida solo autonoma, in arrivo – Ford rallenta sull’elettrico e vira sull’ibrido – L’incredibile storia del n.1 di Canoo / Settimana in 3 flash.

Tesla robotaxiTesla Robotaxi in arrivo, senza voltante e pedali: reveal l’8 agosto

Tesla robotaxi
Elon Musk e, in alto, il tweet con cui annuncia l’arrivo del robotaxi Tesla: presentazione l’8 agosto.

Ancora una volta Elon Musk ha spiazzato tutti: ci si aspettava un annuncio su una prossima presentazione della piccola Tesla, la Model 2 da 30 mila euro. E invece il boss di Tesla ha annunciato  su Twitter che l’8 agosto presenterà il Robotaxi, un veicolo per la guida autonoma privo di pedali e volante.

Non si tratta di un adattamento dei modelli attualmente in circolazione, ma di un veicolo completamente nuovo, di cui era circolato anche un bozzetto (foto in alto). Musk è un sostenitore della guida autonoma ed è convinto che il numero degli incidenti si ridurrebbe drasticamente sottraendo agli esseri umani il controllo dei veicoli.

Già nel 2016 aveva assicurato che tutte le Tesla erano progettate in modo da poter diventare auto a guida completamente autonoma grazie a un aggiornamento software. Progetto poi rallentato a seguito di alcuni gravi incidenti in cui l’azienda era stata messa sotto accusa.

Tesla robotaxi
Jim Farley, n.1 Ford: rallenta sull’elettrico, accelera sull’ibrido.

Tesla Robotaxi e… Ford vira sull’ibrido

La Ford rallenta sull’elettrico. Dopo le perdite record della divisione EV nel 2023, la Casa americana annuncia che ritarderà la produzione di un nuovo Suv a batterie. Per concentrarsi su una gamma di veicoli ibridi da lanciare in Nord America entro il 2030.

La produzione del Suv a tre file, programmata in una fabbrica canadese, slitta dal 2025 al 2027. Per quell’epoca la Ford ritiene che il mercato dell’elettrico sarà più maturo, grazie  ai progressi nella tecnologia delle batterie, che consentiranno di offrire prodotti di maggior durata e valore. “Siamo stati il marchio di veicoli elettrici n. 2 negli Stati Uniti negli ultimi due anni, ci impegniamo a espandere questo business rendendolo redditizio. Utilizzando saggiamente gli investimenti e portando sul mercato i giusti veicoli a benzina, ibridi e solo elettrici al momento giusto“, ha spiegato il CEO Jim Farley.

I nostri veicoli EV di prossima generazione saranno rivoluzionari, con esperienze digitali in costante miglioramento e una moltitudine di potenziali servizi“.

Tra i primi a ordinare il monovolume della Canoo c’è la Nasa.

Piccoli Musk crescono (male): le spese pazze del n.1 di Canoo

Ci sono molti emuli di Elon Musk nel mondo dell’elettrico, ma tra questi qualcuno esagera nel pensare di conquistare il pianeta, senza disporre di senso della misura. Uno è sicuramente Tony Aquila, n.1 (e azionista col 14%) della società americana Canoo, che produce una monovolume a batterie. Nel 2023 i viaggi di Aquila, tra voli privati e aerei di linea in prima classe, sono costati a Canoo 1,7 milioni di dollari.

Il fatto è che nello stesso anni i ricavi complessivi dell’azienda sono stati di 886 mila dollari, meno della metà, mentre le perdite assommano a 302 milioni di dollari.

Canoo è un’azienda che continua a investire in una gamma di prodotti senza essere ancora riuscita a venderne in numeri significativi. Ma il suo CEO si comporta come se fosse alla guida di Tesla. Cosa che, essendo il titolo quotato in Borsa, ha indotto un investitore, Scooter Doll, a incaricare un noto studio legale di citare in giudizio mr. Aquila per le sue spese pazze.

– Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico-

Phoenix
Vesper
Apri commenti

14 COMMENTI

  1. Io penso e spero che sia questo il futuro. L’auto il 90% del tempo la teniamo ferma, in quei momenti che non la usiamo potrebbe farlo qualcun’altro. Finalmente non avremo più le strade e le piazze invase da auto parcheggiate. Le auto a guida autonoma dovrebbero essere lasciate disponibili solo ad alcune categorie: polizia, ambulanze e pompieri. Devi andare da qualche parte? Prenoti il taxi via app che ti viene a prendere dove stai e ti porta a destinazione.

  2. la cosa stupefacente per me è come la gente (compreso i tenutari di questo sito che sicuramente evitano di trattare l’argomento perché temono una evaporazione di utenti ) non voglia sentir parlare della fine inevitabile dell’auto di proprietà in favore dell’auto autonoma elettrica condivisa

    dalla ‘patent motorwagen’ benz ad oggi la popolazione mondiale è quintuplicata nonostante in ogni singolo anno gli umani da qualche parte nel mondo si siano massacrati per i più vari insulsi motivi, nonostante pandemie e le due guerre mondiali più cruenti della storia

    ora senza aggiungere due ruote, camion eccetera l’occidente viaggia a due quattroruote ogni 3 crani, minorenni inevitabilmente non patentati e inabili vari compresi, quindi circa una auto a cranio abilitato, non penserete sia possibile continuare così, immaginarsi quintuplicare nel prossimo secolo … dove pensate potreste parcheggiare ?
    in ogni caso dal 8-8 la situazione cambia definitivamente, per lasciarvi continuare a girare il volante e premere freno ed acceleratore ci vogliono governi che accettino morti feriti e danni vari sulle strade evitabili facilmente autorizzando alla circolazione solo auto autonome

    senza contare i paletti alla guida umana (parecchi già introdotti dal prossimo luglio ) ed i costi del privilegio ‘auto di proprietà’ destinati al decollo

    difficile trovare governi simili

    • Ma davvero Lei pensa che “i tenutari di questo sito sicuramente evitano di trattare l’argomento perché temono una evaporazione di utenti”?

    • Vabeh che dire inizia a vendere l’auto e prenotarti il tuo robotaxi io intanto sto andando a farmi un godurioso passo di montagna con la mia mx5

      • già venduta 🙂

        in ogni caso visti i tempi correnti e l’evoluzione in atto più che discutere delle qualità di questa o quella vettura forse sarebbe anche ora di chiedersi se è il caso di comprarla un’altra vettura e se proprio si vuole fare questo acquisto quale o che tipo di vettura sia ancora il caso di comprare, poi se la compro per condividerla o meno
        Elon parlava di 18 centesimi di dollaro a miglio cioè 10 centesimi di euro a km senza bolli assicurazioni danni acquisto manutanzioni parcheggi eccetera eccetera

  3. 8/8 assomiglia così tanto ma proprio tanto alla viscida simbologia neonazista;
    tant’è che persino il nostro attuale Ministro dell’Interno Piantedosi (d’accordo con la Lega Calcio) ne ha vietato la numerazione delle maglie a tutti i calciatori.

    • il numero “equivoco” sarebbe senza trattino in mezzo

      comunque si, potrebbero aver fatto una cattiva scelta

      magari a chi l’ha pensata piaceva la simmetria del 8/8 e il simbolo dell’infinito (per l’auto che si guida da sola), e non si è accorto che con questa scelta rischiava di mettere il piede su una m@@@a..

      ad esempio io non seguo il calcio e non lo sapevo

      • mi sa che era un giochino di numeri per ridere, ci sono arrivato un po’ in ritardo:

        08-08-2024 = 08-08-08 (sommando le cifre)

    • Aboliamo il cinco de maio o il 4/4 perchè 5/5 e 4/4 scritto in un certo modo richiama le pessime SS… vedasi le ultime maglie della nazionale tedesca dove adidas (che di nome faceva adolf) ha vietato la personalizzazione con il 44.

      • -Aboliamo il cinco de maio-

        Guardi in tutta onestà, anche se ormai è passato parecchio tempo, Il 5 maggio è un giorno che ricordo ancora con un filino di sadica soddisfazione.
        Anche se, sicuramente, non per gli stessi motivi che pensa lei. 🤭😇

        • Se sono ricordi calcistici di sadica soddisfazione, come temo, si rischia la radiazione da questo sito…

          • Dai dai, tutto quello che non uccide ingrassa. 😆
            Pensi che oggi mi si è aperta la catena del Suzuki 1000 in autostrada.
            Mi ha tranciato il codone di netto e per l’ennesima volta sono quei miracolato che posso raccontarla.

Rispondi