Home Auto Tesla rilancia con il supercamion

Tesla rilancia con il supercamion

0
CONDIVIDI

Niente da dire: Elon Musk è un fenomeno della comunicazione. L’immagine della sua Tesla è in difficoltà per le maxi-perdite di bilancio e per i problemi nell’avvio di produzione del nuovo Model 3? Il boss rilancia per far sì che si parli d’altro: il focus dei media adesso è tutto rivolto sull’imminente presentazione del nuovo truck della Casa di Fremont, di cui si intravvedono le linee in un rendering che accompagna l’invito al reveal previsto per giovedì 16 novembre a Hawthorne, in California. Inizialmente l’evento era previsto per metà ottobre, ma era stato lo stesso Musk a cancellare tutto, spiegando che i suoi team dovevano concentrarsi su due priorità assolute: la rimozione dei ‘colli di bottiglia’ che rallentano la salita produttiva del Model 3 e l’aiuto da dare a Portorico  nel ricostruire un sistema di batterie con cui ridare energia alle zone colpite dall’uragano di due mesi fa. Il progetto del camion, finora sempre denominato Semi (ora nome non più così sicuro), sembrava rinviato a data da destinarsi, quando all’improvviso è arrivata l’accelerazione della Tesla, che a sorpresa ha fatto recapitare alle redazioni dei media americani l’invito con un’immagine abilmente costruita in modo da richiamare i film di fantascienza. Come dire: tutt’altra storia rispetto a quel che esiste sul mercato. Lo stesso Musk ha tenuto a precisare che le specifiche tecniche nulla hanno a che vedere con quello che è stato anticipato sulla stampa specializzata, lasciando intendere che si tratterà di un veicolo assolutamente fuori scala rispetto ai mezzi pesanti a cui siamo abituati. <Abbiamo dimostrato a un certo numero di persone del settore di che cosa è capace il nostro mezzo>, ha detto di recente il patron, sempre spavaldo, <sono rimasti tutti molto sorpresi e vogliono sapere solo quanti ne possono acquistare>.

Nulla non si sa anche sulla data in cui avverrà il lancio sul mercato, anche se dopo le difficoltà incontrate con il Model 3, la prima auto di massa della Tesla, c’è da aspettarsi una certa cautela: si parla di due anni da oggi e quindi di fine 2019, ma il 16 se ne saprà sicuramente di più. Nel frattempo la concorrenza non sta a guardare: nelle settimane scorse il gruppo tedesco Daimler-Mercedes al Salone di Tokio ha svelato il prototipo di un truck elettrico con un’autonomia di quasi 400 km, l’E-Fuso Vision One (vedi le due immagini qui sopra), progettato dalla sua divisione Mitsubishi Fuso Truck, dopo che la Volkswagen a sua volta aveva annunciato un maxi investimento di un miliardo e mezzo di euro per lanciare sul mercato un camion e un bus elettrico. Il prototipo di un camion elettrico è stato svelato anche da Cummins, per non parlare dei costruttori cinesi, che stanno investendo cifre enormi anche sul trasporto pesante a emissioni zero sulla spinta del governo di Pechino, alle prese con i noti problemi di inquinamento un po’ in tutte le grandi aree urbane del Paese.