Home Auto Tesla cresce in Italia: nuovi Center a Torino e Firenze

Tesla cresce in Italia: nuovi Center a Torino e Firenze

0
CONDIVIDI

Tesla cresce in Italia e annuncia l’apertura di due nuovi Center, a Torino e Firenze. Aperti anche due pop-up store temporanei di Bergamo e Napoli.  

tesla cresceTesla cresce: coperte 12 città, tra sedi fisse e store temporanei

Con queste nuove aperture, l’Italia conta ora sei Service Center Tesla: Milano-Linate, Torino, Padova, Bologna, Firenze e Roma. Oltre allo store in Piazza Gae Aulenti, a Milano e alle altre location temporanee di Bolzano, Brescia, Bergamo, Napoli e Catania.  La location torinese, in Strada Settimo, è stata aperta al pubblico il 2 ottobre ed è costituita da uno showroom, un Delivery Center e un Service Center. L’apertura del Center di Firenze, in Via Ferrarin, seguirà nei prossimi giorni. Una rete fisica più capillare è ormai una scelta indispensabile, specie con l’arrivo di un secondo modello in grado di registrare importanti cifre di vendita come il Model Y.  La strategia di Tesla è sempre la stessa: apre location temporanee per saggiare le potenzialità della piazza. Se i risultati sono buoni, passa poi alla fase due con l’apertura di un Service Center permanente, piuttosto simile a un normale concessionario di auto. Ma con una differenza sostanziale: qui non ci sono dealer-imprenditori, tutto fa capo a Tesla Italia.

Tesla cresceAssistenza: si punta su diagnosi da remoto e Mobile Service

L’azienda di Elon Musk continua comunque a puntare su una struttura molto snella  anche per l’assistenza, con un duplice approccio. Oltre a rivolgersi ai Service Center fisici, c’è la possibilità di contattare il servizio di Mobile Service. Si prende appuntamento con la appmobile, ma la prima indagine del team di assistenza virtuale avviene loggandosi da remoto. “Fino al 90% dei problemi può essere diagnosticato via etere. E, in alcuni casi, possiamo inviare un nuovo firmware al veicolo di un cliente per risolvere eventuali problematiche“, assicura Tesla. Se l’assistenza da remoto non è sufficiente, la diagnostica a distanza consente comunque di condurre un’indagine preliminare. Determinando se l’appuntamento necessario è appropriato per il Mobile Service. “I tecnici dell’assistenza mobile possono risolvere fino all’80% delle problematiche visitando il cliente…eliminando la necessità di portare l’auto al Service“. Al momento in Italia team di assistenza “gestisce quasi 10 unità di Mobile Service“.

————————————————————————————————–

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al canale YouTube

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome