Home Auto Tazzari ha messo la spina al mitico Buggy: eccolo in strada

Tazzari ha messo la spina al mitico Buggy: eccolo in strada

18
CONDIVIDI

Via alle prime consegne del Tazzari Zero 4 Buggy, rivisitazione riveduta e corretta (alla spina) del mitico dune buggy degli anni ‘60. Ecco in anteprima il video che il costruttore imolese ha realizzato in occasione del lancio.  La piccola vettura elettrica è pensata per le escursioni delle vacanze. In campagna o al mare dove ampi spazi aperti consentono di scorazzare in libertà, fuori dai percorsi asfaltati.

tazzari buggy

I principali destinatari di Tazzari Zero 4 Buggy saranno i noleggiatori delle località di villeggiature, i campeggi, i villaggi vacanza, i complessi alberghieri. E’ omologato come quadriciclo pesamte (Le7) e può essere guidato a 16 anni con patente B1 e a 18 con patente B. Il motore ha una potenza di 15 kW (25 di picco) e consente di raggiungere i 90 km/h. Dispone di tre diverse midalità di guida Eco, Drive e Sport.

E’ alimentato da una batteria Standard da 8 kWh che consente, in modalità Eco, di raggiungere un’autonomia fino a 103 km, con la prima a garantire fino a 103 km di autonomia. Con l’accumulatore Big da 14,2 kWh il range aumenta a 180 km, sempre viaggiano in Eco. Le batterie sono in Litio-Ferro-Fosfato (LFP) capaci di resistere a 3.000 circli di ricarica. I freni sono a disco (in optional l’ABS a 490 euro), il telaio è portante in lega di alluminio, la carrozzeria può essere personalizzata in 16 colori.

tazzari buggy

Tazzari Buggy è alimentato da una batteria Standard da 8 kWh che consente, in modalità Eco, di raggiungere un’autonomia fino a 103 km, con la prima a garantire fino a 103 km di autonomia. Con l’accumulatore Big da 14,2 kWh il range aumenta a 180 km, sempre viaggiano in Eco. Le batterie sono in Litio-Ferro-Fosfato (LFP) capaci di resistere a 3.000 circli di ricarica. I freni sono a disco (in optional l’ABS a 490 euro), il telaio è portante in lega di alluminio, la carrozzeria può essere personalizzata in 16 colori. Prezzo a partire da 18.990 euro.

.La gamma Tazzari è stata arricchita quest’anno anche dall’arrivo di Minimax, un “cubo” di 213 cm di lunghezza, 120 di larghezza e 167 di altezza. E’ disponibile in quattro varianti, due con omologazione da quadriciclo leggero con motore da 6 kW e velocità di 45 km/h e due, denominate Minimax Cubo, “pesanti” con motore da 11,5 kW (15 di picco) dotati di un ampio vano di carico posteriore. In questo caso i prezzi partono da 12.990 euro.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it—-

Apri commenti

18 COMMENTI

  1. C’è qualcosa che non va nella business unit di Tazzari. Capisco l’italianità, capisco la nicchia, ma i prezzi sono proprio fuori mercato. A mio avviso stanno sbagliando tutto perché sicuramente si può fare molto meglio.

    Ora, questo coso costa 19000 euro. Stavo per fare un paragone con un’auto termica, ma per fortuna in extremis ho trovato un paragone che mi eviterà il missile ipersonico, la Citroen Amì: costa 7.200 euro, questa spiaggina di Tazzari costa 2 volte e mezzo una Citroen Amì. Certo, autonomia e velocità massima sono la metà ma questo non rileva perché per le finalità di questo mezzo non serve avere più performance. Come si fa ad approvare un progetto come questo sapendo che il costo finale è 2 volte e mezzo quello di una Citroen Amì.

    Altri esempi? Wuling Hong Guang Mini EV a 4000 euro, l’elettrica cinese più venduta in Cina, oppure la Chang Li ZYX a 844 euro (il prezzo è corretto, non ho sbagliato a scrivere), vettura chiusa 4 porte che è stata importata da un noto sito di auto nordamericano ai fini di test e che a seguito della recensione ha avuto un boom di vendite. Ripeto, 844 euro (a seguito del successo il modello di quest’anno è più rifinito e potente e costa il doppio).

    • -C’è qualcosa che non va nella business unit di Tazzari. Capisco l’italianità, capisco la nicchia, ma i prezzi sono proprio fuori mercato. –

      Ci sono dinamiche che esulano da quello che si può comprendere a prima vista. Magari il core business di Tazzari è quello di fare consulenze o di fare il terzista e a questo punto i suoi prodotti gli servono praticamente solo da vetrina. Oppure magari vende fortissimo all’estero, noi non lo sapremo mai e a quel punto i conti tornano da un punto di vista contabile. In pratica per fargli i conti in tasca come si deve bisognerebbe avere i bilanci in mano. 😉

      • Il modello di business è semplice da comprendere: se il cinese vende la sua dune buggy / quad a 5000 euro e ha un guadagno di 500 euro a vendita, Tazzari la vende a 19000 euro e ha un guadagno di 14500 euro a vendita. In pratica con una sola vendita si porta a casa quello che guadagna il cinese dopo 29 vendite. Ovviamente i numeri sono esagerati (magari li vende addirittura in perdita, vallo a sapere), è giusto per fare un esempio, ma questo business model qui quanto può valere e quanto può durare? E’ il modello di business delle grandi marche, che vendono pochi capi a prezzi esagerati che hanno pagato da un sarto napoletano un ventesimo del prezzo. Ma quelli sono grandi marchi e possono permetterselo: quanto può durare un business così senza avere nessuna reason why (neanche la brand awareness) che giustifichi un prezzo così alto?

        • Che costi 1’000 o 10’000 non cambia nulla, cambia solo la posizione di mercato, la prima dovrà produrre 1’000’000 di auto la seconda 100’000 alla fine gli utili saranno gli stessi, è come paragona una Pagani ad una Ferrari

  2. Noooo!!! Il colore non va bene! no no no!!!

    Non una Dune Buggy qualunque!!!

    Deve essere rossa, con la cappottina gialla!!!

      • Ci sarà di sicuro. Ma ci vuole per forza anche la cappottina gialla. ☝️ O lei mi sta facendo capire che non ho mai visto Altrimenti ci arrabbiamo?

        • Peccato che il quad Tazzari non sia stato ideato prima, altrimenti avrebbero potuto usarlo per il remake di A.C.A. uscito in questi giorni…

          • Ho visto il trailer e alcuni spezzoni… il confronto è assolutamente improponibile🤦‍♂️😭

          • Ma ci vuole anche la cappottina gialla!!! 😂😂😂😂😂

            Speriamo che sia fra gli optional.

            Ma secondo lei per quale motivo una macchina sostanzialmente inutile, nemmeno troppo bella, tecnologicamente nata vecchissima e assemblata in un garage è diventata un oggetto di culto?😂😂😂

            Non ci crede nessuno che lei non ha visto quel film! 😂😂😂

          • Il film non l’ho visto, ma all’Università sbavavo per quella di un mio amico. La Buggy secondo Tazzari è molto più bella. E dal vivo ancora meglio

          • Chissà perchè non sono stupito… 😂

            Ma c’è spazio per tutto nella vita. Una sera si guarda il fascino discreto della borghesia, un’altra la si passa a contemplare la fotografia di Barry Lyndon, un’altra ancora ad ammirare Bruno Ganz che interpreta magistralmente Hitler, poi c’è immancabilmente la volta che mi prendo un po’ di tempo per andare a cercarmi Buster Keaton o qualche film muto… e perchè no, ogni tanto ci si concede qualcosa di leggero purchè sia genuino. Una delle cose che mi mancano, dacchè ho i bambini è proprio il cinema. Un po’ perchè ovviamente manca il tempo di andarci fisicamente, un po’ perchè oramai il televisore è roba loro…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome